La Verità sul Santo Graal: Calici magici in tutto il mondo

La maggior parte delle persone individua un calice speciale come l’unico Santo Graal. Altri sottolineano che le leggende del Santo Graal composto in Europa nel corso del XII al XV secolo enumerano più di dieci Sacral Grails diversi.

Un terzo gruppo afferma che i Santo Graal sono esistiti in tutto il mondo per migliaia di anni. In verità, sono stati ovunque in ogni epoca. Hanno preso la forma di calici, teschi, piatti, pietre, spade, calderoni e anche libri.

Ciò che rende un oggetto un Santo Graal è il suo possesso di un potere speciale che è stato chiamato lo Spirito Santo da parte dei cristiani, la Forza Alchimica degli Alchimisti e Kundalini degli Indù Yogi.

Il Santo Graal

santo-graal
Santo Graal

La leggenda afferma che se bevete o mangiate da un Santo Graal o addirittura lo toccherete, il suo potere vi entrerà e inizierà un processo di trasformazione alchemica che poi ti guarirà, ti illuminerà e forse anche ti renderà immortale.

Il più famoso Santo Graal storico è la Coppa di Cristo o la coppa di Giuseppe di Arimatea. Il recipiente in cui Giuseppe di Arimatea ha raccolto il sangue e il sudore del Messia dopo che fu fatto scendere dalla Croce, ed è anche il calice che Gesù ha passato tra i suoi discepoli durante l’Ultima Cena.

Secondo una leggenda, l’Arcangelo Gabriele ha ordinato a Giuseppe e undici altri missionari di viaggiare con la tazza e due fiaschi, o “cruetti”, che contengono il sangue e il sudore di Gesù fino a Glastonbury cittadina dell’ Inghilterra.

Una volta stabiliti nella loro nuova patria, Giuseppe e i suoi compagni costruirono la Cappella di Santa Maria, divenuta reliquia del calice e la prima Chiesa cristiana d’Europa.

La cappella è stata infine demolita e sostituita con una cappella più grande che è stata successivamente incorporata nella struttura dell’Abbazia di Glastonbury. Prima di morire Giuseppe, si dice che ha seppellito la Coppa di Cristo in un grosso cumulo di Glastonbury ora conosciuto come Calice Hill.

Le rovine dell'abbazia di Glastonbury
Le rovine dell’abbazia di Glastonbury a Somerset, in Inghilterra.

Oppure, afferma un altro mito, Giuseppe ha secreto il suo Santo Graal nel Calice del bene ( Calice Well un pozzo situato ai piedi di Glastonbury ), dove oggi l’acqua sanguigna, simboleggiando il sangue del Messia, continua a scorrere per nutrire e guarire, bagnarsi e bere.

Secondo una leggenda alternativa riguardante la Coppa di Cristo, dopo l’Ascensione il calice di Giuseppe fu preso da San Pietro a Roma, dove divenne la coppa principale utilizzata dai primi Papi durante la Santa Comunione.

Poi, nel 258 circa, quando l’imperatore romano Valeriano perseguitava regolarmente vescovi e altri funzionari della Chiesa cattolica di alto rango, un soldato vaticano prese il calice e lo portò in Spagna.

Diretto verso la Cattedrale di Valencia dove è diventato famoso come il Santo Caliz di Valencia. Secondo il Vaticano, questa è la vera Coppa di Cristo. Il Santo Caliz, che significa “Santo Calice“, è un calice di pietra fatta di un tipo di agata rossa che si siede su una base ornata intrecciata con 27 perle, 2 rubini e 2 smeraldi.

Il Calice di Valencia
Il Calice di Valencia

Mentre la coppa d’agata risale al tempo di Cristo, la sua base decorativa è stata aggiunta molto più tardi.

Anche se la Coppa di Cristo è davvero speciale, è solo uno dei molti Sacri Graal che risalgono al tempo della Passione. Conosciuti collettivamente come Arma Christi (strumenti della Passione), che sono stati saturi con il potere spirituale di Gesù mentre toccano il suo corpo e / o detengono i suoi liquidi.

I Sacri Grazi dell’Arma Christi comprendono la Vera Croce che Gesù in cui fu inchiodato durante la Crocifissione, la Corona delle Spine, il velo di Veronica (il panno che ha coperto brevemente la sua testa), la Sindone di Torino (il panno che ha coperto il cadavere di Gesù ) e la lancia di Longino.

Questi Sacri Grazi sono stati dispersi in tutto il mondo. La lancia di Longino fu trovata all’interno di un pilastro Vaticano. La vera croce è stata spezzettata e le sue schegge si sono poi sparse in molte cattedrali e chiese in Europa e negli Stati Uniti.

I chiodi della vera croce furono eliminate e usate per creare sia la corona di ferro che Napoleone si coronava, così come la lancia di San Maurizio, nota come la “Lancia del Destino“. Questo era il prestigioso Sacro Graal dei santi imperatori romani, e più tardi di Adolf Hitler.

La leggenda racconta che  i Cavalieri Templari possedevano tutti gli strumenti della Passione. La maggior parte di loro fu scoperta dai monaci guerrieri durante la Quarta crociata quando entrarono in una piccola cappella nel Palazzo Boukoleon a Costantinopoli e scoprirono molti strumenti della Passione insieme al Capo di Giovanni Battista.

I Cavalieri avrebbero poi affermato che la testa di Giovanni, chiamata Baphomet, emanava lo stesso potere spirituale che faceva quando era sul corpo del Battista, rendendolo così un vero Santo Graal.

Dal momento che Giovanni era stato conosciuto in quel tempo dal cerchio interno dei Templari come “Salvatore e Creatore dell’Ordine”, la sua testa è diventata immediatamente il più prezioso Sacro Graal dei Cavalieri.

Illustrazione del capo di San Giovanni Battista
Illustrazione del capo di San Giovanni Battista

Altri Santi Graal in tutto il mondo

Nel mondo molti Sacri Grazi hanno guadagnato fama prima e dopo la Passione. Un primo Santo Graal dalla Terra Santa, fu il Calice di Salomone, fatto da un enorme smeraldo scoperto nel Mar Mediterraneo. La gemma fu portata a re Salomone, da un alchimista di fama mondiale, che poi aveva intagliato in un calice alchemico.

Anche se non è noto molto il Calice di Salomone, il famoso esploratore e pittore russo Nicholas Roerich ha affermato di aver trovato delle leggende nel monastero russo Solovetz. Dopo aver studiato queste leggende, Roerich ha osservato: “Grande è il Calice di Salomone, in pietra preziosa. Sul Calice sono iscritti tre versi in caratteri sumerici e nessuno li può spiegare “.

Un altro antico Graal associato a Sumer è il Graal Sumeriano. Arthur Edward Waite ha dichiarato di aver saputo di questo vaso di Graal da uno dei suoi colleghi, il dottor Waddell, che apparentemente aveva un pezzo in suo possesso. Waddell ha affermato che i frammenti del Graal Sumerico furono scoperti nelle fondamenta di una torre appartenente al “più antico tempio del sole in Mesopotamia”.

Il vaso fu nascosto in quel tempo dal re Udu di Kish, il nipote di Re Dur, Primo re sumerico e proprietario originario del calice, che aveva apparentemente catturato la coppa da “aborigeni adoratori del serpente ” quando ha sostituito il culto del drago con un culto del Sole.

Il re Dur aveva fatto incidere il vaso con “la più antica iscrizione storica nota nel mondo”, che conteneva una genealogia degli antichi re sumeri.

Il contributo della Persia alla lista del Santo Graal comprende la Jami-Jamshid, la Coppa di Jamshid, che è stata scoperta dal leggendario re persiano Jamshid quando stava scavando un’antica città dell’Asia centrale.

Antico poeta persiano Hafez, guarda la Coppa di Jamshid
Antico poeta persiano Hafez, guarda la Coppa di Jamshid. Manoscritto turco del 1477, autore sconosciuto, di Shîrâz, Iran

Il calice radiante di Jamshid, fatto di puro turchese, potrebbe rivelare il futuro e trasformare un essere umano in un dio immortale. Un altro famoso Santo Graal Persico risiedeva alla corte di Re Kay-Khosrow. Conosciuto come il Nartmongue, la “Coppa dei Cavalieri“, questo calice è stato passato tra le mani dei cavalieri persiani almeno mille anni prima che i cavalieri di Re Artù perseguitassero il loro magico Santo Graal.

I cavalieri di Re Arthu vedono una visione del Santo Graal
I cavalieri di Re Arthu, riuniti alla Tavola Rotonda, vedono una visione del Santo Graal

Nell’Estremo Oriente l’esistenza di un antico Sacro Graal chiamato Calice del Buddha fu scoperto da Nicholas Roerich quando viaggiò in Cina e Mongolia negli anni Venti. I monaci buddisti hanno informato Roerich che l’origine del calice era contenuto all’interno di una Jataka, una storia aneddotica estratta direttamente dalla vita di Buddha, che affermava:

“… dalle quattro terre giunsero i quattro custodi del mondo … offrivano quattro calici in pietra nera e [il Buddha], pieno di compassione per i quattro saggi, accettò i quattro calici. Lui li pose uno dentro l’altro e ordinò: “Fa che sia uno!” E i bordi dei quattro divennero visibili come contorni. Tutti i Calici ne formarono uno. Il Buddha accettò il cibo nel Calice appena creato e, dopo aver preso il cibo offerto, ha ringraziato. “

Roerich acquisì più informazioni sul Calice di Budda quando attraversò la città sulla Strada della Seta. Lui scrive:

“Karashahr è … l’ultimo luogo di riposo del Calice di Budda, citato dagli storici. Il Calice del Beato è stato portato qui da Peshwar e scomparso qui. Si dice: “Il calice del Buddha verrà ritrovato quando si avvicina il tempo di Shambhala [l’età dell’oro]”.

Il Calice di Budda è meglio conosciuto come il Calderone Reale della Cina, è un grande vaso d’oro noto per aver portato per una volta, lunga vita e prosperità ad alcuni imperatori cinesi. Il Calderone Reale era famoso per le sue proprietà alchemiche e, magicamente manifestava in sé l’elisir d’immortalità per gli imperatori giusti, tra cui l’Imperatore Hung-ti e l’imperatore Wu della dinastia Han.

Ma il Calderone d’Oro avrebbe solo aiutato gli imperatori giusti.

Un calderone a treppiede fine della dinastia Shang
Un calderone a treppiede, fine della dinastia Shang, Cina

Altrimenti, come nel caso del cattivo Imperatore Shi Huang-ti della Dinastia Chin, il Calderone Reale sarebbe scomparso misteriosamente e rimarrà nascosto fino a quando un governatore più apprezzato salirà sul trono della Cina.

loading...