Gli antichi egizi, avvistarono una stella situata a 92 anni luce migliaia di anni fa

Come mai sulla Terra gli antichi egizi trovarono una stella situata a 92 anni luce di distanza, migliaia di anni fa, senza l’uso di telescopi?

Secondo alcuni ricercatori dell’Università di Helsinki, questo antico papiro egiziano è il più antico testo storico conservato di osservazioni ad occhio nudo di una stella variabile situata a 92 anni luce di distanza, l’eclettica stella binaria Algol.

La stella Algol e gli antichi egizi

Dopo aver studiato un antico pezzo di papiro che si ritiene risalga a più di 3000 anni fa, gli esperti individuarono quella che ora si ritiene essere la prima testimonianza scritta della stella variabile Algol, un sistema a tre stelle situato a 92 anni luce dalla Terra.

Inoltre, non solo gli antichi egizi riuscirono a individuare la stella senza l’uso di telescopi, ma gli studiosi tradizionali ritengono che la stella abbia notevolmente influenzato gli antichi calendari religiosi egiziani.

calendario del Cairo
Il calendario del Cairo.

Algol, tre stelle in una -Beta Persei Aa1, Aa2 e Ab

Mentre le tre stelle passano l’una di fronte all’altra, la loro luminosità diminuisce quando osservata dalla Terra. Ora, gli esperti hanno trovato una forte correlazione tra questo modello e il cosiddetto antico calendario del Cairo che dimostra come l’antico egiziano seguì da vicino il comportamento di Algol.

“La nostra analisi statistica ci porta a sostenere che i testi mitologici del calendario del Cairo contengono informazioni astrofisiche su Algol”, hanno detto gli scienziati.

I ricercatori hanno scoperto come il calendario scritto sugli antichi dettagli del Papiro ogni giorno degli anni, contrassegnando feste religiose, giorni favorevoli e sfavorevoli, previsioni, storie mitologiche e avvertimenti per il popolo dell’antico Egitto.

Inoltre, è dimostrato che le fasi più luminose della luna e la stella binaria eclissante coincidono con i giorni positivi nell’antico calendario egiziano.

L’algol, che viene anche chiamato stella del demone, era collegato all’occhio strisciante di Medusa dai primi astronomi.

Nonostante il fatto che gli antichi egizi sapessero della sua esistenza migliaia di anni fa, il binario eclissante fu scoperto nel 1669.

L’antico papiro che dettaglia Algol risale al 1244-1163 aC circa.

antichi egizi e la stella algol
Stella Algol, Beta Persei

“Fino ad ora, c’erano solo congetture che molti dei testi mitologici del Calendario del Cairo descrivono fenomeni astronomici”, ha  spiegato uno dei membri del team, Sebastian Porceddu.

“Ora possiamo verificare inequivocabilmente che durante tutto l’anno le azioni di molte divinità nel Calendario del Cairo sono collegate ai regolari cambiamenti di Algol e della Luna.”

I ricercatori credono che Algol fosse rappresentato come Horus. “Dimostriamo che Algol era rappresentato come Horus e quindi significava sia la divinità che la regalità”.

“I testi che descrivono le azioni di Horus sono coerenti con il corso degli eventi assistiti da qualsiasi osservatore a occhio nudo di Algol”.

“Il periodo della Luna, 29,6 giorni, è stato scoperto anche nel Calendario del Cairo”, hanno detto. “Dimostriamo che le azioni di Seth sono state collegate a questo periodo, che ha anche regolato fortemente i tempi descritti come fortunati per il Cielo e per la Terra.”

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.