Le conseguenze di un’esperienza di pre morte

Storie di esperienze di pre morte esistono da secoli. L’argomento è ben studiato ma la domanda è: l’origine dell’esperienza di pre morte è radicata nella scienza o nella religione? Nonostante la continua ricerca di spiegazioni empiriche, prevalgono i resoconti di esperienze di pre morte e le loro conseguenze.

Inizialmente, i postumi di un’esperienza di pre morte possono provocare sentimenti d’amore, mentre i rapporti negativi spesso esprimono paura. Nel tempo, gli effetti collaterali possono stimolare deviazioni psicosociali e psicospirituali.

Psicologi, consulenti scolastici e professionisti in campo medico comprendono la necessità di un intervento. I professionisti possono aiutare le persone che hanno esperienze di pre-morte aiutandoli a integrare la loro esperienza e fornendo supporto ai familiari.

La domanda rimane: È una realtà o una finzione quella dell’esperienza di quasi morte?

Abbiamo bisogno di mettere in discussione il nostro mondo scientifico o lo spazio spirituale per comprendere le esperienze di pre morte? Le storie di persone reali e le loro percezioni possono far luce sul chiarire il soggetto di queste esperienze.

pre morte tunnel

Nel corso di diversi decenni, sono stati registrati molti casi clinici che spiegano gli eventi di persone che hanno esperienze di morte che cambiano la vita, per poi tornare indietro. Questo misterioso fenomeno è stato chiamato “esperienza di pre morte” o “NDE“.

Secondo l’articolo del 2006 Near-Death Experiences and Spirituality di Bruce Greyson, molte storie hanno rivelato caratteristiche comuni come luci brillanti, tunnel e sensazioni di gioia. Inoltre, gli investigatori hanno raccolto dati e trovato caratteristiche simili tra cui aiutare gli altri più spesso, amplificare la compassione, inclinazione spirituale contro religiosa, e una disposizione generale di gratitudine e apprezzamento per la vita.

Storia delle esperienze Pre morte

Storie di esperienze di pre morte sono state segnalate da molte culture diverse in varie epoche. L’articolo del 2009 Near-Death Experiences and Psychotherapy di LJ Griffith ripercorre la storia di un’esperienza di pre-morte:

“Platone ha raccontato una storia di un soldato che sembrava morto, ma tornò in vita spiegando di aver visitato un altro mondo”. I resoconti globali di storie di esperienze di pre-morte “provengono da Israele fino al Sud America”, afferma Griffith.

Raymond Moody è considerato il pioniere degli studi sulla morte prossima alla metà degli anni ’70. L’obiettivo principale dei suoi studi era quello di esaminare l’esperienza e le conseguenze effettive. Nel 1975 Moody ha pubblicato Life After Life (La vita oltre la vita), che ha avviato ulteriori ricerche e interesse pubblico.

Il libro di Moody ha acceso oltre 50 gruppi di ricerca che hanno pubblicato più di 55 studi che coinvolgono un ampio arco culturale. Secondo l’articolo del 2001 Un’esperienza hawaiana di quasi-morte di Allen Kellehear, i dati raccolti su storie di pre morte abbracciano le esperienze di oltre 3.000 persone che praticano una vasta gamma di religioni.

Ricerche sulle esperienze di Pre morte

La ricerca ha catturato l’interesse dei professionisti in una varietà di settori. Secondo l’esperienza di Near-Death 2011 di Christian Agrillo : Out of Body e Out of Brain? la ricerca sulle esperienze di pre-morte è considerata un argomento prezioso nel campo delle neuroscienze cognitive.

Il mistero dell’esistenza di una vita ultraterrena rappresenta anche un argomento estremamente importante in filosofia. Inoltre, Griffith discute su come i ricercatori coinvolti in esperienze di pre morte includono medici, infermieri, cappellani e psicologi, e alcuni hanno scritto in modo sostanziale sull’argomento.

Nonostante la quantità di ricerche, rimane un blocco per quanto riguarda esattamente l’esperienza di premorte. Agrillo spiega che alcuni investigatori hanno attribuito dei blocchi alla realtà che il processo di morte e il modo soggettivo in cui moriamo è ancora un argomento di conoscenza limitata.

Definizione di un’esperienza di quasi pre morte

I modelli psicologici e fisiologici postulati in passato non sono riusciti a passare indagini empiriche limitando così una chiara definizione di un’esperienza di pre-morte. La ricerca ha comportato interviste approfondite con conseguente evidenza categoriale.

Secondo l’articolo del 2010 di KE Bell su How I consulenti scolastici possono aiutare le esperienze studentesche di morte vicina, i risultati delle interviste di diversi studi indicano schemi che definiscono un’esperienza di pre morte.

Nell’articolo di Greyson del 1999, Defining Near-Death eExperiences, Greyson ha descritto da dodici a quindici temi e caratteristiche coerenti che sono stati scoperti di premorte:

  • Una consapevolezza di essere sopra il tuo corpo o morto
  • Aumento dell’allegria o euforia
  • Entrando in uno spazio o qualche volta in un tunnel
  • Vedere o sentire una luce bianca molto luminosa
  • Un senso di essere in un posto tranquillo, bello o a volte spaventoso
  • Incontro con i propri cari che sono passati in precedenza
  • Esseri di tipo angelico, guide o figure religiose
  • Qualche forma di revisione della vita che spesso comporta esperienza di emozioni profonde associate a quelle azioni
  • Una scelta o percezione che si deve tornare

consapevolezza di essere sopra il tuo corpo o morto

Effetti postumi

Cosa succede dopo aver sperimentato il fenomeno dell’esperienza di pre morte? Spesso le esperienze si traducono in effetti positivi, a volte profondi, come un senso di beatitudine ed euforia nelle loro vite. Molte persone scoprono che la loro personalità è cambiata in aggiunta alle diverse credenze e atteggiamenti verso i soggetti in religione e morte.

Inoltre, Griffith spiega che le trasformazioni fisiologiche come sperimentare sensazioni acustiche al rumore o altri sensi, aumento o diminuzione della necessità di dormire e qualche livello di sensibilità verso l’elettromagnetismo sono state descritte dalle persone intervistate.

Religione

Durante l’esame della religione, i ricercatori hanno trovato profondi cambiamenti negli esperimenti di pre-morte. Secondo l’articolo di Greyson del 1999, le interviste hanno scoperto che l’alterazione più spesso riportata nella vita era quella di una questione spirituale.

Inoltre, sono stati registrati resoconti di una preoccupazione più forte o empatia per gli altri, un solido senso di scopo, la vicinanza a Dio e un’avversione verso le pratiche religiose convenzionali. Non sorprende che, come riportato nello stesso articolo, le nuove caratteristiche siano parallele alla definizione di una trasformazione spirituale che spesso comprende un autentico amore per gli altri su larga scala.

Esperienze negative di Pre morte

Occasionalmente le persone riportano disordini emotivi e effetti collaterali negativi. I cambiamenti psicologici implicati includono livelli più elevati di ansia nevrotica a seconda dell’interpretazione specifica dell’evento. Agrillo ha detto che “si sono verificati anche incubi, depressione, isolamento e relazioni conflittuali“.

Nello specifico, i ricercatori hanno inserito spiacevoli esperienze di pre morte in tre categorie; spaventato o fuori controllo, sentendosi completamente solo e immagini orribili come paesaggi oscuri, creature brutte o rumori dolorosamente forti.

Implicazioni per l’aiuto

Spesso, le persone che provano un’esperienza angosciosa vicina alla morte interpreteranno l’evento come un segno o un avvertimento. Lui o lei tenterà di alterare la loro vita in qualche modo. Un secondo gruppo troverà una spiegazione razionale per l’evento, come un attacco o una sorta di disfunzione del cervello o del sistema nervoso.

Infine, e forse il modo più difficile per adattarsi alla situazione è l’effetto collaterale di sentirsi come se si fosse in un vuoto. Secondo Bell, “le persone nell’ultimo gruppo si chiedono perché questo sia successo a loro e cercano di dare un senso all’esperienza“. Inoltre, quest’ultimo gruppo è più propenso a chiedere consulenza o terapia.

Le persone che sperimentano esperienze di pre morte positive e negativepotrebbero aver bisogno di aiuto per integrare la loro nuova disposizione nella vita; in particolare i negativi così come i bambini che sono meno inclini a rivelare o elaborare l’esperienza. 

Inoltre, la famiglia di una persona può trarre beneficio dalla consulenza o dalla terapia a causa del non sapere come mantenere la relazione con una persona le cui caratteristiche e credenze maggiori sono cambiate.”

I familiari possono sentirsi feriti, confusi e persino arrabbiati per l’evento e per i cambiamenti che hanno seguito l’esperienza di pre-morte”, ha detto Griffith.

Aiuto professionale

la scienza si interroga sulle esperienze pre morte

I professionisti sono disposti e aperti ad aiutare una persona a elaborare la propria esperienza di pre-morte. Gli assistenti ospedalieri, i pastori, gli psicologi e i consulenti sono entrambi disponibili e disponibili nei casi di premorte e stanno scrivendo sui modi in cui possono aiutare.

Secondo l’articolo del 2007 di Steven Rice Insights su Near-Death Memories, un pastore di 20 anni ha menzionato che è stato cambiato a causa dei resoconti che ha ascoltato nel corso degli anni di esperienze pre-morte. Il pastore aveva visto persone vicine alla morte che non mostravano paura e sembravano desiderose di morire (indipendentemente dalla loro religione).

I professionisti hanno iniziato a formulare e indurre programmi per adulti e bambini che hanno bisogno di aiuto per integrare la loro esperienza con la morte. La sfida è stata, e può ancora essere il giudizio del praticante o del consulente sul fenomeno.

Gli psicologi suggeriscono quando si lavora con un paziente che ha avuto un’esperienza di pre-morte per diffidare della propria convinzione sull’argomento, normalizzando, integrando ed evitando ipotesi di patologia sono le linee guida suggerite“, afferma Griffith.

Bell spiega che ai consulenti scolastici viene chiesto di adattare la comprensione di un’esperienza di pre morte e di come potrebbero apparire i segni in un bambino. Attualmente, ci sono diverse risorse attraverso percorsi medici e psicologici che possono guidare i consiglieri.

I consulenti possono utilizzare le capacità di ascolto attivo man mano che continuano a essere consapevoli dei giudizi o delle auto-interpretazioni di un’esperienza di premorte. In caso di successo, un consulente scolastico può assistere uno studente in aree personali, sociali e accademiche.

Sia che le esperienze di premorte avvengano da un aspetto fisiologico o psicologico, il risultato è lo stesso; la maggior parte delle persone che hanno queste esperienze proclama vasti cambiamenti di vita con sfumature positive, negative o miste.

Il campo della psicologia e della pre-morte è limitato, ma promettente, poiché i professionisti adattano una comprensione. Consiglieri, pastori e medici comprendono il bisogno di aiuto e l’importanza di sostenere il giudizio. Al contrario, Greyson spiega come “la ricerca non riflette dati accurati a causa del numero di casi non segnalati e vista a volte scettica del fenomeno“.

Forse mentre impariamo di più sulle esperienze di pre morte e sui loro effetti collaterali, potremmo cominciare a capire che cosa significhi l’essenza della vita.

Le persone che muoiono e tornano lo fanno per inviare messaggi? Forse tengono la chiave dei misteri della vita e della morte. Solo il tempo, la pazienza e una mente aperta potrebbero spiegare l’esperienza di pre morte.

A cura di Ufoalieni.it

Con una prefazione di Eben Alexander, a quarant’anni della prima edizione viene ripubblicato il libro di Raymond Moody, che ha milioni di lettori in tutto il mondo. Raymond Moody è il «padre» della moderna teoria sulle esperienze di premorte e il suo “La vita oltre la vita” ha rivoluzionato il modo in cui pensiamo alla morte, a ciò che essa significa e al fine ultimo della nostra vita.

Apparso la prima volta nel 1975, La vita oltre la vita raccoglie decine di testimonianze di persone che sono uscite da uno stato di «morte clinica» e che hanno raccontato con le loro parole che cosa c’è oltre la morte e come da quel momento la loro esistenza è spiritualmente cambiata.

Con i suoi studi pioneristici Raymond Moody ha ispirato un nuovo modo di intendere la scienza, la filosofia e la religione, e ha dato l’avvio a ricerche nuove sulla vita, sulla morte e sul significato dell’esistenza umana.

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.