Alieno di Atacama: test del DNA rivelano dettagli sorprendenti

Lo studio più completo finora eseguito sul cosiddetto is a generic version of viagra available Alieno di Atacama ha rivelato, secondo il primo studio, che l’8% del DNA non ha eguali al DNA umano. La seconda serie di test del DNA ha eguagliato il 98 percento del DNA umano.

Ricorda la creatura simile ad un alieno scoperta nel deserto di Atacama del Cile qualche tempo fa? Bene, i nuovi risultati del DNA hanno rivelato una serie di caratteristiche peculiari della misteriosa creatura.

Uno studio genomico completo di uno scheletro scoperto più di un decennio fa nel deserto di Atacama (Cile) e “falsamente” preso come alieno, ha rivelato rarità molecolari ossee inedite.

Presunto Alieno di Atacama

Presunto Alieno di Atacama

Le scoperte dei ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Stanford eliminano ogni dilemma sull’origine planetaria dell’esemplare, assicurando che si tratti di un essere umano e non di un viagra how many milligrams alieno. L’analisi risponde anche a domande sui misteriosi resti scheletrici che sono stati a lungo un enigma genetico.

Ora, dopo cinque anni di analisi genomica, Garry Nolan, professore di Microbiologia e immunologia presso Stanford, e Atul Butte, direttore dell’Istituto di scienze computazionali della salute presso l’Università della California, a San Francisco, negli Stati Uniti, hanno identificato le mutazioni responsabile del campione anomalo.

I ricercatori hanno trovato mutazioni non in uno, ma in diversi geni noti per controllare lo sviluppo osseo. Inoltre, alcune di queste stranezze molecolari non sono mai state descritte prima.

Lo scheletro dall’aspetto misterioso, soprannominato Ata, è stato scoperto più di dieci anni fa in una città abbandonata nel deserto di Atacama in Cile.

Dopo aver cambiato proprietario e aver finalmente trovato una casa permanente in Spagna, l’esemplare mummificato ha iniziato ad attirare l’attenzione del pubblico.

Alto solo sei pollici (circa 15 centimetri), circa la lunghezza di un biglietto da un dollaro, con un cranio allungato e orbite incavate e inclinate, la possibilità di Ata proveniente da un altro mondo ha cominciato a circolare su Internet quando le persone hanno iniziato a parlare di alieni con corpi estremamente piccoli.

Avevo sentito parlare di questo esemplare attraverso un mio amico, e sono riuscito a ottenere un’immagine di esso“, dice Nolan. Non puoi guardare questo esemplare e non pensare che sia interessante; È abbastanza drammatico. Poi ho detto al mio amico: “Guarda, qualunque cosa sia, se ha il DNA, posso fare l’analisi“.

Con l’aiuto di Ralph Lachman, professore di Radiologia a Stanford e esperto in un tipo di malattia ossea pediatrica, Nolan ha chiarito le cose.

La sua analisi indicava una conclusione decisiva: questo era lo scheletro di una donna umana, probabilmente un feto, che aveva subito gravi mutazioni genetiche.

Inoltre, Nolan ha visto che Ata, anche se molto probabilmente un feto, aveva la composizione ossea di una bambina di 6 anni, un’indicazione che aveva un raro disordine di invecchiamento osseo.

Per comprendere le basi genetiche di Ata, Nolan si rivolse a Butte per un aiuto nella valutazione genomica.

Accettò la sfida e fece una valutazione così approfondita che raggiunse quasi il livello di cura del paziente.

Butte ha notato che alcune persone potrebbero chiedersi sul punto di queste analisi approfondite.

Abbiamo pensato che sarebbe stato un esercizio interessante applicare gli strumenti che abbiamo oggi per vedere veramente quello che potremmo trovare“, dice. Il fenotipo, i sintomi e le dimensioni di questa ragazza erano estremamente inusuali e l’analisi di questo tipo di campioni davvero sconcertanti e antichi ci insegna meglio come analizzare il DNA dei bambini al giorno d’oggi nelle condizioni attuali.

Per comprendere i fattori genetici coinvolti, Butte e Nolan hanno estratto un piccolo campione di DNA dalle costole di Ata e sequenziato l’intero genoma.

Lo scheletro ha circa 40 anni, quindi il suo DNA è moderno e relativamente intatto. Inoltre, i dati raccolti dal sequenziamento completo del genoma hanno mostrato che la composizione molecolare di Ata era allineata con quella di un genoma umano.

Umano ma …

Nolan ha rilevato che l’8 percento del DNA non era in confronto con il DNA umano, ma ciò era dovuto a un campione degradato, non alla biologia extraterrestre. Successivamente, un’analisi più sofisticata potrebbe corrispondere fino al 98 percento del DNA.

I risultati genomici hanno confermato la discendenza cilena di Ata e hanno presentato una serie di mutazioni in sette geni che, separatamente o in combinazioni, contribuiscono a varie deformità ossee, malformazioni facciali o displasia scheletrica, più comunemente noto come nanismo.

Alcune di queste mutazioni, sebbene presenti in geni noti per causare la malattia, non sono mai state associate alla crescita ossea o ai disturbi dello sviluppo.

Conoscere queste nuove varianti mutazionali potrebbe essere utile“, dice Nolan, “perché aggiungono al serbatoio di mutazioni note che devono essere ricercate negli esseri umani con questo tipo di ossa o disturbi fisici“. Fonte: Stanford Medicine

A cura di Ufoalieni.it

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *