Cosa dobbiamo fare se riceviamo un messaggio alieno?

Se pensi a un possibile messaggio extraterrestre, sicuramente questa possibilità non ti passa per la mente… Cosa dobbiamo fare se riceviamo un messaggio che si rivela malevolo? Qualcosa come tutto lo spam che riceviamo nelle nostre e-mail…

messaggio alieno dalla spazio

Anche se è un gioco da ragazzi dirlo, ricevere un messaggio alieno dallo spazio sarebbe la grande notizia nella storia umana. Per decenni, alcuni sforzi sono stati fatti nella ricerca della vita.

In questo senso, vale la pena menzionare Frank Drake. Non solo ha sollevato la sua famosa equazione. Ha anche guidato il progetto Ozma, che è stato, per molti versi, il precursore dell’odierno istituto SETI. È stata la prima ricerca di prove di vita extraterrestre intelligente.

In tutti questi anni sono state effettuate diverse analisi alla ricerca di possibili segni che rivelassero la presenza di una civiltà avanzata.

Cose come le comunicazioni radio, per esempio. Tuttavia, ogni volta che pensiamo a possibili messaggi di altre civiltà, postuliamo che sarebbero di natura benevola.

Qualcosa come il contenuto dei dischi d’oro delle sonde Voyager. Ma ci sono altre possibilità. E se fosse un messaggio dannoso? Qualcosa come un virus informatico o spam.

Non è una semplice stravaganza. Una civiltà aliena potrebbe benissimo essere di natura ostile. Questo è ciò che alcuni scienziati hanno escogitato nel corso degli anni.

Andando anche a suggerire che forse non dovremmo cercare di cercare la vita in altri luoghi della galassia.

Un messaggio alieno come minaccia

Non c’è motivo di presumere che un’intelligenza extraterrestre sarebbe benevola. Alcuni scienziati sospettano che la nostra stessa storia potrebbe rispecchiare ciò che accade nella Via Lattea su scala più ampia.

Gli incontri tra le civiltà con scarso sviluppo tecnologico e quelle più sviluppate non sono sempre andati a buon fine. Quindi non è irragionevole pensare che un messaggio alieno possa essere una minaccia per la civiltà.

Dopotutto, l’universo è incomprensibilmente grande. La nostra galassia da sola ha un diametro di 130.000 anni luce.

Andromeda, la grande galassia più vicina, dista 2,5 milioni di anni luce. E questo è solo nel nostro vicinato cosmico! A ciò si devono aggiungere le limitazioni imposteci dalla relatività ristretta.

Non conosciamo alcun modo per viaggiare più veloci della luce. Quindi, se fossimo una civiltà aliena malvagia, un messaggio malevolo sarebbe interessante.

Sarebbe un modo semplice ed economico per sradicare una civiltà. Almeno rispetto all’invio di una flotta d’invasione. Con tutto questo in mente, un gruppo di ricercatori ha pubblicato uno studio in cui ha affrontato queste incognite.

In esso, raccomandano che eventuali messaggi extraterrestri che riceviamo vengano decontaminati prima di utilizzarlo. Ma certo. Come potrebbe un messaggio extraterrestre essere una minaccia?

Varie possibilità

Come potrebbe essere un messaggio dannoso? I ricercatori hanno diverse idee. Un messaggio alieno potrebbe contenere informazioni errate, progettate per causare panico o comportamenti autodistruttivi.

Potrebbe anche contenere virus o problemi tecnici. Qualcosa che, ad esempio, farebbe crashare i nostri computer. Inoltre, è improbabile che un messaggio raggiunga un solo posto. Sarebbe stato sicuramente rilevato in vari luoghi.

Sapevi che abbiamo una “Dichiarazione di principi per le attività post-rilevamento di intelligenza extraterrestre“? È stato adottato dall’Accademia Internazionale di Astronautica nel 1989 e aggiornato nel 2010.

Nell’articolo 6 viene fatta un’osservazione molto interessante che va direttamente contro quanto propongono i ricercatori. Non potevamo confinare il messaggio in un unico luogo.

Dice così: “La scoperta dovrebbe essere confermata e monitorata. Qualsiasi dato su prove di intelligenza extraterrestre dovrebbe essere registrato e archiviato in modo permanente nella massima misura possibile e praticabile. ”

In un modo che lo renderà disponibile per future analisi e interpretazioni. Questi documenti dovrebbero essere messi a disposizione delle istituzioni internazionali sopra menzionate. Così come i membri della comunità scientifica, per la sua analisi e interpretazione obiettive“.

disco d'oro con immagini
Voyager includeva un disco d’oro con immagini e suoni della vita terrena registrati su di esso… per ogni evenienza. Credit: NASA

Un messaggio che si sarebbe diffuso velocemente

In altre parole, non c’è possibilità che questo messaggio possa essere confinato. Non appena verrà confermato che proviene da un’intelligenza extraterrestre, dovrebbe essere a disposizione dell’intera comunità scientifica.

Prima che si potesse determinare se la sua natura è dannosa. Anche se ci fosse un solo destinatario del messaggio, sarebbe sicuramente questione di tempo prima che altre persone/istituzioni riuscissero a prenderlo.

Cosa si può fare in quel caso? Una possibilità posta dai ricercatori è quella di interpretare questi messaggi in modo analogico.

Questo, ovviamente, supponendo che siamo in grado di identificare che siamo di fronte a un messaggio extraterrestre. Inoltre, che possiamo capirlo.

In questo caso, assumeremo che sì, entrambi i casi sono veri. Trattarli in modo analogico significa semplicemente stamparli su carta e interpretarli senza utilizzare dispositivi elettronici.

È qualcosa che potrebbe essere usato in alcuni casi. Ad esempio, se abbiamo ricevuto un messaggio come quello inviato nel Messaggio di Arecibo.

Quindi, l’unico pericolo sarebbe quello rappresentato dal messaggio stesso. Che fosse una minaccia per la specie, per esempio… Ma potremmo ricevere un messaggio composto da codici complessi.

O anche che ha un’intelligenza artificiale inclusa. In quel caso avremmo bisogno di usare i computer.

Alla ricerca di una soluzione

Per quello scenario, i ricercatori esaminano una raccomandazione molto popolare. Utilizzare un computer, completamente isolato, per l’analisi.

La sua conclusione è che anche un tale sistema non sarebbe completamente efficace. Quindi prima o poi finirebbe per fallire.

La sua tesi è che un’intelligenza artificiale, anche se confinata, potrebbe manipolare gli esseri umani che interagiscono con essa per liberarla.

In definitiva, la soluzione principale è semplicemente essere prudenti e garantire che i messaggi che inviamo siano benigni.

Gli stessi ricercatori affermano di ritenere improbabile che un messaggio sia dannoso. Ma non è una cosa che si può escludere del tutto. Lo studio, in tal senso, non serve tanto a dirci come affrontare un possibile messaggio malevolo. È più come rendere i nostri il meglio che possono essere.

Ad ogni modo, non dimentichiamo che è altamente improbabile che il nostro pianeta riceva un messaggio extraterrestre. Dovrebbe provenire da una civiltà astronomicamente molto vicina.

Quindi non è qualcosa che dovrebbe essere di particolare interesse per noi. Certo, se un giorno riceviamo un messaggio da un principe di TRAPPIST-1 che sta cercando di preservare la sua fortuna, la cosa migliore è cancellarlo…

Lo studio è M.Hippke e J.Learned; “Comunicazione interstellare. IX. La decontaminazione del messaggio è impossibile”. Al momento non è stato inviato a nessuna rivista. Puoi verificarlo sulla piattaforma arxiv, a questo link.

A cura di Ufoalieni.it


Resources: www.universetoday.com

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.
167Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina