Il Cubo di Orione: un presunto dispositivo alieno nascosto dagli Stati Uniti

Dan Burisch, Ph.D. in microbiologia ed ex impiegato delle forze militari segrete degli Stati Uniti, fornisce informazioni sconcertanti sugli alieni, il Cubo di Orione, le macchine del tempo, i piani segreti del governo e l’estinzione umana.

stargate cubo di orione

Dan Burisch, nato in California nel 1964, ha studiato microbiologia e psicologia all’Università di Las Vegas, Nevada. Si è laureato nel 1986 e ha conseguito un dottorato in microbiologia nel 1989 nello Stato di New York. Appassionato di sport fin da piccolo, giocava a basket.

Ma la sua vera passione era la scienza, e all’età di cinque anni gli fu dato il suo primo microscopio, che in seguito lo portò ad essere il membro più giovane della Los Angeles Microbiology Society.

Nel 1986 riceve una visita inaspettata all’Università di Las Vegas, dal cosiddetto governo “segreto” degli Stati Uniti. Due di quegli uomini, in uniforme militare, gli hanno offerto di lavorare a un progetto top secret in cui avrebbe potuto mettere a frutto i suoi talenti.

Nel 1987 ha iniziato a lavorare in un ufficio del governo dello stato del Nevada relativo alla libertà vigilata dei prigionieri. Nel 1989 ha iniziato a ricevere campioni di tessuto. Burisch li avrebbe esaminati altrove e avrebbe rimandato il rapporto al loro luogo di origine.

Nel 1989 lavora a un progetto segreto e anche alla cosiddetta “Sharp Storm”. Ma nel 1994 è stato portato in un luogo sotterraneo chiamato “Siglo IV” che fa parte della stessa Area 51, dove ha iniziato a lavorare al progetto “Aquarium”.

Lì apprese che i militari erano in possesso di veicoli spaziali ed esseri extraterrestri. In un dipartimento c’erano informazioni su esseri chiamati Orioni, esseri del sistema stellare Z Reticuli. Anche una copia dell’accordo fatto dal presidente Eisenhower, esseri chiamati P-50 e i cosiddetti Orioni.

In un luogo che chiamano Galileo’s Bay, Burisch è stato in grado di vedere diversi tipi di astronavi. Uno di questi era la nave di Bob Lazar (un ex lavoratore della NASA che ha inaugurato l’Area 51 negli anni ottanta). Un’altra delle navi che vide fu quella che si schiantò a Roswell nel 1947.

Secondo Burisch, abbiamo il concetto sbagliato di alieni. Chiarisce che alieni e extraterrestri non sono la stessa cosa.

Ma che gli alieni sono esseri che vengono da altri pianeti, e che gli extraterrestri sono umani nel futuro e che viaggiano nel tempo per risolvere certi problemi, ma che vengono dalla terra, perché questi sono in realtà l’evoluzione dell’essere umano durante migliaia di anni.

Si distinguono in quattro gruppi. Sono classificati con la lettera P, che significa il tempo presente e gli anni che ci portano nel futuro. Ad esempio, quelli a Roswell sono P-24. Cioè, il tempo presente più 24 mila anni nel futuro.

Gli altri sono conosciuti come: J ROD P-45, J ROD P-52 e P-54. Dice che questi JROD soffrono di una malattia molto dolorosa e stava partecipando a questo progetto per cercare di trovare una cura. Ha affermato di aver prelevato campioni di sangue da una femmina di questi esseri e che per due anni ha lavorato a questo progetto studiando l’essere.

Assicura che sono venuti per stabilire una relazione amichevole e che in uno degli incontri faccia a faccia, ha saltato il protocollo avventandosi su di lui.

Trasmise telepaticamente una grande quantità di informazioni in cui era in grado di sapere che i due terzi dell’umanità erano morti in una catastrofe nucleare. Alcune persone si sono nascoste sottoterra per sopravvivere e altre lo hanno fatto in superficie.

24.000 anni dopo, gli esseri più avanzati sulla terra potevano viaggiare nel tempo, motivo per cui si recarono a Roswell nel 1947. La nave di Roswell era davvero una macchina del tempo. Non provenivano da un altro pianeta ma dalla Terra.

Secondo il colonnello Philip J. Corso (1914 – 1997) che scrisse il libro “The Day After Roswell”, gli esseri venivano fatti viaggiare nello spaziotempo. Avevano due cervelli, uno per controllare le navi. E non si riproducevano. Ha anche affermato che quella nave era la chiave del progresso tecnologico.

Altri gruppi “sopravvissuti” all’estinzione, si sono evoluti sulla Luna, su Marte e infine in Orione, da dove provengono i P-52, o gli Orioni, che, pur essendo Terrestri, hanno colonizzato anche questi altri luoghi.

I P-45 sarebbero i più machiavellici, assetati di catarsi nucleare che accadrà nel nostro futuro per giustificare la loro esistenza. Questi sono responsabili della maggior parte dei rapimenti. Mancano di empatia emotiva.

Cubo di Orione

Eisenhower ha incontrato questi gruppi extraterrestri per evitare l’ovvia catastrofe nucleare. In questo incontro si sono svolte discussioni diplomatiche tra civiltà ed è stato approvato un accordo per rapire esseri umani per studiarli, purché non abbiano sofferto o non ricordino nulla di ciò che è accaduto.

Gli Orioniani diedero al presidente Eisenhower un cubo largo circa tre pollici e lungo altri otto pollici, in grado di predire il futuro. È stato passato tra i ricchi e i potenti in modo che potessero scegliere bene nella loro vita.

Burisch ha lavorato direttamente sotto il comando del “Majestic 12“. Una delle sue dichiarazioni più importanti sono quelle relative agli “StarGates”.

Sono dispositivi realizzati sulla terra, ma con tecnologia extraterrestre. Secondo lui, le informazioni su come realizzarli sono nelle tavole sumere. Erano usati per comunicare con altre civiltà extraplanetarie.

Con loro potresti accedere a un wormhole. Accanto a questo enorme dispositivo, c’era una piattaforma che permetteva all’oggetto di essere lanciato nel wormhole per viaggiare verso altre stelle, teletrasportando istantaneamente persone o materiali da un luogo all’altro.

Ma Burisch afferma che non è molto affidabile e che ha visto morire una persona durante uno degli esperimenti. Questo dispositivo è anche conosciuto come “Looking Glass” ed è stato utilizzato per vedere le probabilità di eventi futuri.

Come hanno visto, la catastrofe sarebbe avvenuta a causa di questi Stargate. Secondo il dottore, ci sono cinquanta Stargate sulla terra. Sebbene tutti gli Stargate siano stati apparentemente smantellati, oggi siamo ancora in pericolo di estinzione.

VEDI ANCHE▶ Alfred Webre: “Marte è abitato da esseri umani”

A cura di Ufoalieni.it

915Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina