Profezia di Isaia su Gesù sbagliata. La Bibbia tedesca nel 2017 cambia.

Apriamo questo articolo con una delle famose profezie di Isaia sulla venuta del messia, profeta messianico per eccellenza per il cristianesimo.

Profezia di Isaia sul Messia

14 Perciò il Signore stesso vi darà un segno: Ecco, la giovane concepirà, partorirà un figlio, e lo chiamerà Emmanuele.
15 Egli mangerà panna e miele finché sappia rigettare il male e scegliere il bene.
16 Ma prima che il bambino sappia rigettare il male e scegliere il bene,
il paese del quale tu temi i due re, sarà devastato.

Sarà un dispiacere per i cristiani cattolici aver creduto per millenni a un errore di traduzione.

Profezia isaia sul messia, maria e giuseppe

Citazione di Mauro Biglino, per chi non lo sapesse nell’antico testamento non ci sono profezie, tutto ciò che è scritto, è stato scritto post eventum. Quindi ciò che sembrano profezie in realtà sono state scritte dopo che l’evento si era verificato e soprattutto non ci sono profezie messianiche intese in senso cristiano.

Cioè nell’antico testamento si parla di un MashiachMessia un inviato degli Elohim, che avrebbe ridato al popolo d’Israele la sua diciamo dignità. Liberandolo dal giogo straniero e mettendolo al di sopra i tutti gli altri.

Le profezie messianiche sono una invenzione della teologia cristiana, la profezia messianica che da sempre ci viene raccontata è: la profezia di Isaia. Profeta messianico per eccellenza per il cristianesimo.

Una nota: prova a prendere le profezie messianiche di Isaia e fattele spiegare da un teologo cristiano e da un ebreo, ti accorgerai di due spiegazione completamente diverse.

La profezia di Isaia è:

la vergine concepirà e partorirà un figlio in cui darà il nome di Emmanuele.

Adesso arriva il bello…

Nel 2017, in Germania, esce l’edizione della Bibbia riveduta dalla conferenza episcopale tedesca. Le nuove Bibbie curate dalla conferenza tedesca riporteranno:

la giovane donna ha concepito e sta per partorire un figlio.

Hai letto bene… Ah concepito!

Nella Bibbia ebraica c’è scritto “almah“, significa semplicemente “una giovane donna” non vergine, perché vergine in ebraico significa “betulà“, e poi c’è “harah” che non è neppure un verbo ma un aggettivo che significa “incinta”.

La giovane donna incinta poi il participio “yoledet” che significa partorente. Quindi in ebraico c’è scritto questo.

La Bibbia che uscirà in Germania e verrà stampata da quest’anno 2017 in poi, ci sarà scritto questo e metteranno una nota in cui precisano che il termine ebraico non significa vergine, ma giovane donna.

Se il l’articolo continua a piacerti, per ripagarmi con un piccolo favore, ti basta fare click su +1 (sempre che tu non l’abbia già fatto).

[wdgpo_plusone]

Quindi la profezia –la vergine concepirà e partorirà un figlio a l’origine appena descritto sopra in ebraico. Concepirà in ebraico non è eppure un verbo ma un aggettivo “incinta”, e una che è incinta ha già concepito.

Questa profezia qui nella Bibbia ebraica non c’è, tra l’altro questa giovane donna incinta che sta per concepire ha pure un nome… si chiama Abiha, ed è la moglie giovane del re Acaz di Giuda che era incinta al tempo in cui Israele era tributario degli Assiri.

E in questo giovane bambino che stava per nascere figlio del re, si riponevano le speranze di una futura liberazione. Quindi le speranze sono nel figlio di Abiha non del futuro Gesù Cristo che non c’entra niente con quello che c’è scritto nella Bibbia ebraica.

Finalmente sono i vescovi tedeschi a farlo, e se questo lavoro qui viene fatto su tanti passi della Bibbia si arriverà a vedere cosa c’è veramente scritto.

Possiamo immaginare quest’anno un fedele tedesco che ha in mano la nuova Bibbia, e un fedele tedesco che ha in mano quella vecchia, andranno in conflitto con la profezia, a uno concepirà e all’altro ha già concepito.

In conclusione, quelli che predicano senza conoscere la lingua e sulla base di traduzioni, la predicano senza sapere che in ebraico c’è un aggettivo non un verbo; e l’aggettivo dice incinta.

Per questo le traduzioni cambiano, sono sempre cambiate nei secoli e cambieranno ancora perché ne cambieranno altri.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *