Il libro di Thoth: un sacro libro egizio antico che offre conoscenza illimitata

Si dice che il Libro di Thoth contenga un numero di incantesimi, uno dei quali consente al lettore di comprendere il linguaggio degli animali, e di percepire gli dei stessi. La leggenda dice che colui che ha letto il contenuto del libro otterrebbe i mezzi per decifrare i segreti e dominare la terra, il mare, l’aria e i corpi celesti.

Il Libro di Thoth

il libro di Thoth

Uno dei libri più misteriosi che siano mai stati menzionati nella storia dell’umanità è il Libro di Thoth, un libro sacro e misterioso degli antichi egizi, scritto da un antico Dio.

Secondo i documenti storici, il Libro era una raccolta di antichi testi egizi che erano stati scritti da Thoth, l’antico dio egizio della scrittura e della conoscenza.

Includono numerosi testi che sono stati dichiarati esistere da autori antichi e un libro magico che appare in un’opera di narrativa egiziana.

Il libro di Thoth appare frammentato in diversi papiri, la maggior parte del secondo secolo del periodo tolemaico.

Il libro è citato per la prima volta nel cosiddetto papiro di Turis, pubblicato a Parigi alla fine del 18°secolo, che descrive un tentativo fallito di uccidere un faraone, usando una serie di incantesimi presi dal Libro di Thoth .

* Nota: Il ricercatore Philip Coppens scrive come il ” Papiro di Turis “, non esiste ma derivava probabilmente dal noto Papiro di Torino. Il papiro dei re di Torino, noto anche come Canone di Torino, è un manoscritto ieratico della 19° dinastia egizia, che elenca i re d’Egitto fin dai primi tempi fino al regno di Ramses II (1279-13 aC), sotto il quale fu scritto. Quindi, non solo il Turis somiglia al Torino in nome, ma anche alla data di origine.”

Inoltre, ci sono diverse versioni, anche se le compilazioni hanno portato a ricostruire una storia comune a tutti loro, fondamentalmente un dialogo in cui ci sono due interlocutori, il dio Thot e un discepolo che “aspira a conoscere”, anche se c’è un altro dio, probabilmente Osiride, che parla anche con il discepolo.

Il quadro letterario potrebbe essere paragonato ai testi ermetici greci, che mostrano anche dialoghi tra Hermes-Thot e i suoi discepoli; tuttavia, la presenza di alcuni testi prima del primo secolo la pone prima dei primi testi filosofici ermetici greci.

Il nome di “Book of Thot” Libro di Thoth è stato applicato a numerosi testi.

Manetho, un antico prete egiziano, sosteneva che Thot aveva scritto 36.525 libri, sebbene alcuni investigatori come Seleukos affermassero che erano circa 20.000.

Il libro fittizio di Thoth appare in un’antica storia egiziana del periodo tolemaico che parla di un coraggioso principe egiziano chiamato Neferkaptah che decide di recuperare il Libro di Thoth, nascosto nelle profondità del Nilo .

Si dice che il libro, scritto da Thoth, contenga due incantesimi, uno dei quali consente al lettore di comprendere il linguaggio degli animali, e quello di percepire gli dei stessi.

“Il libro è a Copto in mezzo al fiume. 
Nel mezzo del fiume c’è una scatola di ferro, 
nella scatola di ferro c’è una scatola di bronzo, 
nella scatola di bronzo c’è una scatola di legno keter, 
nella scatola di legno keter c’è una scatola di avorio ed ebano, 
nell’avorio- e-scatola di ebano c’è una scatola d’argento, 
nella scatola d’argento c’è una scatola d’oro, 
e nella scatola d’oro c’è il libro di Thoth
Intorno alla grande scatola di ferro ci sono serpenti e scorpioni e ogni genere di cose che strisciano, e soprattutto c’è un serpente che nessun uomo può uccidere. Questi sono impostati per proteggere il Libro di Thoth.”Fonte )

Il libro immaginario di Thoth

La leggenda suggerisce che il libro fosse originariamente nascosto sul fondo del Nilo vicino a Copto, dove era rinchiuso in una serie di scatole custodite da serpenti che nessun uomo poteva uccidere.

Il coraggioso principe egiziano Neferkaptah decise di recuperarlo. Combatté i serpenti e riuscì a recuperarlo, ma in punizione per il suo furto da Thoth, gli dei uccisero sua moglie Ahwere e suo figlio Merib.

Neferkaptah alla fine si suicidò e si diceva fosse stato sepolto insieme al libro.

Generazioni più tardi, il protagonista della storia, Setne Khamwas (un personaggio basato sul principe storico Khaemwaset), riesce a rubare il libro dalla tomba di Neferkaptah nonostante una feroce opposizione dal fantasma di Neferkaptah.

Setne alla fine incontra una bella donna che lo seduce a uccidere i suoi figli e umiliandosi di fronte al faraone.

Scopre che ciò che aveva visto era in realtà un’illusione prodotta da Neferkaptah, e nel timore di ulteriori ritorsioni, Setne decide di restituire il libro alla tomba di Neferkaptah.

Su richiesta di Neferkaptah, Setne trova i corpi della moglie e del figlio di Neferkaptah e li seppellisce nella tomba di Neferkaptah, che viene poi sigillata per l’eternità.

La storia è pensata per riflettere l’antica credenza egiziana secondo cui la conoscenza degli dei non è pensata per gli umani comuni.

Frammenti sono stati trovati a Berlino, Parigi, Vienna, Firenze, Copenaghen e New Haven.

Si credeva che colui che leggeva il contenuto del libro avrebbe ottenuto i mezzi per decifrare e padroneggiare i segreti relativi alla terra, al mare, all’aria e ai corpi celesti.

Ha anche conferito la facoltà di assimilare il linguaggio degli animali, restituendo la vita ai morti e agendo su menti lontane e vicine.

Il padre della chiesa Clemente di Alessandria, nel sesto libro della sua opera Stromateis, menziona quarantadue libri usati dagli antichi sacerdoti egizi che dice che contengono “l’intera filosofia degli egiziani”.

Tutti questi libri, secondo Clemente, furono scritti da Ermes (un antico dio greco preesistente che i Greci paragonarono a Thoth, sostenendo che erano uno e lo stesso dio, a causa del fatto che avevano qualità simili, cioè entrambi scritti inventati).

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *