Intervista a Giorgio Tsoukalos, “l'uomo degli alieni” | Ufo e Alieni
Sab. Apr 13th, 2024

Giorgio Tsoukalos è nato a Lucerna, in Svizzera, il 14 marzo 1978, e si considera un figlio degli anni ’80.

“Sono cresciuto con Star Wars e con film molto importanti in quel momento”, ha detto nella conversazione, anche se ha chiarito che il principale responsabile del suo fascino per gli alieni era sua nonna.

“È stata una buona idea che mi raccontasse fin da piccolo, quando avevo cinque o sei anni, storie della buonanotte mescolate con Edgar Cayce o I carri degli dei di Erich von Däniken”, dice Tsoukalos.

Giorgio si è interessato ai libri di Von Däniken quando aveva 12 anni e ne è rimasto affascinato, e da allora è diventato il suo autore preferito.

“Ho avuto la fortuna di crescere in Svizzera, quindi quando avevo 15 o 16 anni ero già amico di Erich. Posso dire che siamo amici da oltre 30 anni. Immagino. È una persona meravigliosa e il mio mentore”, ha detto Tsoukalos.

Dall’uscita di Ancient Aliens nel 2009, Tsoukalos è diventato un volto familiare su Internet ed è diventato virale con il meme in cui l’ufologo dai capelli selvaggi guarda la telecamera con una faccia strana e una sovrapposizione dice “ALIENS”.

“È qualcosa che è cresciuto organicamente. Non ho alcun controllo su questo meme. So che è usato positivamente e negativamente. E onestamente, non mi interessa. È la mia faccia. Ci rido ogni giorno. Quindi lo adoro, penso che sia meraviglioso. E mostra anche l’amore e l’apprezzamento che le persone hanno per me e per la questione aliena”, afferma Tsoukalos.

 meme di Tsoukalos.
Il famoso meme di Tsoukalos.

Quando e come hai deciso di diventare ricercatore e professionista nel campo dell’ufologia?

Giorgio Tsukalos: Ho deciso nel 1998, quando la persona che gestiva l’American Ancient Astronaut Society, il dottor Gene Phillips, voleva andare in pensione perché era vecchio. Questa organizzazione, con sede a Chicago (USA), esiste dalla metà degli anni ’70. 

Tra il 1978 e il 79, Erich von Däniken avvia una filiale nei paesi di lingua tedesca: Germania, Austria e Svizzera. Insieme se ne sono presi cura lì e negli Stati Uniti, ma la sede dell’Ancient Astronaut Society è ancora in Svizzera. Tuttavia, nel 1998, Phillips decise che voleva lasciare la scena e non pubblicare più la rivista. 

Erich ha detto che va bene, poteva smettere, ma che Erich avrebbe continuato la versione tedesca dell’Organizzazione. Quando ho saputo che sarebbe successo, ho chiamato Erich e Phillips e ho detto che volevo continuare. I due dissero: “No, chi sei? Perché?”. 

Ho dovuto fare pressioni per un anno e mezzo su molte persone nel campo degli antichi astronauti, chiedendo una possibilità e dicendo che non li avrei delusi. Ed eccoci qui. Questa è una storia che pochi conoscono, ma Gene Phillips, fino alla sua scomparsa nel 2016, era contro di me, perché sono riuscito a portare tutto a un livello nuovo, che lui non aveva mai raggiunto. 

Invece di essere felice, lo odiavo. Nel caso di Erich, è stato il contrario, ha adorato quello che è successo con “Ancient Aliens”.

Le persone sono, a poco a poco, più aperte al tipo di idee trattate in “Ancient Aliens”?

Giorgio Tsoukalos: Esatto. E ha molto a che fare con il modo in cui presentiamo le cose. Dico sempre alle persone che non sono d’accordo con le idee di guardare comunque lo spettacolo. Primo perché è bello e ben fatto, secondo perché è possibile girare il mondo senza muoversi di un centimetro. 

Alla fine della giornata, se qualcosa era utile, l’obiettivo era raggiunto. Molte delle cose che abbiamo mostrato nella serie hanno fatto cambiare idea a molte persone, anche se non erano d’accordo con tutto. Ho così tanti esempi di persone che mi dicono che due anni fa hanno iniziato a guardare lo spettacolo e hanno pensato che fosse pazzesco, ma ora sono d’accordo su molte cose. 

Non tutti, ma alcuni o molti. Alla fine della giornata, non posso costringere nessuno ad accettare questa idea, ognuno decide se è pronto o meno ad abbracciare questo modo di pensare.

Qual è il segreto per, anche dopo tanti anni in onda, mantenere tutto fresco e interessante?

Giorgio Tsukalos: Devo dare credito alla società di produzione della serie, Prometheus Entertainment, e al produttore Kevin Burns. È un visionario, una persona straordinaria con cui lavorare. Vedo diverse versioni di ogni episodio, dall’inizio, fino alla fine, e spesso la differenza è sorprendente. 

Questo è il tocco di Kevin Burns. Capisce davvero di televisione e sicuramente ama questo argomento. E ti dirò, all’inizio, a Kevin piaceva solo la teoria, ma ora ci crede, non importa quanto sia scettico. Questo è ciò che rende lo spettacolo interessante: come ho detto, la narrazione non finisce con un punto fermo, ma con punti interrogativi. 

Dobbiamo ricordare che “Ancient Aliens” è iniziato come un semplice documentario di due ore. Fino ad allora, non si parlava di una stagione o di una serie. Era solo quello, una possibilità e basta. E il fatto che ora abbiamo una serie con così tante stagioni mostra l’incredibile accoglienza che abbiamo ricevuto in tutto il mondo, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo. 

Questo è qualcosa che nessuno di noi si aspettava, motivo per cui devo sempre ringraziare i fan di tutto il mondo, che ci hanno abbracciato con tanto amore ed entusiasmo. Senza di loro non saremmo in onda!

Giorgio Tsoukalos
Giorgio Tsoukalos, “Il ragazzo degli alieni”.

Con così tanti casi in tutto il mondo, quante altre stagioni ci vorranno per avvicinarsi a coprire tutto?

Giorgio Tsukalos: Ci sono sempre cose interessanti che possiamo affrontare, ma dobbiamo avere lo stesso pubblico, o più, per continuare. Finché le persone guarderanno lo spettacolo in gran numero, noi ci saremo. Viviamo su un grande pianeta, con molti misteri, alcuni che non abbiamo ancora esplorato. 

Ad esempio, in Colombia, c’è un posto fantastico chiamato Tierradentro di cui non abbiamo ancora parlato in “Ancient Aliens”. Un’altra cosa che trovo interessante è uno Stonehenge che è stato trovato in Amazzonia, in cima a una collina, e la struttura è allineata con le stelle. 

E uno dei miei preferiti è nel nord-est del Brasile, vicino a Paraíba, è la Pietra Ingá, con le sue iscrizioni scolpite che presentano diversi tipi di glifi e simboli, che ancora oggi la gente non sa cosa significhi e chi, o cosa cultura dal Brasile, li ha scolpiti. E, vedi, se guardi quei simboli, alcune di quelle teste sembrano alieni. Molto strano, mi piacerebbe vederlo da vicino uno di questi giorni.

Di tutto ciò che hai visto in giro per il mondo, qual è la prova più convincente che hai trovato, soprattutto per i non credenti?

Giorgio Tsukalos: Manderei subito tutti in Bolivia, vicino al lago Titicaca, sugli altopiani delle Ande. C’è un sito archeologico chiamato Tiwanaku, che è fantastico, ma a soli 300 metri da esso, ce n’è un altro molto piccolo chiamato Pumapunku, ci sono stato otto o nove volte. 

È il mio posto preferito al mondo! In esso, tutta la logica è capovolta. La maggior parte delle pietre sono di due tipi: arenaria rossa e andesite grigia. Entrambi presentano problemi. Nel caso dell’arenaria, come sono state trasportate e nell’andesite, come sono state tagliate. 

Alcuni dei blocchi di arenaria rossa sono enormi piattaforme, del peso di oltre 7 tonnellate e delle dimensioni di un vagone ferroviario. Quando chiedi agli archeologi come sono stati trasportati questi blocchi, dicono che è stato semplice: rotolare attraverso il legno. 

Ok, ok, forse è vero, dato che è successo in molti posti, ma questo non sembra essere stato possibile a Pumapunku dato che ci troviamo a un’altitudine di oltre 3.900 metri, al di sopra della linea naturale degli alberi. Nessun albero è mai cresciuto a quell’altitudine! Allora da dove vengono i carri e i tronchi di legno? Come venivano trasportati? Nessuno sa. 

Per quanto riguarda l’andesite grigia, è una roccia ignea vulcanica molto, molto dura. Gli archeologi affermano che poiché a Pumapunku sono stati trovati strumenti di rame e ferro e ossa di pollo, ciò dimostra come è stata tagliata l’andesite. Che tu ci creda o no: ossa di pollo! Mi dispiace, ma è impossibile tagliare qualcosa di duro con un materiale più morbido, l’utensile deve essere altrettanto duro o più duro. 

Un famoso blocco di Pumapunku ha una scanalatura perfetta, con fori praticati ogni 2 o 3 centimetri. Ogni foro è profondo esattamente 4 centimetri e se fai scorrere il dito lungo la linea della scanalatura con una leggera pressione si taglierà da solo, così puoi avere un’idea di quanto sia nitido. 

“Non abbiamo costruito questo”. Attribuiscono le opere ai giganti e, in alcuni casi, “los dioses”. Sappiamo che “los dioses”, gli dei, non esistevano e sono stati confusi, male interpretati, da esseri tecnologici, viaggiatori spaziali, che ci hanno visitato molto tempo fa e ci hanno dato conoscenza. Da qualche parte nel futuro saremo gli antichi astronauti su un altro pianeta. Non domani, ma forse tra 500 anni.

E quando avverrà la rivelazione, quando i governi diranno che gli extraterrestri sono qui?

Giorgio Tsoukalos: Non succederà mai! Potrebbe succedere, ma ne dubito. La rivelazione non è un evento unico, ma un processo nel tempo, in cui il pianeta è preparato per il loro arrivo. Il pubblico arriva, dico, perché penso che siano già qui. 

Noi o le persone che guardano “Ancient Aliens” saremmo felici di una rivelazione improvvisa, ma questo è solo il nostro caso. Penso che la stragrande maggioranza dell’umanità sarebbe terrorizzata, in preda al panico, ed è per questo che è così importante parlare di queste cose. 

Erich von Däniken si riferisce a questo come “lo scontro degli dei”, dobbiamo evitare questo scontro a tutti i costi. Siamo una minoranza nel caso di queste idee. Sono molto felice di poter diffondere questa conoscenza a coloro che non la conoscono, poiché trovo più eccitante sapere che non siamo soli nell’Universo che il contrario.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Un pensiero su “Intervista a Giorgio Tsoukalos, “l’uomo degli alieni””

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina