7 storie aliene fuori dal mondo dal 2022 | Ufo e Alieni
Mer. Mar 29th, 2023

Sfere metalliche che sfrecciano accanto a jet militari, segnali misteriosi all’interno del più grande telescopio del mondo e teorie sul perché dobbiamo ancora stabilire un contatto.

Una sfera metallica si muove velocemente lungo la rotta di un aereo militare. Un enigmatico segnale rilevato dal più imponente telescopio del pianeta desta preoccupazione a livello mondiale. Nel frattempo, gli scienziati rivelano che l’eventuale vita su Marte potrebbe essere scomparsa millenni or sono. È stato un anno intenso per quanto riguarda gli eventi extraterrestri. Di seguito, sette rivelazioni sorprendenti riguardanti gli alieni del 2022.

1. Sfera metallica ingrandita

alini pentagono
I video della Marina degli Stati Uniti di presunti avvistamenti UFO erano precedentemente disponibili ma non erano stati ufficialmente declassificati.(Credito immagine: Marina degli Stati Uniti)

In maggio, durante la prima sessione pubblica riguardante gli oggetti volanti non identificati (UFO) a partire dagli anni ’60, gli ufficiali del Pentagono hanno mostrato video precedentemente segreti di una sfera metallica che viaggiava velocemente lungo il percorso di volo di un aereo militare.

Catturato solo per alcuni fotogrammi in una frazione di secondo in un filmato registrato attraverso il finestrino del cockpit di un caccia FA-18 nel 2021, il bizzarro oggetto è stato notato anche dal pilota della Marina che guidava l’aereo ed è stato identificato dai sensori dell’aeromobile, ma esperti militari dichiarano di non sapere cosa potesse essere.

Gli ufficiali sono stati interrogati dai membri del parlamento riguardo alle conclusioni di un rapporto del giugno 2021 che descriveva 144 avvistamenti di fenomeni aerei non identificati (UAP). È stato chiesto loro anche di un presunto episodio alla base aerea di Malmstrom nel Montana, durante il quale 10 missili balistici intercontinentali nucleari (ICBM) sono stati resi inoperabili mentre una sfera rossa luminosa è stata avvistata in cielo. Non hanno fornito alcun dettaglio per confermare o negare l’accaduto.

Esistono molte affermazioni plausibili che suggeriscono che gran parte degli UAP siano prototipi di droni di monitoraggio provenienti dagli Stati Uniti, dalla Cina o dalla Russia; mezzi ipersonici sperimentali; oppure detriti aerospaziali. Sia il Pentagono che la NASA hanno dichiarato di avviare nuovi studi per distinguere questi elementi terrestri da qualsiasi altro fenomeno che possa sfuggire alle spiegazioni convenzionali.

2. La ricerca di LIGO di una nave madre aliena

sonde aliene
L’immagine di un artista di un’astronave aliena vista dalla superficie di un pianeta.(Credito immagine: Coneyl Jay)

Indagare la presenza di oggetti insoliti nei nostri cieli è un’attività affascinante, ma gli scienziati hanno suggerito un approccio per cercarli anche a distanze maggiori. Utilizzando uno dei più imponenti laser del pianeta, il LIGO (Osservatorio di Onde Gravitazionali mediante Interferometria Laser) con sede negli USA, gli scienziati hanno annunciato a dicembre di poter esaminare i cieli alla ricerca di distorsioni nello spazio-tempo generate dal passaggio di gigantesche astronavi extraterrestri.

E per “gigantesca” si intende davvero enorme: un’astronave dovrebbe avere una massa paragonabile a quella di Giove, muoversi a un decimo della velocità della luce e trovarsi entro 326.000 anni luce dalla Terra per generare onde abbastanza intense da permettere al LIGO di rilevarle.

Se ciò sembra un po’ surreale, tenete presente che gli scienziati ritengono anche che un’astronave dotata di un avanzato motore a curvatura potrebbe creare distorsioni gravitazionali identificabili, lasciando così un’impronta attraverso la quale potremmo decifrare la tecnologia utilizzata.

3. Protocollo ufficiale per contattare gli stranieri

seti
Gli scienziati hanno istituito un nuovo consiglio per rispondere alla domanda: “Cosa dovrebbero fare gli esseri umani dopo che gli alieni ci contattano?”

Nonostante le numerose discussioni riguardanti la ricerca di vita extraterrestre, gli scienziati restano incerti su come dovremmo agire nel caso in cui li scopriamo. Per questo motivo, a novembre, un team composto da esperti di politica e scienziati ha annunciato la creazione del Centro di Rilevamento per la Ricerca di Intelligenza Extraterrestre (SETI), un’organizzazione interdisciplinare che svilupperà un nuovo protocollo di contatto con gli alieni.

Un protocollo di contatto precedente era stato redatto dall’Istituto SETI nel 1989, ma il documento si concentrava principalmente su come le scoperte dovrebbero essere diffuse al pubblico e alla comunità scientifica, fornendo solo un’idea generica di una risposta internazionale concreta alla comunicazione con extraterrestri, suggerendo di consultare le Nazioni Unite.

Il nuovo protocollo cercherà di fornire all’umanità maggiori competenze sociali nel rapporto con altre forme di vita, supportando gli scienziati nell’identificazione di segnali potenzialmente intelligenti nello spazio e nell’interpretazione del loro significato. Inoltre, verranno elaborate delle procedure, da attuare tramite trattati, su come reagire a un eventuale contatto con gli extraterrestri, se questi dovessero mai cercare di comunicare con la Terra.

4. Un segnale alieno… oppure no

segnali alieni
I segnali spuri sono stati individuati dall’enorme telescopio cinese FAST, il più grande radiotelescopio del mondo.(Credito immagine: Xinhua/Ou Dongqu)

Per una singola giornata di giugno, sembrava che il tempo del primo incontro con esseri extraterrestri fosse finalmente giunto, dopo che gli studiosi del gigantesco radiotelescopio cinese Aperture Spherical da cinquecento metri avevano affermato che era “probabile” aver captato segnali provenienti da una civiltà aliena. Le dichiarazioni si sono rapidamente diffuse, facendo il giro dei media statali cinesi e della piattaforma di social media cinese Weibo, prima di essere riprese dalla stampa mondiale.

Tuttavia, è seguita presto la delusione quando Dan Werthimer, uno scienziato del SETI e co-ricercatore del progetto che aveva rilevato i segnali, ha dichiarato che provenivano con grande probabilità da origini umane.

Werthimer ha spiegato a WordsSideKick.com che il segnale radio a banda stretta, inizialmente entusiasmante per gli studiosi poiché solitamente deriva solamente da fonti artificiali, era in realtà causato dall’interferenza terrestre che si era manifestata all’interno del mastodontico telescopio come se fosse un segnale di natura extraterrestre.

Questo episodio non è stato il primo in cui gli analisti di messaggi spaziali sono stati indotti in errore: un’altra celebre sequenza di segnali rilevati tra il 2011 e il 2014 si è poi scoperto essere stata generata da scienziati che scaldavano il pasto nel forno a microonde. Quasi certamente non sarà l’ultimo caso simile.

5. Una possibile soluzione al paradosso di Fermi

galassia civiltà aliene
Il paradosso si chiede perché, dato l’incredibile numero di galassie, stelle e mondi, non vediamo altri segni di vita intelligente oltre il nostro pianeta.(Credito immagine: NASA)

Potrebbe essere che la sfida maggiore nel contatto con esseri extraterrestri sia persuaderli che siamo degni di conversazione. In un recente studio pubblicato a dicembre, è stata avanzata una soluzione intrigante al cosiddetto paradosso di Fermi, che riguarda l’assenza apparente di altre forme di vita intelligente nonostante l’immensità dell’universo. Forse, agli occhi di un osservatore lontano, potremmo apparire piuttosto banali.

Gli extraterrestri evoluti, ipotizza la ricerca, potrebbero essere interessati solamente a tracce di tecnologia avanzata anziché alla semplice presenza di vita. È possibile che abbiano persino visitato la Terra prima dell’evoluzione umana. Sarebbe stato soltanto con l’introduzione della tecnologia radio negli anni ’30 che l’umanità avrebbe generato un’impronta tecnologica tale da permettere a intelligenze aliene di notare la nostra presenza. Tuttavia, anche in questo caso, tali messaggi potrebbero essere trasformati in frasi senza significato dopo aver percorso un anno luce.

Potrebbe darsi che non esistano civiltà intelligenti entro un anno luce dal nostro pianeta, mentre ne esistono molte altre più distanti. Oppure, potrebbero aver intercettato i nostri segnali radio anni fa, e la loro risposta, viaggiando alla velocità limitata della luce, potrebbe essere in arrivo.

6. Civiltà aliena crollata?

pianeta roccioso
Pianeta roccioso alieno

A maggio 2022, un gruppo di scienziati ha avanzato un’ipotesi per risolvere il paradosso di Fermi, suggerendo che le civiltà aliene avanzate potrebbero non contattarci mai poiché hanno completamente abbandonato il modello di crescita basato sull’espansione continua.

Secondo la loro nuova teoria, le civiltà spaziali raggiungono un punto di crisi in cui l’innovazione tecnologica non può più soddisfare la domanda di energia necessaria per sostenere la crescita. In questa situazione, l’unica alternativa è rinunciare al modello di “crescita infinita” a favore del mantenimento dell’equilibrio, ma a discapito della possibilità di espandersi verso altri mondi e di entrare in contatto con altre civiltà, tra cui gli esseri umani.

7. Microbi marziani condannati dal cambiamento climatico

suolo marziano
Una tempesta di polvere si scatena su Marte.(Credito immagine: NASA/JPL-Caltech)

Infine, è possibile che gran parte della vita si estingua prima ancora di potersi manifestare. Uno studio di modellazione climatica del Marte primordiale, pubblicato ad ottobre, ha suggerito che Marte e la Terra potrebbero aver avuto atmosfere simili e che microbi primitivi simili potrebbero aver abitato entrambi i pianeti, consumando idrogeno per produrre metano.

Tuttavia, Marte è più distante dalla stella rispetto alla Terra e dipendeva di più da una nebbia di gas serra, come l’anidride carbonica e l’idrogeno, per intrappolare il calore e mantenere temperature favorevoli alla vita.

Quindi, mentre gli antichi microbi marziani consumavano idrogeno (un potente gas serra) e producevano metano (un gas serra significativo sulla Terra, ma meno potente dell’idrogeno), dovevano affrontare conseguenze più severe per aver consumato la copertura di gas serra del loro pianeta rispetto ai loro cugini terrestri. Questo ha reso Marte infine troppo freddo per permettere l’evoluzione della vita complessa.

Se la proposta degli scienziati è accurata, potrebbe suggerire che la vita non è autosufficiente in ogni ambiente favorevole in cui appare e che può facilmente essere distrutta distruggendo le fondamenta della propria esistenza – un pensiero inquietante in un’epoca di perdita di biodiversità, estrazione irreversibile di risorse e cambiamenti climatici.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “7 storie aliene fuori dal mondo dal 2022”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina