Il primo “clone umano” è già stato creato? La storia di David Rorvik

Nel 1978, la pubblicazione di un libro dell’autore David Rorvik, suscitò grandi polemiche in quanto menzionava “la creazione del primo clone umano nel 1976“.

 libro clone umano
Il libro pubblicato nel 1978 menziona la creazione del primo clone umano.

La storia del primo clone umano, apparve nello strano libro “In His Image: The Cloning of ManA sua immagine. La clonazione di un uomo, pubblicato nel 1978 da David Rorvik, giornalista medico della rivista Time ed editore del New York Time.

Il libro ha suscitato scalpore nel pubblico che non ha dubitato di ciò che è stato scritto, anche perchè era stato scritto da uno dei giornalisti più rispettati .

Il clone umano creato nel 1976

La pubblicazione del libro è stato un duro colpo per la comunità scientifica, che, scettica, ha dovuto analizzare le informazioni fornite dal giornalista.

La storia di “In His Image: The Cloning of Man” racconta come Rorvik fu contattato nel 1973 da un milionario californiano, che lui chiama “Max”.

Questo personaggio aveva bisogno di un erede, però esprime chiaramente che non voleva un figlio convenzionale ma aveva bisogno che nascesse attraverso la clonazione.

Max sborsò un’immensa quantità di denaro e disse che sarebbe stato in grado di pagare la somma che voleva, se avesse trovato lo scienziato con la capacità di creare un suo clone umano.

Rorvik, fino ad oggi, ha avuto una delle carriere più brillanti e il suo nome era molto rispettato nel giornalismo scientifico. Oltre ad essere un corrispondente per il New York Times e la rivista Times, ha scritto anche diversi libri sulla medicina riproduttiva.

Questo è stato il motivo principale per cui Max ha deciso di individuarlo tramite vari contatti. Fu in questo modo che Rorvik iniziò a cercare scienziati che avessero il coraggio di svolgere questo lavoro.

La credibilità del libro

Non ha avuto problemi a mettere insieme una squadra di specialisti, che si sono trasferiti con lui in un’isola remota nel Pacifico. Lì, Max aveva allestito un laboratorio clandestino.

Dopo 3 anni di duro lavoro ed esperimenti, gli scienziati sono riusciti a riprodurre un possibile embrione umano con il DNA del milionario.

David Rorvik
David Rorvik oggi.

L’embrione è stato impiantato in un nativo di un’isola chiamata “Sparrow”, in onore del nome della donna e nove mesi dopo, è nato il primo clone umano.

Grazie al suo curriculum, alla credibilità e ai molteplici collegamenti, il suo libro è entrato nella copertina del “New York Post” nel 1978, dedicando le sue pagine migliori a Rorvik e alla sua creazione.

Il testo ha venduto migliaia di copie molto rapidamente e la storia era sulla bocca di tutti. Ma non sorprende che la voce sia arrivata al governo, che è rapidamente intervenuto.

L’amministrazione di Jimmy Carter ha nominato una commissione che avrebbe il compito di indagare su tutto ciò che ha menzionato il giornalista.

La tecnica menzionata da Rorvik nel testo era già stata sperimentata in gruppi di batraci negli anni 60 e, in effetti, gli esperti conoscevano le difficoltà incontrate nei mammiferi.

Il risultato di David Rorvik

Il libro conteneva citazioni del biologo britannico Derek Bromhall, che successivamente ha citato in giudizio il giornalista e l’editore per diffamazione.

Durante il processo, il giudice della Corte di Filadelfia chiese a Rorvik di riprodurre gli esperimenti menzionati nel libro ma, ovviamente, questo non poteva farlo.

Nel 1981, il libro è stato dichiarato “una bugia e uno scherzo”. L’editore ha dovuto pagare a Bromhall un’immensa somma di denaro che ha finito per affondare il giornalista.

Tuttavia, a sua immagine la clonazione dell’uomo continua a generare polemiche anni dopo. Nel 1997, durante un’intervista per la rivista “Omni”, lo scrittore dichiarò nuovamente che la sua storia era autentica.

“La realtà è che non ero a conoscenza di tutti gli aspetti del progetto che sono stati dettagliati nel mio libro e quindi non ho mai avuto la prova del successo… tuttavia, prove circostanziali mi hanno portato a concludere che il progetto ha avuto successo. Ci credevo alla fine degli anni ’70 e ci credo ancora oggi”.

Fatto curioso fu che quello stesso anno fu clonato il primo mammifero della storia: la pecora Dolly.

La storia di David Rorvik è reale? Ha davvero assistito a un esperimento di clonazione? Nonostante i dubbi siano ancora presenti, in molti si chiedono perché un giornalista così importante rischierebbe tutta la sua carriera per un’invenzione.

VEDI ANCHE▶L’enigmatico e impressionante teschio scolpito del Tibet

A cura di Ufoalieni.it

¿El primer “clon humano” ya fue creado? La historia de David Rorvik

663Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina