Il mistero della Pietra di Ingá vecchia di 6000 anni | Ufo e Alieni
Ven. Apr 19th, 2024

Situata nel mezzo del fiume Inga, non lontano dalla città brasiliana di Inga, si trova uno dei reperti archeologici più interessanti del Brasile. Chiamata anche Itacoatiara do Ingá, la sua traduzione è “pietra” nella lingua Tupi.

La Pietra di Ingá copre un’area di duecentocinquanta metri quadrati. Si tratta di una costruzione verticale lunga 46 metri e alta fino a 3,8 metri. La Pietra di Ingá mostra incisioni che ancora oggi aspettano di essere decifrate.

I ricercatori hanno trovato diverse incisioni, figure, frutti, animali e altre figure sconosciute, ma soprattutto scolpite sulla Pietra Ingá sono la Via Lattea e la costellazione di Orione.

Pietra di Ingá

Pietra di Ingá

Secondo la ricerca, questo incredibile sito archeologico situato in Brasile risale ad almeno 6.000 anni fa. È una delle principali attrazioni per archeologi e antropologi di tutto il mondo.

La Pietra di Ingá è una formazione geologica di gneiss, un tipo di roccia comune e ampiamente distribuita formato da processi metamorfici regionali di alto grado che trasformano formazioni preesistenti originariamente costituite da rocce ignee o sedimentarie.

È spesso foliata, composta da strati con strutture planari simili a fogli. Le foliazioni sono caratterizzate dall’alternanza di bande colorate più scure e più chiare, dette “bande gneissiche”.

Le incisioni della Pietra di Ingá rimangono un mistero, ma alcuni simboli sono stati identificati e accettati in tutta la comunità archeologica. Alcuni ricercatori sostengono che la Pietra di Ingá abbia un’origine fenicia, ma questa teoria non è stata confermata.

Il ricercatore brasiliano Gabriele Baraldi ha dedicato molto tempo allo studio dei messaggi crittografati sulla Pietra Ingá; secondo la sua teoria, le incisioni sulla Pietra Ingá sono la prova di un’antica tecnologia sconosciuta.

Anche se si tratta di un complesso dal design accattivante, non è unico in quanto lo stile geometrico della Pietra di Ingá è presente in altre incisioni brasiliane che hanno uno stile molto simile, ma nessuna di queste è famosa e interessante come la Pietra Ingá.

Gli archeologi affermano che le incisioni sulla pietra sono state eseguite con incredibile precisione e i dettagli rivelano una tecnica superba utilizzata da artisti molto abili che sicuramente erano molto dotati e capaci di creare queste incredibili incisioni.

Ci sono numerose rocce che si trovano intorno alla Pietra di Ingá, ma nessuna di esse corrisponde o assomiglia allo stile utilizzato nella Pietra Ingá, rendendola un prodotto unico di antico artigianato.

Come molti altri monumenti in tutto il mondo, la Pietra di Ingá ha subito atti vandalici. Molte altre pietre nelle vicinanze furono distrutte negli anni ’50 per pavimentare le strade della capitale dello stato di Paraiba. La colpa è anche delle condizioni meteorologiche e di altri fattori.

La Pietra Ingá ha perso molti dei suoi simboli originali perché le incisioni hanno perso spessore. Queste incisioni insolite, ma esteticamente intriganti, sono la prova di metodi tecnicamente sofisticati che hanno portato i ricercatori a mettere in discussione l’origine di queste incisioni.

I ricercatori suggeriscono che gli indiani nativi non disponessero di strumenti metallici per poter scavare le incisioni sulla pietra; alcuni ricercatori hanno ipotizzato che le incisioni sulla Pietra di Ingá siano state create dai Fenici o dagli aborigeni dell’Isola di Pasqua.

I simboli della Pietra Ingá mostrano un certo grado di somiglianza stilistica con i simboli trovati sull’Isola di Pasqua; entrambi rappresentano la geometria dello stile curvo, ma, secondo i ricercatori, questa è l’unica somiglianza trovata tra loro.

Anche se si può trovare la somiglianza della forma geometrica tra la Pietra di Ingá e altre culture antiche, ciò non indica necessariamente una connessione tra le culture. Alcuni ricercatori hanno addirittura proposto che la Pietra Ingá sia la prova di un contatto extraterrestre.

La pietra di Ingá è correlata ai fenomeni celesti poiché sulla sua superficie sono state raffigurate diverse costellazioni, rendendola uno dei documenti astronomici più antichi rinvenuti in Brasile.

Dall’analisi delle tribù native del Brasile, i ricercatori hanno concluso che i nativi brasiliani erano generalmente associati ad animali soprannaturali e la rappresentazione di stelle e costellazioni non era una pratica comune tra di loro.

Per i Ticuna dell’Amazzonia orientale, i fenomeni celesti sono strettamente legati alle “impronte lasciate dai manuali che ora abitano i cieli”. I ricercatori affermano che le raffigurazioni di stelle e oggetti celesti sono più connesse dal punto di vista mitologico che astronomico, ma questo è un dibattito in corso tra gli studiosi.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Riferimenti:

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina