Terremoti previsti per il 2018 a causa di variazioni dell’orbita terrestre

Secondo gli scienziati, il numero di terremoti gravi dovrebbe aumentare in modo esponenziale nel 2018, a causa del rallentamento della rotazione terrestre. Variazioni minime della velocità di rotazione della Terra potrebbero innescare intense attività sismiche nel 2018, specialmente nelle regioni tropicali densamente popolate, questo è quello che avvertono gli esperti.

Sebbene tali variazioni nella rotazione del nostro pianeta siano piccole, cambiando la durata del giorno di un millisecondo, questi cambiamenti potrebbero scatenare un rilascio di grandi quantità di energia sotterranea.

La connessione tra la rotazione della Terra e l’attività sismica è esposta in uno studio di Roger Bilham dell’Università del Colorado a Boulder e Rebecca Bendick dell’Università del Montana in Missoula, presentato in ottobre durante l’incontro annuale della Società geologica d’America.

La relazione tra la rotazione della Terra e l’attività sismica è forte e suggerisce che ci sarà un aumento del numero di violenti terremoti quest’anno“, ha detto Bilham in un’intervista.

effetti terremoti

Nello studio presentato da Bilham, i due sostengono che osservando terremoti di magnitudo 7 e maggiori avvenuti dal 1900 spiegano: “i principali terremoti sono stati ben registrati per più di un secolo, e questo ci offre un buona documentazione da studiare “.

I due ricercatori hanno scoperto cinque periodi in cui vi era un numero significativamente maggiore di terremoti di grandi dimensioni rispetto ad altre volte.

Durante questi periodi, c’erano tra 25 e 30 intensi terremoti all’anno“, aggiunge Bilham.

Il resto del tempo, il numero medio era di circa 15 grandi terremoti all’anno“.

I ricercatori hanno cercato di trovare correlazioni tra questi periodi di intensa attività sismica e altri fattori e hanno scoperto che quando la rotazione della Terra diminuiva leggermente, era seguita da periodi di aumento del numero di terremoti intensi.

La rotazione della Terra cambia leggermente – a volte di un millisecondo al giorno – e questo può essere misurato molto accuratamente dagli orologi atomici.

Bilham e Bendick scoprirono che c’erano periodi di circa cinque anni in cui la rotazione della Terra era stata ridotta di quella quantità diverse volte nell’ultimo mezzo secolo.

Gravi terremoti per il 2018

Fondamentalmente, questi periodi di tempo sono stati seguiti da periodi in cui il numero di intensi terremoti è aumentato.

È semplice“, dice Bilham. “La Terra ci sta offrendo un avvertimento di cinque anni sui terremoti futuri“.

Questo collegamento è particolarmente importante perché l’orbita della Terra ha iniziato una delle sue diminuzioni periodiche più di quattro anni fa.

L’inferenza è chiara” conclude il ricercatore.

Quest’anno dovremmo assistere a un significativo aumento del numero di gravi terremoti. Ci è stato facile nel 2017. Finora, abbiamo avuto solo sei gravi terremoti. Potremmo facilmente avere 20 all’anno a partire dal 2018 “.

Non è chiaro esattamente il motivo per cui le diminuzioni della lunghezza della giornata dovrebbero essere correlate ai terremoti, anche se gli scienziati sospettano che piccoli cambiamenti nel comportamento del nucleo della Terra potrebbero causare entrambi gli effetti.

Purtroppo, è difficile prevedere dove si verificheranno questi terremoti aggiuntivi, anche se Bilham ha affermato di aver scoperto che la maggior parte degli intensi terremoti che hanno risposto ai cambiamenti nella lunghezza del giorno sembrava verificarsi vicino all’equatore.

Circa un miliardo di persone vive nelle regioni tropicali della Terra.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *