I ricercatori confermano l’età della tomba di Gesù Cristo

Gli archeologi hanno finalmente scoperto l’età della tomba di Gesù Cristo.

Secondo varie credenze, si ritiene che la chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme contenga l’ultima dimora di Gesù Cristo.

La tomba è stata profanata nel corso degli anni da violenti attacchi, disastri naturali e, naturalmente, secoli di usura. Ciò ha portato ad una serie di ricostruzioni nel corso dei secoli, motivo per cui gli studiosi moderni hanno avuto difficoltà a dimostrare o confutare la veridicità della tomba di Gesù Cristo.

L'edicola del Santo Sepolcro
L’edicola del Santo Sepolcro

Ora, per risolvere il mistero da un punto di vista scientifico, i ricercatori hanno analizzato la superficie calcarea originale della tomba e una lastra di marmo sperando di stabilire una cornice temporale in cui la tomba è stata creata.

Come notato dal National Geographic, i ricercatori ritengono che la tomba risalga al 345 dC circa. “Ovviamente quella data è azzeccata per qualsiasi cosa abbia fatto l’imperatore Costantino“, ha detto al National Geographic l’archeologo Martin Biddle, che ha pubblicato uno studio sulla tomba nel 1999 – “È molto straordinario.”

Guidati da esperti della National Technical University di Atene e in più per calcolare l’età dei materiali della tomba, è stata utilizzata una tecnica chiamata “luminescenza ottica stimolata” (OSL), che ha rivelato quando il materiale è stato esposto alla luce per l’ultima volta.

Mentre lo studio non è riuscito a stabilire se Gesù fosse effettivamente sepolto lì, la data ottenuta dagli esperti è coerente con i resoconti storici che la tomba fu trovata dai Romani e custodita intorno al 326 dc.

Curiosamente, questo corrisponde al tempo dell’imperatore Costantino, il primo imperatore cristiano di Roma.

Secondo la leggenda, Elena, la madre dell’imperatore romano Costantino (regnante circa 306- 337), scoprì la tomba di Gesù intorno all’anno 327.

Tomba di Gesù Cristo

Luogo della tomba di Gesù Cristo
Luogo della tomba di Gesù Cristo

Costantino legalizzò il cristianesimo in tutto l’impero romano e presumibilmente divenne cristiano poco prima di morire.

I Romani avrebbero protetto la tomba costruendo un santuario e una chiesa. La chiesa fu distrutta, ristrutturata e ricostruita più volte negli ultimi 1.700 anni.

Prima di questa nuova ricerca, il pezzo più antico di prova architettonica del sito risaliva al tempo delle Crociate, il che significa che aveva solo circa 1.000 anni.

Nonostante il fatto che ci siano molti dubbi sul fatto che Gesù Cristo sia esistito, ci sono abbastanza prove storiche a sostegno del fatto che Gesù di Nazareth era un vero uomo e non una figura mitologica.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *