Dov’è il Pianeta X alias Nibiru? L’eterna ricerca del pianeta sfuggente

La ricerca di questo enigmatico corpo celeste è iniziata quasi un secolo fa, e fino ad oggi i ricercatori hanno ancora da presentare prove della scoperta di Nibiru o del Pianeta X, uno degli oggetti celesti più enigmatici che si dice “parzialmente” risiedano nel nostro sistema solare.

Anche se è stato affermato che il pianeta è stato effettivamente scoperto nel 1930, i ricercatori continuano a credere che il misterioso pianeta potrebbe essere da qualche parte là fuori, ancora in attesa di essere scoperto.

Per decenni, tra gli astronomi rimane un dibattito aperto sull’esistenza del Pianeta X, un grande corpo celeste che presumibilmente orbita attorno al bordo esterno del nostro sistema solare, ma finora non è stato trovato un solo corpo celeste che si adatti alle descrizioni del Pianeta X.

Nonostante l’assenza di prove inconfutabili che proverebbero l’esistenza di detto pianeta, la ricerca dell’enigmatico corpo celeste è durata decenni e i ricercatori di tutto il mondo sperano che un giorno il misterioso pianeta sorgerà dall’ombra e si dimostrerà più che un mito moderno.

La ricerca eterna di Nibiru, alias Planet X

nibiru

Nel 1846, l’astronomo francese Urbain LeVerrier osservò perturbazioni inspiegabili nell’orbita di Urano che risultò essere dovuta all’effetto gravitazionale di un altro pianeta.

In quel momento, grazie a LeVerrier, è stato trovato un nuovo pianeta nel nostro sistema solare, e quel pianeta è Nettuno. Dopo alcuni anni, disturbi simili sono stati rilevati nell’orbita di Nettuno, e i ricercatori hanno pensato che queste perturbazioni potessero essere causate anche dall’orbita di un altro pianeta.

Pianeta X era il termine introdotto per la prima volta da Percival Lowell, un milionario statunitense e appassionato di spazio, che morì senza trovare il presunto pianeta.

Tuttavia, nel 1930, Clyde William Tombaugh individuò un oggetto celeste che credeva spiegasse le perturbazioni nell’orbita di Nettuno, quando scoprì Plutone.

Nel 2008, i ricercatori giapponesi hanno annunciato che secondo i loro calcoli, ci dovrebbe essere un pianeta “non scoperto” a una distanza di circa 100 UA (unità astronomiche) che ha una dimensione pari a due terzi del pianeta Terra. Questi calcoli supportano l’ipotesi dell’esistenza di Nibiru, o pianeta X.

Le agenzie di stampa di tutto il mondo erano molto interessate al misterioso corpo celeste che si diceva perseguisse le frontiere esterne del nostro sistema solare.

Secondo il Washington Post: “Un corpo celeste possibilmente grande quanto il pianeta gigante Giove e possibilmente così vicino alla Terra che sarebbe parte di questo sistema solare è stato trovato nella direzione della costellazione di Orione da un telescopio orbitante a bordo degli Stati Uniti. satellite astronomico a infrarossi … Tutto quello che posso dirti è che non sappiamo di cosa si tratta,’ ha detto Gerry Neugebauer, capo scienziato dell’IRAS.

Ma il Washington Post non era l’unica agenzia di notizie a scrivere sull’enigmatico corpo celeste.

Secondo l’ US News World Report , il Planet X o Nibiru esiste, l’articolo ; “Protetto dalla luce del sole, che strappa misteriosamente le orbite di Urano e Nettuno, è una forza invisibile che gli astronomi sospettano possa essere il pianeta X – un decimo abitante del quartiere celeste della Terra. 

L’anno scorso, il satellite astronomico a infrarossi (IRAS), che ruotava su un’orbita polare a 560 miglia dalla Terra, ha rilevato il calore di un oggetto a circa 50 miliardi di miglia di distanza che ora è oggetto di intense speculazioni.”

Sostieni il nostro sito Ufoalieni.it con donazioni libere cosi da poter affrontare le spese del sito web e proporre sempre nuove notizie. Te ne saremo grati.

Inoltre, un articolo pubblicato su  Newsweek il 13 luglio 1987, la NASA ha rivelato che potrebbe esserci un decimo pianeta in orbita attorno al nostro sole.

Secondo lo scienziato della ricerca della NASA John Anderson, il pianeta X potrebbe effettivamente essere là fuori, ma in nessun posto vicino ai nostri pianeti.

L’articolo di Newsweek afferma: “Se ha ragione, due dei più intriganti enigmi della scienza spaziale potrebbero essere risolti: cosa ha causato misteriose irregolarità nelle orbite di Urano e Nettuno durante l’Ottocento? E cosa ha ucciso i dinosauri 26 milioni di anni fa.

Interessante, Robert Sutton Harrington che era un astronomo americano che lavorava all’Osservatorio Navale degli Stati Uniti (USNO), scrisse un articolo molto interessante sull’Astronomical Journal nel 1988.

Harrington suggerì che un pianeta di tre o quattro volte più grande della Terra esistesse, avendo una posizione di tre o quattro volte più lontana dal sole di Plutone. Secondo i modelli matematici presentati, si ritiene che il pianeta X o Nibiru abbia un’orbita estremamente ellittica di 30 gradi.

Harrington divenne credente nell’esistenza di un Pianeta X al di là di Plutone e intraprese le ricerche per questo, con risultati positivi provenienti dalla sonda IRAD nel 1983.

Ciò nonostante, la ricerca del Pianeta X ha continuato a sollevarsi a ogni sorta di teorie, molte delle quali fanno parte della pseudoscienza. Molti credono che il pianeta X sia, in realtà, Nibiru, il pianeta della razza extraterrestre chiamato Anunnaki, che venne sulla Terra nel lontano passato e iniziò la civiltà come sappiamo.

I teorici degli antichi astronauti ritengono che l’orbita di Nibiru attorno al sole sia estremamente ellittica e, secondo il testo, si trova ben oltre l’orbita di Plutone. Nibiru impiega circa 3600 anni per completare un’orbita attorno al Sole.

Si crede che Nibiru sia il pianeta natale degli Anunnaki. L’approccio di Nibiru verso i pianeti del nostro sistema solare potrebbe rappresentare un’enorme minaccia, date le sue caratteristiche gravitazionali.

Secondo gli antichi testi cuneiformi, che si ritiene siano alcuni degli scritti più antichi conosciuti fino ad oggi, risalgono ad almeno 6.000 anni. Questi scritti spiegano la storia di una razza di esseri chiamati Anunnaki.

Gli Anunnaki vennero sulla Terra da un pianeta nel nostro sistema solare chiamato Nibiru. Purtroppo, molte persone non ne hanno mai sentito parlare, perché secondo la scienza ufficiale il pianeta chiamato Nibiru non esiste. Tuttavia, secondo Sitchin, la presenza di Nibiru è molto importante per il passato e il futuro dell’umanità.

Secondo una teoria chiamata “ipotesi di nemesi“, il presunto pianeta, che si trova oltre l’orbita di Plutone e le sue lune, è, in effetti, una stella oscura che orbita attorno alla nube di Oort, che sostanzialmente trasformerebbe la nostra stella in un sistema binario, cioè se il misterioso oggetto celeste esistesse. Questa teoria è stata esclusa da numerosi astronomi e definita impossibile.

Secondo John Matese, Patrick Whitman e Daniel Whitmire dell’Università della Louisiana a Lafayette, il corpo celeste situato nella nube di Oort del Sistema Solare è, in realtà, un ipotetico gigante gassoso.

Tuttavia, nel 2014, la NASA ha annunciato che il sondaggio WISE aveva escluso qualsiasi oggetto con le caratteristiche di Tyche, indicando che Tyche come ipotizzato da Matese, Whitman e Whitmire non esiste.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.