Alla ricerca del vecchio aereo di Atlantide

Le leggende di Atlantide sono impregnate nei miti di molte culture che risalgono a migliaia di anni fa.

Platone, filosofo e scrittore greco antico, si riferiva alla città anche ai suoi tempi, la descriveva come una grande isola oltre le colonne di Ercole.

Molto è stato scritto sulla tecnologia atlantidea, compreso che il “continente perduto” aveva navi sottomarine, navi motorizzate e un misterioso cristallo di potere che forniva elettricità alla città principale.

Alla ricerca del vecchio aereo di Atlantide

aereo di Atlantide

Tuttavia abbiamo poco materiale scritto sui dirigibili che solcavano i cieli ed esploravano i quattro angoli all’epoca di Atlantide.

Il primo a parlare della possibilità del volo della nave fu William Scott-Elliot nel suo libro The Story of Atlantis and the Lost Lemuria, pubblicato nel 1909.

Scott-Elliot descrive l’incredibile tecnologia e gli aerei che solcavano i cieli con una maestosità silenziosa usando un potere perduto nei tempi antichi e ancora sconosciuta oggi.

Tuttavia, non si affida a manufatti, testi o prove fisiche a supporto delle sue incredibili affermazioni. Scott-Elliot ha indovinato i macchinari di Atlantide in sessioni periodiche di quella che ora viene chiamata “Visione Remota“: è la pratica che consiste nella ricerca di tracce di un obiettivo posto a distanza e mai visto in precedenza, principalmente avvalendosi di presunte percezioni extrasensoriali, detti cinque sensi della mente.

La  Visione Remota, credibile dalla CIA e dal Pentagono, è nata dal lavoro svolto decenni prima da scienziati rispettati come il genio dell’elettronica Michael Faraday.

I fisici americani Harold E. Puthoff e Russell Targ hanno collaborato con il laboratorio di elettronica e bioingegneria dello Stanford Research Institute.

Loading...

Quando la sua indagine iniziò a produrre risultati misurabili, il Pentagono si interessò. Allo stesso tempo, la CIA e l’intelligence militare seguirono il corso degli esperimenti paranormali e psichici condotti da sovietici e cinesi.

Scott-Elliot ha usato una tecnica simile alla visione remota per comprendere esattamente cosa facevano gli Atlantidei e come funzionava la loro società.

Ha anche indagato sulla terra mancante di Lemuria. Nel suo libro sulla costruzione di dirigibili ha scritto:

Il materiale con cui sono state costruite le navi aeree era fatto di legno o metallo. I precedenti erano realizzati in legno e le piattaforme utilizzate erano estremamente sottili; tuttavia con l’iniezione di una sostanza che non aggiungeva materiale al peso, conferiva durezza come la pelle, a condizione che fosse necessaria la combinazione di leggerezza e resistenza ”.

Quando il metallo veniva utilizzato, era generalmente di una lega: due metalli bianchi e uno rosso entravano nella sua composizione. Il risultato è stato bianco, come l’alluminio e più leggero.

Una grande lastra di questo metallo è stata estesa sulla struttura ruvida della nave ed è  stata poi colpita nella forma e saldata elettricamente ove necessario.”

Tuttavia, se fosse stato costruito in metallo o legno, la sua superficie esterna era perfettamente liscia e apparentemente senza problemi e risplendevano al buio come se fosse ricoperta di vernice leggera.

“Avevano la forma di una barca, ma erano invariabilmente coperti, perché se avesse corso a tutta velocità non avrebbe potuto essere conveniente, nemmeno sicuro, per chiunque a bordo rimanesse sul ponte superiore. La sua elica e il meccanismo di sterzo potrebbero essere avviati ad ogni estremità.

Una descrizione molto dettagliata, ma non più di quanto il team di visualizzatori remoti della CIA descrive i complessi militari sovietici che sono stati successivamente confermati dalle missioni spia pilotate dall’aereo supersonico di sorveglianza, l’SR-71 Blackbird.

Il fatto che gli Atlantidei possano aver avuto aeroplani è supportato da alcuni dati informativi sopravvissuti alla distruzione della grande biblioteca di Alessandria.

Pezzi di pergamene sopravvissute descrivono in dettaglio gran parte della storia antica che è andata perduta nei tempi moderni.

Alcuni studiosi ritengono inoltre che Atlantide esistesse contemporaneamente al super-stato dell’antica India circa 15.000 a 20.000 anni fa.

I due potrebbero anche aver avuto accordi commerciali e se l’Impero di Rama (a cui si fa riferimento oggi) è volato a Vímanas, allora gli Atlantidei probabilmente avevano il loro aereo. Il sito web World Mysteries scrive degli imperi indiano e atlantideo:

Il cosiddetto Impero Rama dell’India settentrionale e del Pakistan si è sviluppato almeno 15 mila anni fa nel subcontinente indiano ed era una nazione di molte città grandi e sofisticate, molte delle quali si possono ancora trovare nei deserti del Pakistan, a nord e ovest dell’India “.

Apparentemente Rama esisteva parallelamente alla civiltà atlantidea nell’Oceano Atlantico ed era governata da “re-sacerdoti illuminati “che governano le città, le sette grandi capitali di Rama erano conosciute nei testi indù classici come Le sette città di Rishi” .

Per quanto riguarda gli scettici dell’esistenza di Atlantide e tanto meno del velivolo atlantideo, dubito che potranno mai accettare le prove di aerei antichi a meno che uno scavo archeologico li scopra accidentalmente in futuro.

VEDI ANCHE ▶ I robot nei tempi antichi: le macchine degli Dei

A cura di Ufoalieni.it


Resources

William Scott-Elliot
https://en.wikipedia.org/wiki/William_Scott-Elliot

The Story of Atlantis and the Lost Lemuria di W. Scott-Elliot  (Autore)
https://www.amazon.it/Story-Atlantis-Lost-Lemuria/

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!