Manufatti fuori posto; Chi ha davvero scoperto l’America?

Ci sono una serie di dettagli contrari alla scoperta delle Americhe da parte di Cristoforo Colombo, nascosta nella narrativa dominante della nostra società. Il fatto che non sia stato il primo esploratore del vecchio mondo a scoprire le Americhe ha spesso incontrato una forte resistenza, nonostante numerosi manufatti fuori posto e archeologia inspiegabile che raccontano una storia diversa. Quindi, chi ha scoperto le Americhe?

Colombo ha scoperto l’America?

Cristoforo Colombo America
Cristoforo Colombo

L’effettiva scoperta delle Americhe si riduce a una prospettiva. Ovviamente, gli indigeni che vivono già nelle Americhe sono i veri scopritori, ma da un contesto europeo o antico il merito è principalmente attribuito a Colombo. Ma se la definizione di fare una scoperta significa capire cosa hai trovato, Colombo ha davvero scoperto l’America?

Colombo credeva di essere arrivato in Asia e stava interagendo con gli abitanti dell’India, da cui il nome che aveva dato loro. Non ha mai capito di essere effettivamente atterrato in un continente completamente diverso. Ma è per questo che l’America prese il nome da Vespucci piuttosto che essere chiamata Columbia, con la sua scoperta realizzata un decennio dopo.

Fu solo negli anni ’60 che fu riconosciuto a livello nazionale che un esploratore norreno scoprì il continente prima di questi due esploratori italiani. Leif Erikson e un piccolo gruppo di islandesi sbarcarono nell’odierno Canada sulla punta di Terranova. Erikson e compagnia stabilirono un piccolo insediamento in un sito chiamato L’Anse aux Meadows, quasi 500 anni prima di Colombo, nell’anno 1000.

La mappa di Vinland America
Mappa di Vinland

Per molto tempo, questa presenza norrena fu contestata come mito, fino a quando non ci furono così tante prove archeologiche conclusive che la storia dovette essere riconsiderata. Uno di questi manufatti, la Mappa di Vinland, mostrava prove cartografiche della scoperta norrena, sebbene la sua legittimità sia ancora dibattuta, nonostante la datazione al carbonio lo collochi almeno 50 anni prima della scoperta di Colombo.

Manufatti fuori posto

Ci sono state diverse scoperte anomale che suggeriscono che i norreni non furono i soli ad avere preceduto Colombo nello scoprire il nuovo mondo, rendendo possibile che anche l’atterraggio di Erikson fosse predato.

Numerose scoperte che coinvolgono manufatti romani hanno sollevato le sopracciglia degli archeologi in entrambe le Americhe. Non sorprende che anche questi abbiano subito licenziamento e insabbiamento.

Nella baia di Guanabara, in Brasile, fu scoperto un naufragio affondato che sembrava essere il resti di un’antica nave romana. Tra le rovine sommerse c’erano una serie di grandi anfore in terracotta, alti vasi che furono realizzati durante l’impero romano.

I vasi furono datati tra il I secolo a.C. e il 3 ° secolo d.C., provando definitivamente la loro origine dall’Impero Romano. Questo tipo di ceramiche veniva utilizzato per trasportare qualsiasi cosa dal vino, all’olio d’oliva e ai cereali.

anfora

Loading...

La loro scoperta è stata fatta dall’archeologo marino e cacciatore di tesori Robert Marx, che ha consegnato i vasi al governo brasiliano, supponendo che avrebbe avuto l’opportunità di tornare sul sito ed esplorare ulteriormente. Al suo ritorno, tuttavia, scoprì che la Marina brasiliana aveva scaricato limo sul relitto, nascondendo letteralmente la sua scoperta.

Quando Marx ha affrontato il governo brasiliano, ha detto che gli è stato detto che ai brasiliani non interessa il passato e non vogliono sostituire Pedro Alvares Cabral come scopritore ufficiale europeo del paese.

Marx ha anche raccontato una storia bizzarra da un uomo d’affari brasiliano che ha affermato di aver ordinato a un vasaio portoghese di ricreare i barattoli e di averli affondati nella baia per “invecchiarli”, ma ne ha recuperati solo alcuni. Questa storia assurda è stata poco convincente per Marx, mentre la risposta del governo ha aggiunto al suo scetticismo.

Vi sono altre prove di una presenza romana nelle Americhe, più a nord, nel tempio di Calixtlahuaca nella valle di Toluca, appena fuori Città del Messico. Lì, l’archeologo Jose Garcia Payón trovò un altro manufatto in terracotta che sembrava provenire dall’antico impero romano.

Payon trovò la testa scolpita di ciò che gli esperti dicono sia una rappresentazione di un romano durante il periodo ellenistico, intorno al 200 d.C. La testa fu trovata sotto due piani cementati all’interno di una struttura piramidale, che era rimasta intatta da prima della civiltà Calixtlahuaca.

Sebbene nessuno abbia definitivamente risposto alla domanda su come la testa di terracotta sia arrivata li, uno studio di Romeo Hristov e Santiago Genovés ha dimostrato la sua antichità attraverso l’uso della datazione a termoluminescenza. Gli autori usarono il periodo più conservativo nel loro documento, risalente alla testa tra l’870 a.C. e il 1270 d.C.

Questa vasta gamma andava ancora contro le argomentazioni dei detrattori che credevano che la testa fosse stata creata durante i periodi coloniali, prestando allo stesso tempo l’idea che doveva essere di origine romana. Ma come è arrivato questo artefatto fuori posto?

Moneta romana in Nord America

Diverse cache di monete romane sono state trovate sepolte in tutto il Nord America, risalenti al XVI secolo. Ciò ha portato molti a credere che potrebbe essere la prova di una presenza europea precolombiana. Mentre numismatici e archeologi sono spesso scettici, ciò li ha portati almeno ad esaminare se ci potesse essere credibilità in questa teoria.

Uno studio condotto da Jeremiah Epstein, descrive in dettaglio 40 segnalazioni di monete anomale rinvenute in tutti gli Stati Uniti, con alcune apparizioni in tumuli di nativi americani.

Moneta romana in bronzo
Moneta romana in bronzo

Epstein notò che la maggior parte delle monete trovate negli scavi di terra durante la costruzione o nei cortili provenivano da collezionisti o furono deliberatamente collocate come truffe. La scoperta di diversi antichi sicli israeliani, noti come monete di Bar Kokhba, è stata una delle scoperte più intriganti in quanto sono state scoperte in diverse località del Kentucky.

Queste monete originariamente segnarono una ribellione israeliana contro l’impero romano e furono prodotte solo per un periodo di tre anni, dal 132 al 1325 d.C. Le monete si sono rivelate token fraudolenti o commemorativi dati agli immigrati ebrei, nonostante i giornali dal momento della loro scoperta li abbiano resi autentici.

Nel complesso, Epstein ha concluso che la maggior parte delle monete sono state perse in tempi più moderni dai numismatici o forgiate, ma è stato criticato da alcuni colleghi per il suo tono negativo e sprezzante e che era solo l’inizio per studi futuri. Ciò che concluse fu che esisteva la possibilità che le navi romane si fossero spostate accidentalmente nel nuovo mondo, ma non potevano essere necessariamente considerate una probabile spiegazione.

Sebbene ci fosse un uomo che si proponeva di dimostrare che era altamente probabile che esploratori del vecchio mondo potessero fare il viaggio attraverso l’oceano verso il nuovo mondo, sia accidentalmente che intenzionalmente.

Thor Heyerdahl si imbarcò nella spedizione Kon-Tiki nel 1947 per dimostrare la possibilità di un viaggio precolombiano, costruendo una zattera fatta di materiali disponibili solo durante il periodo precolombiano. Heyerdahl credeva che i sudamericani precolombiani navigassero e popolassero la Polinesia, in particolare l’Isola di Pasqua.

Le sue spedizioni dimostrarono che ciò sarebbe stato possibile quando la Kon-Tiki navigò con successo per oltre 4.000 miglia dal Perù alla Polinesia francese. Il successo di Heyerdahl ha ispirato spedizioni simili tra il Sud America e la Polinesia e un altro viaggio tutto suo dal Nord Africa alle Barbados, per dimostrare che gli antichi egizi avrebbero potuto avere contatti con le culture sudamericane precolombiane.

Con la fattibilità fisica dimostrata e una pletora di prove che sono stati fatti viaggi precolombiani, sembra che ci possa essere più nella storia di quanto ci sia stato detto. Questo, combinato con il numero di artefatti fuori posto che ben hanno trovato nelle Americhe, chiedono chi abbia veramente scoperto le Americhe. È solo una questione di disagio storico o c’è un’altra ragione per cui i nuovi paesi del mondo hanno difficoltà a intrattenere scadenze alternative?

VEDI ANCHE ▶ Un elenco di atrocità commesse da Cristoforo Colombo

A cura di Ufoalieni.it

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!