Gli alieni stanno cercando di contattarci? Forti segnali dallo spazio.

E se gli alieni stessero cercando di contattarci?

Gli alieni sono enormemente più avanzati di noi; quanto lo siano, dipende da SE stanno puntando proprio la Terra o stanno trasmettendo onde radio in tutte le direzioni.

I segnali radio misteriosi

Il radio telescopio Green Bank nella Virginia dell’Ovest e l’osservatorio di Arecibo nel Puerto Rico, hanno intercettato sei (6) raffiche di forti segnali radio originate da una costellazione lontana 3 miliardi di anni luce dalla Terra. Conosciuti come Fast Radio Burst o FRBs  (Raffiche Radio Veloci), durano solo pochi millisecondi ma generano tanta energia quanta ne genera il sole in un intero giorno.

Undici FSBs sono state intercettate da potentissimi radiotelescopi a Marzo, provenienti da sorgenti simili nello spazio profondo.

Una squadra di ricercatori dell’Università McGill scrive in un articolo pubblicato su The Astrophysical Journal:

“Abbiamo registrato attraverso osservazioni radio e raggi X l’unica sorgente Fast Radio Burst conosciuta, FRB 121102. Abbiamo intercettato sei (6) altre raffiche radio da questa sorgente: cinque con il radiotelescopio Green Bank a 2 GHz ed uno a 1.4 GHz con l’ osservatorio di Arecibo per un totale di 17 raffiche da questa sorgente.

Abbiamo appreso che la larghezza intrinseca delle 12 raffiche FRB 121102 da Arecibo sono, in media, significativamente più lunghi della larghezza intrinseca delle 13 singole componenti delle FRBs intercettate con il radiotelescopio Parkes.”

radio telescopio alieni stanno cercando di contattarci

Data l’energia dei segnali, la loro natura ripetitiva e la posizione, sono già iniziate le speculazioni su una ipotetica civiltà aliena avanzata che cercherebbe di contattarci. Gli scienziati non hanno escluso la possibilità che i segnali possano essere originati da un’intelligenza extraterrestre ma, tuttavia, dicono sia più plausibile che siano eruzioni solari provenienti da una giovane stella di neutroni .

“La scoperta di queste raffiche ripetitive provenienti da FRB 121102, mostra che,  per almeno una sorgente, le origini delle raffiche non possono essere catastrofiche e, inoltre, dovrebbero essere in grado di ripetersi in tempi brevissimi [meno di un minuto]. Che l’ FRB 121102 sia un unico oggetto nel campione attualmente conosciuto delle FRBs o che tutte le FRBs siano capaci di ripetersi, la loro caratterizzazione è estremamente importante per capire questi sfuggenti, rapidi segnali radio extra – galattici.”

Nel Maggio 2015 l’osservatorio RATAN-600, nella Zelenchukskaya Russa, hai intercettato una misteriosa raffica di segnali radio (che duravano non più di 2 secondi) provenienti da una stella lontana 6,3 miliardi di anni luce in una costellazione a 94,4 anni luce di distanza dalla Terra.

Gli Astronomi assunti per la ricerca di vita extra terrestre intelligente (SETI) stanno esaminando il segnale radio e la stella simile al nostro sole da cui proviene, HD 164595, nella speranza di determinarne la sua origine usando il radiotelescopio Allen Array in California.

Gli alieni stanno cercando di contattarci?

Secondo Seth Shostak, un astronomo del SETI, l’energia che un raggio di luce extraterrestre dovrebbe produrre per mandare più segnali in diverse direzioni, dovrebbe avere una potenza di 100 quintilioni di watts.

Gli alieni che l’hanno inviato “dovrebbero essere enormemente più avanzati di noi”, afferma; quanto avanzati dipende da SE stanno puntando direttamente la Terra o se stanno trasmettendo casualmente onde radio in tutte le direzioni.

“È centinaia di volte superiore di tutta l’ energia che arriva sulla terra dalla luce del sole. Va da sé che questo richiederebbe una sorgente di energia di molto superiore a tutto ciò che esiste sulla Terra.”

L’ astronomo Douglas Vakoch, presidente del METI International (che cerca la vita oltre la Terra) ha dichiarato alla CNN:

“Il segnale da HD164595 è intrigante perché viene dalle vicinanze di una stella simile al sole e, se artificiale, la sua forza è grande abbastanza da poter essere creata da una civiltà con delle capacità che vanno oltre quelle della razza umana.”


“Una tale civiltà sarebbe presumibilmente di Tipo II sulla scala di Kardashev, aggiunge Paul Gilster della Fondazione Tau Zero (che conduce ricerche interstellari). Nel 1964 l’astronomo russo Nikolai Kardashev ha definito tre livelli di civiltà basati sulla loro capacità di controllare ed usare l’energia (la scala Kardashev):

  • Tipo I – una civiltà in grado di controllare l’energia di tutto il loro stesso pianeta inclusa quella solare, del vento, terremoti ed altri combustibili:
  • Tipo II – una civiltà interstellare capace di controllare tutta l’energia proveniente da una stella:
  • Tipo III – una civiltà galattica capace di risiedere e controllare l’energia di un’ intera galassia.

Ad oggi la nostra civilizzazione è approssimativamente vicino al Tipo I della scala Kardashev. L’ International Business Times osserva:

“Se la sorgente delle più recenti FRBs fosse artificiale, potrebbero essere state mandate da una civiltà extraterrestre di Tipo II con lo scopo di raggiungere altre simili civiltà intelligenti. Questo perché la quantità di energia in queste FRBs non può essere prodotta da nessun mezzo convenzionale conosciuto all’ uomo ma può essere emesso da una sorgente artificiale di una civiltà che sia in grado di controllare il potere di un’ intera stella.”

Mentre gli scienziati stanno ancora investigando sui segnali radio e sono ancora molto lontani dal concludere se gli alieni possano aver provato a contattare la Terra, il fisico teorico Stephen Hawking avverte che gli umani non dovrebbero rispondere ai segnali alieni dallo spazio perché gli alieni sarebbero molto più avanzati di noi.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Madness

Just a curious guy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *