UFO negli archivi segreti russi del KGB

UFO negli archivi segreti. Secondo alcune informazioni provenienti dalla Russia, i russi sanno dell’esistenza di civiltà extraterrestri da parecchi decenni. Queste voci circolano da diversi anni.

Il primo contatto della Russia con gli alieni grigi si è verificato presumibilmente nel 1942. A quel tempo, furono programmati una serie di visite diplomatiche per discutere e trovare accordi sulla questione dei presunti documenti russi.

Secondo il documento 072/E, l’incidente si è verificato 1961 e ha coinvolto tre soggetti ufficiali militari. I militari una volta sul luogo dell’incidente hanno filmato l’accaduto senza che loro avessero il consenso per farlo.

UFO negli archivi segreti russi filmato top secret

UFO negli archivi segreti del KGB dell’URSS

Nel 1969, nello Stato di Sverdlovsk fu segnalato un altro incidente UFO, e i resti dello schianto UFO furono presi in custodia dall’esercito russo.

Il video mostra il salvataggio a distanza ravvicinata dall’UFO stesso, con una alieno morto. I resti del relitto UFO alieno furono portati in un luogo sicuro in Russia, dove venne analizzato e in più fu fatta un’autopsia sui corpi alieni.

Le foto apparse del piccolo presunto alieno, furono trasmesse su TNT “Russian TV channel” durante lo speciale “The Secret UFO Files del KGB.”

A sostegno della manifestazione dove venne mostrato il video avvincente e le prove fotografiche, fu ospite e presentatore di questo l’attore Roger Moore di James Bond.

Secondo la verità del KGB questo era uno speciale progettato, per raccogliere e monitorare tutti i tipi di informazioni per quanto riguarda il fenomeno misterioso e inspiegabile che succedono in Unione Sovietica.


Durante lo spettacolo della TNT vennero mostrate delle fotocopie, dove contenevano degli ordini scritti dal ministro della Difesa sovietico, dove risultarono autenticamente.

In conformità degli ordini, il generale AG Ponomarenko capo del comando militare nella zona degli Urali, dovette fare attenzione a garantire che gli agenti del KGB erano coinvolti nel lavoro relativo all’UFO precipitato.

I soggetti dichiaranti vennero immediatamente intrapresi con il colonnello AI Grigoriev, capo del KGB della sezione scientifica. Secondo Billy J. Booth di www.About.com ci sono rapporti infondati che un UFO sia precipitato o abbattuto vicino la città di Prohlandnyi in Russia il 10 agosto 1989.

Il radar militare sovietico aveva intercettato un oggetto volante non identificato, i russi tentarono senza successo di stabilire un contatto con la nave.

L’UFO venne valutato come “ostile”, e la difesa sovietica inviò un MIG-25 tky un caccia intercettore bimotore a getto per abbatterlo. All’esterno della nave erano evidenti i danni, e il team specializzato al recupero indossavano tute protettive, perché sul sito dell’incidente vennero rilevate piccole quantità di radiazioni e alcuni membri del team vennero contaminati.

Sulla scena dell’incidente arrivò un elicottero e l’UFO fu trasportato alla base aerea di Mozdok (Ossezia del Nord-Alania). I russi entrarono nell’UFO e trovarono due corpi alieni morti, uno era ancora vivo. Un team di medici e altri collaboratori cercarono in tutti i modi di mantenere in vita l’alieno, ma non ci riuscirono.


Sui video in questione non abbiamo trovato nulla, ma le immagini che riguardano presunti UFO intercettati dai MIG militari russi siano dei falsi, sono parti furtivamente prelevate da un docufiction del 1998 dal titolo The Secret KGB UFO Files: è possibile vedere la scheda del filmato presso Internet Movie Database.

Quindi possiamo immaginare di collegare anche questi video in questione a tutta la vicenda.

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.