Isola di Pasqua: Le sue statue iconiche Moai stanno scomparendo

Migliaia di anni fa, un’antica cultura scoprì l’isola nel mezzo del vasto mare. Hanno creato una civiltà che ha costruito più di 1100 statue Moai, molte delle quali sono state sollevate e trasportate per chilometri dalle cave con metodi che hanno ancora affascinato gli scienziati. Ora, l’isola, così come le sue enigmatiche statue Moai potrebbero scomparire dalla storia.

Moai Isola di Pasqua

Moai Isola di Pasqua
Le famose statue Moai.

La civiltà dell’Isola di Pasqua è crollata secoli fa, ma la loro eredità sopravvive attraverso le innumerevoli statue che rendono chiaro quanto fosse potente una volta. Gli studiosi ritengono che l’isola sia stata abitata dal 300 al 400 d.C.

Ora, gli esperti avvertono che l’isola di Pasqua e la sua storia enigmatica, avvolta da innumerevoli misteri, potrebbe presto sparire sotto gli oceani in aumento, diventando l’ultima vittima del cambiamento climatico.

Secondo gli studiosi, negli ultimi anni le onde oceaniche hanno iniziato a raggiungere dozzine di antiche statue Moai che sono state piazzate strategicamente centinaia di anni fa.

Moai incompleti

Tempi preoccupanti attendono l’isola quando gli scienziati dell’ONU hanno avvertito che le statue potrebbero essere inghiottite dalle onde, poiché si prevede che i livelli del mare saliranno di almeno sei piedi entro l’anno 2100.

Si crede che le statue enigmatiche, un marchio dell’isola di Pasqua, siano state scolpite tra il 1100 e il 1680. Gli scienziati sono preoccupati che l’innalzamento del livello del mare eroderà l’isola, mettendo a rischio i suoi tesori archeologici.

Nessuno sa esattamente come l’antica cultura sia riuscita a trasportare le statue massicce nella loro posizione. Ma non è l’unico mistero. Gli studiosi non sanno ancora perché durante i decenni dopo che l’isola è stata “riscoperta” dagli europei, ogni statua è stata sistematicamente sormontata, né sappiamo con certezza come la popolazione degli isolani di Rapa Nui sia stata decimata.

statua isola di pasqua

Questa preoccupante notizia è stata documentata da Nicholas Casey, corrispondente del New York Times nella regione andina, e Josh Haner, fotografo del Times, mentre viaggiavano per circa 3600 chilometri dalla costa del Cile per osservare come l’oceano stia erodendo i monumenti dell’isola.

Senti un’impotenza in questo, non essere in grado di proteggere le ossa dei tuoi stessi antenati“, ha detto a Casey Camilo Rapu, il capo dell’organizzazione indigena che controlla il Parco Nazionale di Rapa Nui sull’isola. “Fa male immensamente.

Gli archeologi credono che le centinaia di statue presenti sull’isola di Pasqua rappresentino gli antenati della cultura che le ha costruite. Si crede che i polinesiani abbiano scoperto l’isola di Pasqua circa 1.000 anni fa.

Questa isola è considerata una delle isole più remote sulla superficie del pianeta. L’isola appartiene al Cile, che si trova a circa 3.500 chilometri di distanza. Un bel viaggio lungo mille anni fa, non credi?

Ma l’isola di Pasqua non è l’unica isola in pericolo a causa dell’innalzamento dei livelli dell’oceano. Secondo gli scienziati, molte altre isole del Pacifico stanno avvertendo gli effetti del cambiamento climatico e il rapido aumento dei livelli del mare.

Le isole Marshall e gli atolli corallini di Kiribati a nord delle isole Figi sono sulla lista dei luoghi che sono a rischio di essere divorati dall’oceano.

L’Isola di Pasqua ospita circa 900 statue Moai con una media di quattro metri di altezza. Le loro statue più importanti si trovano sulla costa. Gli scienziati avvertono che tre delle principali statue Moai, Tongariki, Anakena e Akahanga sono a rischio peggiore di essere erose dall’innalzamento dei mari.

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.