Alieni bianchi alti: "Sono tra noi" | Ufo e Alieni
Dom. Apr 21st, 2024

I Bianchi Alti vengono spesso scambiati per Pleiadiani, a causa dei limiti della comprensione umana, ma sono molto diversi da loro.

alieni bianchi alti

Charles Hall, un ex veterano dell’aeronautica americana, afferma che le forze armate statunitensi hanno avuto contatti e lavorato dagli anni ’50, insieme a questa razza aliena, chiamata i bianchi alti.

Charles Hall, descrive questi esseri come alti più di 8 piedi e di aspetto umanoide. Hanno i capelli biondi e bianchi e un forte aspetto muscoloso. Hanno tutti la carnagione bianca. La sua pelle è completamente bianca, come il gesso. I loro fianchi hanno la stessa forma dei nostri, ma camminano in modo molto diverso poiché sono abituati a una forza di gravità più intensa.

Solitamente visti indossare tute alluminizzate, possono vivere per circa 800 anni. Non invecchiano come noi, ma intorno ai 400 anni terrestri, subiscono una seconda fase di crescita, raggiungendo infine circa 8 piedi di altezza.

Sono estremamente intelligenti ed elaborano le informazioni a una velocità molte volte più veloce degli umani. Hanno talenti individuali, diverse capacità intellettuali e caratteristiche fisiche.

Anche se la loro tecnologia è ben al di là della nostra al momento, l’evidenza suggerisce che con altre misure meno tangibili, “saggezza”, “intelligenza”, “morale”, potrebbero essere abbastanza paragonabili a noi.

Questi esseri alieni di solito comunicano con l’aiuto della telecinesi e della telepatia. La cosa interessante di loro è che, secondo Charles Hall, hanno 28 denti e le loro cellule del sangue sono di forma biconvessa, rispetto agli umani, che hanno cellule del sangue concave.

Anche il ritmo del sonno dei Bianchi Alti è diverso da quello degli umani. Diverse volte più veloce degli umani. Hanno talenti individuali, diverse capacità intellettuali e caratteristiche fisiche.

Sul loro pianeta, i giorni sono più lunghi e in genere rimangono svegli per due giorni terrestri, quindi continuano a dormire per lo stesso periodo di tempo.

L’origine e la posizione del loro pianeta sono ancora sconosciute, ma la stella Arturo sembra essere molto importante per loro. Charles Hall, attraverso il legame telepatico che spesso stabiliscono con lui, è stato in grado di percepire che la stella Arturo, o qualcosa di simile ad Arturo, è molto importante per loro.

La sua casa definitiva potrebbe essere da qualche altra parte. In una recente conferenza, questo è ciò che Charles Hall ha dichiarato: “Non potrei mai determinare, come gli Alti Bianchi chiamassero la loro stella“.

alieni bianchi alti 2
Tuttavia, la mia ipotesi migliore, era una stella, che dista circa 105 anni luce. La “ipotesi migliore” di Hall era probabilmente un’ipotesi eccellente, poiché era stato in grado di decifrare i tempi di transito per la rotta da osservazioni molto attente delle diverse navi e dei loro orari.

Molte persone diverse riferiscono di aver visto o incontrato questi esseri Alti Bianchi ai nostri giorni, ma ciò che è molto interessante è che ci sono molti documenti nella nostra storia, che suggeriscono anche l’esistenza e la visita di questi alieni sul nostro pianeta, migliaia di anni fa.

Nel corso della storia, molte culture affermano di aver avuto incontri con esseri bianchi del cielo. Vari miti e storie li descrivevano come persone alte e snelle con la pelle bianca, occhi azzurri e capelli bianchi.

In Sud America, i Viracocha li descrivevano come bianchi padroni dei cieli. Secondo gli Incas, i maestri bianchi condividevano gli insegnamenti di astronomia, calendario, artigianato e spiritualità.

Sempre nella mitologia persiana, il nome Ahura Mazda significa Spiriti della Saggezza. Si dice che l’Ahura Mazda abbia condiviso i suoi insegnamenti con la gente del posto.

Sono stati descritti come spiriti bianchi, che volavano su dischi luminosi. Inoltre, in America, gli indiani Hopi hanno trovato il Pahana. Pahana significa fratello bianco dei cieli. Si dice che i fratelli bianchi abbiano dato agli indigeni una conoscenza spirituale di natura filosofica.

Ancora oggi gli indiani Hopi attendono il ritorno dei Pahana, i loro veri fratelli bianchi. Inoltre, nel paese dell’India, il nome Vayu, ha il significato degli dei bianchi del vento.

Si dice che gli dei bianchi condividessero l’antica conoscenza con i nativi, e si dice che il dio Vishnu tornerà dal suo popolo accompagnato da bellissimi cavalli bianchi.

Secondo l’antica letteratura sanscrita, descrisse un mondo, pieno di antichi veicoli volanti, chiamati Vimana. Si dice che questo enorme dispositivo sia controllato dalla mente e che sia un carro degli dei dal cielo.

Possiamo trovare molte rappresentazioni delle loro astronavi da vecchi disegni. Per quanto riguardava Mosè, l’astronave era la residenza di Dio, e il resto dell’equipaggio erano gli angeli di Dio.

La tecnologia delle astronavi degli Alti Bianchi, è stata descritta nel corso della storia. Charles Hall ha descritto tre diversi tipi di veicoli spaziali, di dimensioni variabili da una piccola nave esploratrice a propulsione nucleare a un grande veicolo interstellare in grado di viaggiare più velocemente della velocità della luce.

Questa grande nave nera era alta circa 70 piedi e lunga 360 piedi. Hall ha affermato che la tecnologia della piccola nave è stata condivisa con i militari, ma la grande nave rimane un mistero. Questo è ciò che Charles Hall aveva da dire, riguardo al suo hangar e alle sue strutture abitative.

Sono stato in grado di osservare la struttura di riparazione da una breve distanza e, per quanto ne so, sono l’unica persona a cui è stato permesso di vedere queste strutture.

I generali americani farebbero qualsiasi cosa per mantenere buoni rapporti con i bianchi alti al fine di ottenere la loro tecnologia“. “Lo scambio è stato fatto sulla base di ciò che avrebbe giovato ai bianchi alti, e talvolta hanno partecipato a riunioni riservate aiutando con lo sviluppo tecnologico“.

Charles Hall ha detto di averli visti insieme molte volte e si sono persino seduti insieme ai tavoli delle trattative.

Hall ha detto che i militari hanno sicuramente fornito ai bianchi qualsiasi tipo di cibo richiesto, ma ha notato che stavano trasportando sacchi preparati di quello che sembrava un budino di funghi. Hall immaginò che fossero erbivori, poiché notò che raccoglievano semi in diverse occasioni.

Si dice anche che il presidente Eisenhower abbia avuto un incontro segreto con un gruppo di alieni alti bianchi che stavano cercando di convincere gli Stati Uniti a disarmare il loro programma missilistico nucleare in cambio di tecnologia avanzata.

L’evento ha avuto luogo, nel febbraio 1954, alla base aeronautica di Edwards, alla presenza di Eisenhower. Eisenhower ha dovuto trovare una scusa per la sua assenza, sottoponendosi a un intervento chirurgico dentale d’urgenza, che ovviamente era una bugia e una copertura.

Si ritiene che questo incontro non si sia concluso con alcun tipo di accordo. Invece, si ritiene che Eisenhower abbia firmato un trattato, con gli alieni Grigi, un patto che garantisse che gli Stati Uniti potessero mantenere il loro arsenale nucleare, pur ricevendo tecnologie avanzate dagli alieni.

In cambio di questa tecnologia avanzata, i Grigi potrebbero rapire e sperimentare il popolo americano senza dubbio.

Il signor Charles Hall ha affermato che i bianchi non rappresentavano una minaccia per gli esseri umani e che erano solo principalmente impegnati nel trasferimento di tecnologia con l’esercito statunitense.

Erano ospitati alla base e usavano solo la Terra, come base per i loro viaggi nello spazio profondo, e non avevano motivo di colonizzare il nostro pianeta o dominare i governi nazionali“.

Il 21 ottobre 1954, quando Jessie Rosenberg lasciò la sua casa nelle West Midlands, in Inghilterra, la signora Rosenberg, allora 29enne, era uscita per indagare su uno strano fischio che la disturbava.

Fuori, i suoi due figli giacevano sull’erba. Erano sotto shock, urlando che un disco volante era sopra di loro. Fu allora che la signora Rosenberg fu testimone e descrisse l’imbarcazione come un “cappello messicano”, sospeso sopra la sua casa.

Fu allora che vide due bionde figure umanoidi che la guardavano da una finestra di osservazione sulla nave. Tutto quello che poteva fare era guardarsi indietro incredula.

La signora Rosenberg descrive gli occupanti con lunghi capelli dorati e bei volti. Indossavano un abito azzurro pallido attillato.

L’avvistamento delle West Midlands è stato raccontato e indagato per oltre mezzo decennio. A quel tempo, nessuno dei testimoni ha esitato a causa di ciò che hanno affermato di aver visto, quel giorno di ottobre 1954.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Fonte

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina