Esseri interdimensionali: alieni da “dimensioni” che coesistono accanto alla nostra?

La definizione di esseri interdimensionali o intelligenza interdimensionale viene solitamente descritta come un’entità teorica o “reale” che esiste in una dimensione al di là della nostra.

Nonostante il fatto che si creda che tali esseri esistano solo nella fantascienza, nella fantasia e nel soprannaturale, ci sono numerosi Ufologi che si riferiscono a loro come esseri reali.

Ipotesi esseri interdimensionali

L’ipotesi interdimensionale fu proposta da un certo numero di Ufologi come Jacques Vallée che suggeriscono che gli oggetti volanti non identificati (UFO) e gli eventi correlati (come avvistamenti alieni) implicano visite da esseri di altre “realtà” o “dimensioni” che coesistono separatamente con le nostre. Alcuni hanno fatto riferimento a questi esseri come visitatori di un altro universo.

alieno esseri interdimensionali
In altre parole, Vallée e altri autori suggeriscono che gli alieni sono reali ma non esistono nella nostra dimensione, ma in un’altra realtà, che coesiste con la nostra.

Questa teoria è un’alternativa all’ipotesi extraterrestre che suggerisce che gli alieni sono esseri avanzati di astronavi che esistono nel nostro universo.

L’ipotesi interdimensionale sostiene che gli UFO sono una manifestazione moderna di un fenomeno che si è verificato in tutta la storia umana registrata, che in passato era attribuita a creature mitologiche o soprannaturali: la teoria degli Antichi Astronauti.

Ma nonostante il fatto che gli ufologi moderni e milioni di persone in tutto il mondo credano che non siamo soli in questo universo, molti ufologi e ricercatori paranormali hanno abbracciato l’Ipotesi interdimensionale, suggerendo che spiega la teoria aliena in un modo molto più agevole.

L’investigatore paranormale Brad Steiger ha scritto che “abbiamo a che fare con un fenomeno parafisico multidimensionale che è in gran parte originato dal pianeta Terra”.

Altri ufologi, come John Ankerberg e John Weldon, che favoriscono anche l’ipotesi interdimensionale, sostengono che gli avvistamenti UFO si inseriscono nel fenomeno spiritualista.

Commentando la disparità tra l’ipotesi extraterrestre e le relazioni che le persone hanno fatto di incontri con gli UFO, Ankerberg e Weldon hanno scritto che “il fenomeno UFO semplicemente non si comporta come i visitatori extraterrestri”.

Questa Ipotesi interdimensionale compì un passo avanti nel libro UFO: Operation Trojan Horse pubblicato nel 1970, in cui l’autore John Keel collegava gli UFO a concetti soprannaturali come fantasmi e demoni.

Alcuni sostenitori della teoria extraterrestre hanno abbracciato alcune delle idee proposte dall’ipotesi interdimensionale perché fa un lavoro migliore spiegando come gli “alieni” potrebbero viaggiare nello spazio attraverso vaste distanze.

La distanza tra le stelle rende impraticabile il viaggio interstellare usando mezzi convenzionali e poiché nessuno ha dimostrato un motore antigravitazionale o qualsiasi altra macchina che consenta al viaggiatore di spostarsi attraverso il cosmo a velocità superiori a quella della luce, l’Ipotesi interdimensionale ha molto più senso.

Secondo questa teoria, non è necessario utilizzare alcun metodo di propulsione perché sostiene che gli UFO non sono veicoli spaziali, ma dispositivi che viaggiano tra realtà diverse. Tuttavia, hanno ancora bisogno di passare da una realtà all’altra, giusto?

Uno dei vantaggi dell’ipotesi interdimensionale secondo Hilary Evans, un archivista pittorico britannico, autore e ricercatore di UFO e altri fenomeni paranormali, è che può spiegare l’apparente capacità degli UFO di apparire e scomparire, non solo dalla vista ma anche da radar; come gli UFO interdimensionali possono entrare e lasciare la nostra dimensione a volontà, nel senso che hanno la capacità di materializzarsi e smaterializzarsi.

D’altra parte, Evans sostiene che se l’altra dimensione è leggermente più avanzata della nostra, o forse è il nostro futuro, ciò spiegherebbe la tendenza degli UFO a rappresentare tecnologie vicine al futuro.

Esistono documenti di FBI declassificati provenienti da altre dimensioni

Mentre tutto quanto sopra può sembrare qualcosa proveniente da un film di fantascienza, c’è un particolare documento top-secret declassificato negli archivi dell’FBI che parla di esseri interdimensionali, e di come la loro “navicella spaziale” ha la capacità di materializzarsi e smaterializzarsi in la nostra dimensione

È possibile accedere al documento qui .

documento fbi

Ecco una trascrizione di alcuni dei dettagli più importanti del rapporto:

  • Una parte dei dischi porta equipaggi; altri sono sotto controllo a distanza.
  • La loro missione è pacifica. I visitatori prevedono di stabilirsi su questo piano.
  • Questi visitatori sono simili all’uomo ma di dimensioni molto maggiori.
  • Non sono entità terrestri, ma provengono dal loro mondo.
  • NON provengono da un pianeta, ma da un pianeta eterico che si compenetra con il nostro e non è percettibile per noi.
  • I corpi dei visitatori e l’imbarcazione si materializzano automaticamente entrando nel ritmo vibratorio della nostra materia densa.
  • I dischi possiedono un tipo di energia radiante o raggio, che disintegrerà facilmente qualsiasi nave attaccante. Essi rientrano nell’etere a volontà, e così semplicemente scompaiono dalla nostra visione, senza lasciare traccia.
  • La regione da cui provengono non è il “piano astrale”, ma corrisponde ai Loka o ai Talas. Gli studenti di materie esoteriche comprenderanno questi termini.
  • Probabilmente non possono essere raggiunti via radio, ma probabilmente possono essere raggiunti via radar. Se un sistema di segnale può essere concepito per quello (apparecchio)

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Un pensiero riguardo “Esseri interdimensionali: alieni da “dimensioni” che coesistono accanto alla nostra?

  • 12 aprile 2018 in 22:32
    Permalink

    Cred0 che esistano altri mondi paralleli e dimensioni. Dobbiamo lavorare con la nostra parte sensibile e sapere di avere dei limiti nella conoscenza dell’universo . Ci sono esseri evoluti in altre forme . Ogni pianeta a una sostanza per vivere quella dimensione. Materializzarsi o materializzarsi sono forme sottili di energia nell’universo che per padroneggiare questa energia ci sono evoluzioni di stadi spirituali per essere a quel livello. Noi umani dobbiamo usare bene le nostre energie armonizzati noi stessi il mondo in cui viviamo
    Rispettarci e rispettare la terra e le forme di vita. Dovremo rispondere a essere di luce sul nostro operato. Noi abbiamo ancora da sviluppare la parte spirituale per progredire in altri pianeti.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.