Enorme “strada di pietra” emerge dall’Oceano Pacifico: una civiltà perduta?

Solo pochi giorni fa, dopo che la marea era calata bruscamente, dal fondo del mare è comparsa una “enorme strada” dell’Oceano Pacifico.

strada di pietra
L’enorme strada è apparsa sulle rive dell’isola di Sakhalin

Le immagini sono diventate immediatamente virali e le teorie su una civiltà perduta non si sono fatte attendere.

Sulle rive dell’isola russa di Sakhalin, un’enorme strada di pietra è emersa dalle acque. Sebbene sia durato solo poco tempo in superficie, è stato sufficiente per scattare centinaia di fotografie.

È un’opera artificiale o un prodotto della natura? Sebbene non ci fosse tempo per analizzarlo, tutto indica che si tratta di una costruzione artificiale.

Enorme strada di pietra nell’oceano pacifico

La misteriosa apparizione ha sorpreso gli abitanti dell’isola nell’estremo est della Russia, molto vicino all’arcipelago giapponese.

Lo ha annunciato l’Istituto di storia alternativa e archeologia in una pubblicazione sul suo sito web.

Ha anche spiegato che, tramite Google Earth, molte altre formazioni sottomarine si possono trovare sulla stessa costa, un po’ più a nord.

L’isola di Sakhalin è la più grande dell’intera Federazione Russa e confina a sud con le isole giapponesi. Si trova nel cuore dell’Anello di Fuoco, noto per avere le zone di subduzione più importanti del pianeta. Ciò fa sì che, generalmente, riceva una forte attività sismica e vulcanica.

Ovviamente, alcuni scettici affermano che questa è molto probabilmente la ragione naturale delle misteriose strutture. Tuttavia, questo spiegherebbe solo la sua “formazione”, ma non la sua creazione.

enorme strada di pietra
L’Istituto di storia e archeologia alternativa ha mostrato altre strutture simili più a nord

Per cominciare, le formazioni menzionate dall’istituto sono più a nord.

Loading...

Inoltre, osservando l’enorme strada si può notare che è molto simile a quelle create dall’uomo antico, ma erose dall’evidente azione del mare.

Possibile civiltà perduta

Per questo motivo, molte persone hanno chiesto che venga condotta un’indagine geologica o archeologica formale di questa misteriosa struttura. Sebbene nessun istituto di archeologia tradizionale si sia fatto avanti.

Va notato che, non lontano da quella zona, sulla costa giapponese, si trovano le misteriose strutture sottomarine di Yonaguni.

Secondo diversi ricercatori, queste costruzioni sommerse appartenevano alla civiltà perduta di Mu.

L’enorme autostrada lungo le coste di Sakhalin ricorda anche la strada Bimini, i possibili resti atlantidei trovati nel Mar dei Caraibi.

Finora non si sa molto dell’enorme strada di pietra, a parte il fatto che è piuttosto insolita e che il suo aspetto è stato di breve durata.

Finché una delle istituzioni tradizionali non sarà pronunciata, la speculazione continuerà. L’unica cosa positiva è che con così tante immagini scattate al momento, non c’è possibilità che nascondano il fatto o vogliano ingannarci cambiando forma.

 

VEDI ANCHE▶ Triangolo delle Bermuda: piramidi profonde 2.000 metri?

A cura di Ufoalieni.it

Loading...

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

error: Content is protected !!