Asherah, la Compagna di Dio | Ufo e Alieni
Gio. Giu 20th, 2024

Questo articolo è stato creato da UFOAlieni.it, un gruppo di appassionati che si dedicano allo studio e alla divulgazione di informazioni riguardanti il mistero degli UFO, degli alieni e del fenomeno extraterrestre. In questo caso, gli autori hanno voluto approfondire un aspetto meno conosciuto della storia e della religione giudeo-cristiana: la figura di Asherah, la moglie del dio supremo El, menzionata nei testi cuneiformi rinvenuti nella città portuale di Ugarit nel secondo millennio a.C.

Per centinaia di anni, prima che Abramo emigrasse nella regione che sarebbe diventata Israele, Asherah veniva venerata come Athirat, Madre Terra e Dea della Fertilità. Gli antichi israeliti, arrivati in quella zona, adottarono presto questa divinità e la chiamarono Asherah, un nome equivalente in ebraico. Gli scavi di Ugarit del 1928 hanno riportato alla luce Asherah, la Dea, dopo che era stata dimenticata per migliaia di anni.

Asherah, Compagna di Yahweh

Ma chi era Asherah per gli antichi israeliti? E perché spesso la si trova associata a Yahweh, il Dio ebraico? Gli storici e gli archeologi hanno ricostruito la storia di Asherah, trovando tracce di questa figura in molti manufatti della regione e anche nella Bibbia ebraica. Le prove suggeriscono che Asherah fosse già venerata nell’antico Israele e Giuda a partire dal XII secolo a.C., fino a pochi decenni prima della caduta del regno meridionale di Giuda (587-588 a.C.), in un periodo noto come periodo pre-esilico.

Come possiamo distinguere il politeismo degli israeliti e dei giudei pre-esilici? Una prova a favore del politeismo si può trovare nella venerazione di Asherah, la quale aveva un posto nel pantheon accanto a Yahweh, la divinità suprema. Inoltre, i manufatti che raffigurano Asherah e il suo culto, trovati nella regione, contraddicono il divieto biblico sulla creazione di idoli. Tuttavia, non è chiaro come questi israeliti e giudei adorassero gli dei.

Figurine di Asherah
Figurine di Asherah.

Differenze tra libro e religione popolare

È importante fare una distinzione tra la religione ufficiale delle élite urbane, basata sui testi sacri, e la religione popolare praticata nelle comunità rurali, dove la maggior parte degli israeliti viveva. L’alfabetizzazione era rara tra le comunità rurali, quindi la religione ufficiale delle città avrebbe avuto poca importanza nella vita di queste persone. Al contrario, le comunità rurali avevano le loro credenze religiose, spesso usando statue e altri manufatti.

Il testo sacro, prodotto dalla comunità intellettuale delle città, rifletteva la prospettiva delle classi superiori. Asherah è menzionata nella prima Bibbia ebraica circa quaranta volte, ma spesso in modo derisorio. Gli autori biblici in genere non erano soddisfatti che Asherah condividesse la stessa piattaforma di Yahweh e spesso cercavano di impedire che fossero accoppiati.

Yahweh e la sua Asherah

Nonostante l’élite al potere abbia cercato di ostacolare il “matrimonio” tra Asherah e Yahweh, sembra che la loro unione sia stata rafforzata da un’antica benedizione che è stata trovata in diversi siti di scavo nella regione. L’iscrizione recita: “Sii benedetto da Yahweh…e dalla sua compagna Asherah“.

Questa incisione è stata scoperta non solo nel caravanserraglio israelita del IX-VIII secolo a.C. di Kuntillet Ajrud, ma anche in una serie di siti considerati sacri per Yahweh, come Samaria, Gerusalemme, Teman e Khirbet el-Qom, nel regno biblico di Giuda, risalente al 750 a.C.

Iscrizione sepolcrale
Iscrizione sepolcrale da Khirbet el-Quom, VIII sec. a.C., Museo di Israele. Iscrizione: Uriyahu il principe l’ha scritto: Sia benedetto Uriyahu da Yahweh e dalla sua Asherah, poiché lo ha salvato dai suoi nemici.

In realtà, questa frase “Yahweh e la sua Asherah” era così comune che appare anche nella Bibbia ebraica stessa. La criptica benedizione si trova in una prima interpretazione di Deuteronomio 33:2-3, quando l’influenza di Asherah non era ancora completamente subordinata. L’inno completo recita: “YHWH venne dal Sinai e risplendette… alla sua destra la sua compagna Asherah“.

Gli Asherim polacchi

Tuttavia, con la crescente importanza della religione del libro, la figura di Asherah è stata sempre più emarginata all’interno dei testi sacri, fino a ridurla al solo oggetto di culto rappresentato dall’albero stilizzato o palo di legno noto come asherah o asherim.

Questi alberi erano considerati simboli di vita e nutrimento nelle regioni aride e quindi furono associati ad Asherah e al suo culto. Alcuni studiosi ritengono che l’albero di Asherah abbia avuto un ruolo nella storia del Giardino dell’Eden. L’élite dominante ha combattuto contro il culto della dea, integrando la storia della caduta dell’umanità sull’albero, che era chiaramente associato ad Asherah.

Sebbene l’influenza di Asherah fosse limitata alla religione ufficiale, la sua presenza era sentita nelle comunità rurali, spesso sotto forma di statuette che erano diffuse nella regione. Anche se l’idolatria viene condannata nella Bibbia ebraica, le prove archeologiche suggeriscono che coloro che vivevano al di fuori delle grandi città adoravano statue e oggetti di culto come parte della loro religione, portando uno studioso a definire la religione popolare come “tutto ciò che viene condannato da coloro che hanno scritto la Bibbia“.

Figure del pilastro di Asherah

Asherah viene rappresentata in molte forme diverse in tutta la regione, ma tra le più comuni ci sono le statuette a forma di colonna, che erano popolari tra il X e il VII secolo a.C. Il termine “immagini di Asherah” appare spesso nella Bibbia ebraica, e si crede che queste statuette a forma di colonna fossero ciò a cui gli autori biblici si riferivano.

statuetta ceramica donna nuda Asherah
Figura in ceramica israelita di una donna nuda, identificata come una colonna di Asherah.

Le statuette raffigurano spesso seni esagerati sostenuti dalle mani, che si pensa rappresentino l’aspetto nutriente della dea madre. Queste statuette sono state trovate principalmente nelle case private, suggerendo un uso domestico. In un mondo segnato da difficoltà e siccità, è probabile che la preoccupazione per la fertilità abbia spinto gli israeliti e i giudei rurali a venerare la dea Asherah, associandola all’abbondanza.

Pezzi mancanti del puzzle

Placca raffigurante Asherah
Placca raffigurante Asherah.

Nonostante ci siano molti reperti che sembrano essere rappresentazioni di Asherah nella regione, ci sono ancora molte domande a cui non siamo in grado di rispondere. Ad esempio, non sappiamo se fosse la moglie di Yahweh, come suggeriscono alcuni studiosi. Inoltre, non sappiamo se il suo culto fosse limitato alla religione popolare o se avesse una qualche influenza anche sulla religione descritta nella Bibbia ebraica.

Risvegliare l’attenzione su una divinità che è stata dimenticata per così tanto tempo può avere alcuni svantaggi ovvi. Tuttavia, sempre più archeologi e storici riconoscono l’influenza di Asherah nella regione, e ci aspettiamo che verranno condotti ulteriori studi in quest’area per saperne di più.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Asherah, la Compagna di Dio”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina