Le Linee di Nazca: antiche piste Vimana

E se, in un lontano passato, le linee di Nazca fossero state utilizzate come linee guida per gli antichi Vimana?

Da quando le linee di Nazca e le loro figure intricate sono state scoperte, molte domande sono sorte riguardo al loro vero scopo.

Queste gigantesche figure erano destinate ad essere viste dall’alto? Riproducevano le costellazioni del cielo?

Gli antichi stavano cercando di lasciare indizi alle generazioni future? Le linee di Nazca sono solamente pura arte antica?

Se fosse così … perché un’antica civiltà avrebbe creato queste opere d’arte che non possono essere viste da terra nella loro interezza? E se la risposta alle enigmatiche linee di Nazca si trovasse proprio davanti a noi, ma non volessimo accettarlo?

Il mistero delle Linee di Nazca

Non molto tempo fa il professor Masato Sakai, specialista in archeologia andina, che ha indagato sulle linee di Nazca per oltre dieci anni, ha stimato che circa un migliaio delle linee rette trovate a Nazca servivano a facilitare le comunicazioni ed i collegamenti tra i villaggi e le persone.

Secondo la teoria proposta dal professor Sakai, le linee di Nazca sono state realizzte in un periodo di circa 2000 anni partendo dal 400 A.C.

Mentre la sua teoria è sicuramente interessante, non si riesce a spiegare lo scopo generale delle figure, forme geometriche e gigantesche “piste” sulle montagne le cui cime sembra siano state rimosse con lo scopo di creare una superficie quasi piatta che stranamente imita le piste dei nostri giorni.

La domanda è: perché non interpretiamo le giganti linee come quelle che sembrano … piste giganti?

Le Linee di Nazca piste giganti

Ebbene, innanzitutto ciò sarebbe in contrasto con tutto quello che la storia ci ha raccontato negli ultimi cent’anni.

L’uomo antico che abitava le regioni delle Americhe, Asia e Africa era primitivo e non avanzato, così l’idea che le linee di Nazca avrebbero potuto essere state usate come una sorta di pista gigante sembrerebbe ridicola a coloro i quali si attengono agli storici e agli archeologi tradizionali .

Purtroppo è stato dimostrato che gli studiosi sono molto attenti quando si tratta di siti come le linee di Nazca, Puma Punku, Tiahuanaco, Teotihuacan, ecc …

Solo perché gli studiosi tradizionali dichiarano che sarebbe impossibile che l’umanità antica possedesse una tecnologia avanzata migliaia di anni fa, non significa necessariamente che sia vero.

Una domanda importante che dobbiamo porci è se le linee di Nazca fossero in realtà un’arte antica o un modo per l’uomo antico di comunicare, allora perché ci sono anomalie magnetiche presenti nei pressi di queste linee misteriose?

Secondo i rapporti, gli scienziati dell’Università di Dresda sono andati alla ricerca delle linee di Nazca, hanno misurato il campo magnetico ed hanno trovato variazioni del campo magnetico sotto alcune delle linee.

Anche la conduttività elettrica è stata misurata a Nazca, dove i test sono stati eseguiti direttamente sulle linee ed intorno a loro. I risultati hanno mostrato che la conduttività elettrica era 8000 volte più alta rispetto alle linee adiacenti.

Secondo i ricercatori, a circa otto metri al di sotto di alcune delle linee ci sono anomalie del campo magnetico.

C’è qualcosa a Nazca che la rende unica, diversa da qualsiasi altro luogo sulla terra, ma noi semplicemente non sappiamo cosa sia.

Nazca: L’antica pista Vimana

I testi antichi, in particolare i testi indiani, parlano dell’antico Vimana. Secondo molte interpretazioni i Vimana sono i veicoli degli dei che hanno visitato la Terra in un lontano passato.

Gli studiosi tradizionali ritengono che queste incredibili macchine volanti non siano altro che un mito. Si dice che fossero in grado di viaggiare per brevi periodi di tempo in luoghi diversi del pianeta e avessero anche la capacità di viaggiare da un pianeta all’altro .

Aachaarya Naaraayana dice: “ciò che può accelerare sulla terra, sull’acqua, attraverso l’aria, dal proprio potere, come un uccello, è un” Vimana. “

Shankha dice: Gli esperti della scienza dell’aeronautica dicono: “Ciò che può volare attraverso l’aria da un luogo ad un altro è un Vimana”.

E Vishwambhara dice: “Gli esperti dicono che quello che può volare in aria da un paese all’altro, da un’isola ad un’altra isola e da un mondo all’altro è un” Vimana “.

Il Vaimānika Śāstra un testo sanscrito del 20° secolo sulla tecnologia aerospaziale, fa un’affermazione riguardo i vimānas menzionati nell’antica epopea sanscrita: erano veicoli volanti aerodinamici avanzati; simile a un razzo in grado di effettuare voli interplanetari. Come sostenuto dall’ antica teoria aliena.

Mostrati nel 1952 da G.R. Josye, i testi contengono 3000 shlokas (versi) in 8 capitoli che Shastry sostiene essere stati fisicamente consegnati a lui dall’antico saggio Bharadvaja. La propulsione dei Vimana, secondo Kanjilal (1985), avviene attraverso “Mercury Vortex Engines” (Motori a Vortici di Mercurio), un concetto simile alla propulsione elettrica.

Gli autori sostengono che il saggio Maharishi Bharadwaj avrebbe descritto più di 7000 anni fa “aeromobili in viaggio tra i paesi, continenti e pianeti.”

Allo stesso tempo il Vice Cancelliere dell’Università di Mumbai, Rajan Welukar, ha detto che “non c’è ragione di credere in quello che dicono dei veda, ma è qualcosa che vale la pena studiare.”

Quindi le “piste” giganti che sono chiaramente visibili in Perù presso Nazca sono in realtà “marcatori di navigazione” per veicoli antichi come il Vimana?

Gli ‘dèi’ utilizzavano questi percorsi in un passato lontano per visitare la gente in Perù?

E se l’antico popolo avesse solo cercato di imitare le figure in onore di quegli “dèi” che venivano dall’alto?

È interessante notare che, secondo alcune leggende locali, il misterioso creatore Inca, il dio Viracocha, avrebbe commissionato le Linee di Nazca ed altri glifi in passato.

Si dice che queste linee siano state create dallo stesso Viracocha. Era il grande maestro Dio delle Ande.

Viracocha era una delle divinità più importanti nel Pantheon Inca, visto come il creatore di tutte le cose o la sostanza da cui tutte le cose sono create e intimamente associato con il mare.

Secondo il mito registrato da Juan de Betanzos, Viracocha è salito dal Lago Titicaca (o talvolta dalla grotta di Pacaritambo) durante il periodo dell’oscurità per potare luce.

Alcune delle parti di Nazca hanno disegni sorprendenti, triangoli altamente precisi che sono un mistero.

Alcuni dei triangoli sembrano essere stati fatti da qualcosa che ha letteralmente pressato il suolo di almeno 30 centimetri con una forza incredibile. Gli antichi a Nazca sarebbero stati in grado di fare questo? Con i piedi?

Come si può creare un triangolo “perfetto” di sei miglia pressando il terreno nel deserto? Queste sono solo alcune delle teorie sulle enigmatiche linee di Nazca che gli studiosi tradizionali stanno cercando di spiegare.

Se vuoi approfondire, leggi: Vimana indiani, com’erano alimentate le macchine volanti di 6.000 anni faI viaggi interplanetari in un libro di 7.000 anni. Gli Hindù sapevano già tutto.

A cura di Ufoalieni.it

loading...