Universi paralleli e il fenomeno del Déjà Vu: una connessione sconcertante | Ufo e Alieni
Ven. Mar 1st, 2024

È possibile che gli Universi Paralleli e il fenomeno del Déjà Vu siano misteriosamente collegati?

La maggior parte di noi ha vissuto, almeno una volta nella vita, un’esperienza di ‘déjà vu’, quella sensazione misteriosa in cui il tempo sembra scorrere al rallentatore, e percepiamo le informazioni come se avessimo già vissuto la situazione attuale in un lontano passato.

Il fenomeno del déjà vu

déjà vu

Dai disturbi paranormali ai disturbi neurologici, i ricercatori cercano da decenni di spiegare il misterioso fenomeno, ma nessuno è riuscito a comprendere appieno come possiamo vivere il fenomeno del ‘déjà vu’ in modo così insensato.

Il ‘Déjà Vu‘, che deriva dalla lingua francese e significa ‘già visto‘, è un evento piuttosto comune di cui sappiamo molto poco. Quando si sperimenta un momento di ‘déjà vu’, si avverte misteriosamente una forza che inconsciamente suggerisce “questo è già successo prima“.

Il fenomeno del ‘déjà vu’ è segnalato occasionalmente nel 60-80% delle persone in tutto il mondo. È un’esperienza quasi sempre transitoria e avviene in modo casuale.

Molti ricercatori sostengono che il fenomeno sia un’esperienza basata sulla memoria e presuppongono che i centri della memoria nel cervello siano responsabili del déjà vu. Tuttavia, c’è chi associa il fenomeno del déjà vu a profezie, esperienze o ricordi di vite passate, chiaroveggenza o un segnale mistico che potrebbe indicare un senso di appagamento di una condizione “predeterminata” nella vita.

Un’esperienza di Déjà vu avviene rapidamente, senza preavviso e non ha alcuna manifestazione fisica a parte annunciarlo: “Ho appena avuto un Déjà vu”.

Ma se tutto quanto sopra non può spiegare questa misteriosa sensazione che quasi tutti provano una volta nella vita, allora cosa può farlo?

C’è chi ha collegato il fenomeno del déjà vu con l’esistenza di universi paralleli.

In realtà, gli scienziati potrebbero aver individuato un altro universo situato accanto al nostro. Secondo gli astronomi, la luce avvistata nello spazio potrebbe essere “fuoriuscita” da un altro universo molto vicino al nostro.

Secondo uno studio scientifico, le macchie luminose potrebbero essere i resti di un altro universo che ha avuto inizio nelle vicinanze del nostro. Gli scienziati credono che potrebbero effettivamente dare un’occhiata se il suddetto universo fosse iniziato abbastanza vicino al nostro universo, in modo che i due fossero in grado di “toccarsi”, lasciando poi una firma visibile nel nostro universo.

Per trovare queste tracce, gli scienziati hanno confrontato una mappa dello sfondo cosmico a microonde (che sono i resti dell’universo primordiale) con un’immagine dell’intero cielo scattata dal telescopio Planck dell’Agenzia spaziale europea.

Ciò che hanno scoperto ha lasciato i ricercatori incantati. Dopo aver sottratto l’uno dall’altro, hanno notato un’inquietante macchia di luce nel cielo, una macchia di luce che potrebbe essere spiegata come i resti di collisioni con altri universi.

Ma può un Universo Parallelo spiegare un’esperienza di ‘déjà vu’?

Secondo il dottor Michio Kaku, futurista, fisico teorico e divulgatore scientifico americano, gli universi paralleli possono spiegare il misterioso fenomeno e afferma che la fisica quantistica fornisce i dettagli necessari che suggeriscono che il déjà vu potrebbe essere causato dalla capacità di “passare da un oggetto all’altro” universi”.

L’idea che esistano altri universi (teoria del multiverso) è stata sostenuta da diversi scienziati, tra cui il professor Steve Weinberg, fisico teorico e vincitore del Premio Nobel. Secondo il professor Weinberg, è possibile che nella stessa stanza convivano con noi un numero infinito di realtà parallele.

“Il Premio Nobel Steven Weinberg paragona questa teoria degli universi multipli alla radio. Tutto intorno a te ci sono centinaia di onde radio diverse trasmesse da stazioni distanti. In ogni dato istante, il tuo ufficio, la tua macchina o il tuo soggiorno sono pieni di queste onde radio.

Tuttavia, se accendi la radio, puoi ascoltare solo una frequenza alla volta; queste altre frequenze si sono decoerute e non sono più in fase tra loro. Ogni stazione ha un’energia diversa, una frequenza diversa.

Di conseguenza, la radio può essere impostata solo su una trasmissione alla volta. Allo stesso modo, nel nostro universo, siamo “sintonizzati” sulla frequenza che corrisponde alla realtà fisica. Ma ci sono un numero infinito di realtà parallele che convivono con noi nella stessa stanza, anche se non possiamo “sintonizzarci” con loro.

Sebbene questi mondi siano molto simili, ognuno ha un’energia diversa. E poiché ogni mondo è composto da trilioni e trilioni di atomi, ciò significa che la differenza di energia può essere piuttosto significativa.

Poiché la frequenza di queste onde è proporzionale alla loro energia (secondo la legge di Planck), ciò significa che le onde di ogni mondo vibrano a frequenze diverse e non possono più interagire.

A tutti gli effetti, le onde di questi vari mondi non interagiscono né si influenzano a vicenda.” – Michio Kaku, Mondi paralleli: un viaggio attraverso la creazione, le dimensioni superiori e il futuro del cosmo (fonte)

Tutto ciò significa che è del tutto possibile che, nel momento esatto in cui hai sperimentato un “déjà vu”, stai effettivamente “vibrando all’unisono” con un altro universo parallelo nel cosmo.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina