Possibile esistenza di una civiltà avanzata sulla Terra milioni di anni fa | Ufo e Alieni
Ven. Mar 1st, 2024

Una civiltà avanzata insorta 250 milioni di anni fa sarebbe ormai scomparsa dai registri geologici terrestri, ma la persistenza della sua tecnologia nello spazio rimarrebbe una possibilità intrigante.

L’era Paleozoica, inaugurata 541 milioni di anni fa, rappresenta un capitolo straordinario nella cronologia della vita sulla Terra. Il suo inizio è caratterizzato dall’esplosione cambriana, un evento senza precedenti nella diversificazione delle forme di vita, culminando nella comparsa di lussureggianti foreste pluviali, l’emersione dei pesci e la transizione degli anfibi verso l’ambiente terrestre.

Tuttavia, come in tutte le epoche, la grandezza è destinata a declinare. La conclusione di questo periodo eccezionale è stata segnata dall’estinzione di massa più significativa nella storia del nostro pianeta: l’estinzione Permiano-Triassico.

Questo evento repentino è stato scatenato da un repentino riscaldamento globale, causando un’estinzione su vasta scala sia nell’ambiente marino che terrestre. Più dell’80% delle specie marine e il 70% delle specie di vertebrati terrestri furono annientate. Tale cataclisma seppellì piante e paludi, le quali, nel corso del tempo, furono compressi e trasformati in depositi sotterranei di carbone.

Questa prospettiva apre la porta a una soluzione per le sfide poste dalla possibile interazione con navi provenienti da viaggi interstellari.

La concezione predominante sostiene che l’estinzione Permiano-Triassico sia stata causata da eruzioni vulcaniche, che hanno dato origine ai Trappi Siberiani. La teoria inoltre propone che l’umanità sia la prima civiltà tecnologica emersa sulla Terra, circa 250 milioni di anni dopo questo catastrofico evento.

Civiltà avanzata cancellata

Sorgono interrogativi di rilevanza cosmica quando si considera la plausibilità di un devastante riscaldamento globale avvenuto 252 milioni di anni fa, attribuibile all’attività industriale di una presunta civiltà tecnologica antecedente alla nostra.

Tale teoria richiederebbe che la primigenia intelligenza terrestre si sviluppasse appena il 6% prima della nostra, in un arco temporale di 4,54 miliardi di anni di storia terrestre.

È fondamentale riconoscere che qualsiasi infrastruttura tecnologica lasciata dalle prime civiltà sulla superficie terrestre avrebbe subito un inesorabile processo di demolizione, influenzato da 250 milioni di anni di attività geologica. Questa incluse fenomeni come la subduzione, l’azione erosiva dell’acqua, impatti meteoritici e altri processi naturali [si veda il video allegato per una trattazione scientifica sulla plausibilità di civiltà preesistenti all’umanità. N.d.T.].

Tuttavia, la possibilità di preservare reliquie di tale civiltà si apre considerando lo spazio extraterrestre. Nel corso dell’ultimo secolo, la nostra civiltà ha lanciato in orbita migliaia di dispositivi funzionali. Una civiltà precedente, tecnologicamente avanzata o longeva rispetto alla nostra, avrebbe potuto impiegare tecnologie più sofisticate. Sorge dunque la domanda: esistono reliquie tecnologiche sconosciute nel nostro cielo?

Il Direttore dell’Intelligence Nazionale, Avril Haines, ha presentato due rapporti al Congresso degli Stati Uniti nel 2022 e nel 2023, ammettendo l’esistenza di fenomeni anomali non identificati (FANI) la cui natura rimane enigmatica.

Alcuni di questi oggetti sembrano essere in grado di spostarsi fluidamente attraverso diversi mezzi, attraversando aria e acqua in modo apparentemente indiscriminato.

Sorge quindi la suggestiva ipotesi: potrebbero tali reliquie costituire la prova tangibile di una civiltà che ci ha preceduto sulla Terra 252 milioni di anni fa?

Reliquie di una civiltà di 250 milioni di anni fa

La possibilità prospettata fornisce una soluzione alle intricanti sfide generate dalla potenziale visita di astronavi durante viaggi interstellari, nonché dall’enigma del perché tali Fenomeni Aerei Non Identificati (FANI) si trovino qui in questo preciso momento, nonostante le imponenti dimensioni dello spazio e la vastità del tempo cosmico.

La stabilità a lungo termine dei satelliti in orbita terrestre è intrinsecamente legata al loro sistema di propulsione. Veicoli capaci di spostarsi nell’acqua e nell’aria, come quelli descritti nei resoconti dei piloti della Marina americana nel 2004, potrebbero essere stati progettati per rifornirsi attraverso la raccolta di acqua e la sua successiva suddivisione in idrogeno e ossigeno mediante elettrolisi alimentata dalla luce solare.

città avanzata nel passato
Un’altra illustrazione delle rovine di una civiltà aliena.

Tuttavia, la natura enigmatica dei Fenomeni Aerei Non Identificati richiede un’approfondita decifrazione attraverso l’acquisizione di nuovi dati scientifici. Questo costituisce l’obiettivo primario del Progetto Galileo, sotto la mia direzione.

Il nostro osservatorio iniziale presso l’Università di Harvard attualmente sorveglia l’intero firmamento attraverso dispositivi video e audio. I dati raccolti vengono attentamente archiviati e sottoposti ad analisi mediante l’impiego di sofisticati algoritmi di intelligenza artificiale.

Il team di ricerca del Progetto Galileo divulgherà apertamente qualsiasi FANI identificato nei propri dati, integrando così le informazioni riservate acquisite dalle agenzie militari e di intelligence preposte alla sicurezza nazionale. Dato l’ampio interesse nei confronti dei Fenomeni Aerei Non Identificati, sia a livello governativo che tra il pubblico, sono fermamente convinto che spetti ai ricercatori un dovere civile chiarire la natura di tali fenomeni.

Emendamento del Senato americano

Quest’estate, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (D-NY) e il senatore Mike Rounds (R-SD), membro della sottocommissione per la sicurezza informatica del Comitato per le forze armate, hanno elaborato un emendamento chiamato Disclosure Act of FANI 2023 insieme al senatore Marco Rubio (R -FL), vicepresidente del comitato di intelligence, la senatrice Kristen Gillibrand (D-NY), presidente della sottocommissione sulle minacce e capacità emergenti del comitato per le forze armate, il senatore Todd Young (R-IN) e il senatore Martin Heinrich ( D-N.M.). Se firmata dal presidente Biden, la legislazione proposta aumenterebbe la trasparenza e incoraggerebbe la ricerca scientifica sugli HANI, come attualmente persegue il progetto Galileo.

Incarnando un interesse persistente di molti cittadini americani per oggetti enigmatici e inesplicabili, è giunto il momento di fornire risposte concrete“, affermò Schumer in quel contesto. “Il pubblico statunitense ha il legittimo diritto di acquisire conoscenze sulle tecnologie di provenienza ignota, sull’intelligenza non umana e su fenomeni attualmente privi di spiegazione“.

Alla ricerca della verità scientifica

La legislazione gode di un sostegno bipartisan. “Comprendere il FANI è fondamentale per la nostra sicurezza nazionale e per mantenere il controllo di tutti i domini [terra, aria e mare]”, ha affermato il senatore Gillibrand. “Quando il senatore Rubio e io abbiamo creato l’ All-Domain Anomaly Risoluzione Office (AARO), abbiamo cercato di aumentare la trasparenza per il popolo americano e ridurre lo stigma attorno a questo argomento di grande interesse pubblico. La declassificazione dei precedenti documenti relativi all’UAP fa parte di questa missione e sono orgoglioso di sostenere questo importante emendamento”.

La legislazione propone la creazione di un FANI Records Review Board, un’agenzia indipendente incaricata di valutare se un record FANI debba essere classificato come segreto o reso pubblico. Una volta che il Consiglio avrà emesso una decisione formale, il Presidente degli Stati Uniti avrà l’esclusiva prerogativa di ratificarla o revocarla.

Ci auguriamo che le informazioni recuperate attraverso il governo o la scienza possano elevare l’umanità a uno stato esistenziale più duraturo di qualsiasi possibile predecessore sulla Terra. E per “più duratura” intendo uno stato in cui le nostre creazioni durano più di 252 milioni di anni nel futuro.

Ciò che auspichiamo è che le informazioni acquisite tramite l’azione governativa o scientifica possano elevare l’umanità a uno stato esistenziale più duraturo di qualsiasi predecessore terrestre. Con “più duraturo”, si intende uno stato in cui le nostre creazioni resistano per un periodo superiore ai 252 milioni di anni nel futuro, aprendo prospettive di sviluppo e comprensione del nostro ruolo nell’universo.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Avi Loeb è a capo del Progetto Galileo , direttore fondatore della Black Hole Initiative presso l’Università di Harvard, direttore dell’Institute for Theory and Computation presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysicals e autore del bestseller “Non siamo soli. I segnali di vita intelligente dallo spazio”.


Riferminenti

La posibilidad de la existencia de una civilización avanzada en la Tierra hace millones de años

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina