Apollo 20: Monna Lisa, la ragazza aliena del mistero lunare
Dom. Mar 3rd, 2024

La storia delle missioni spaziali è costellata di successi, fallimenti e misteri irrisolti. Tra questi, la teoria del complotto riguardante il presunto programma Apollo 20 ha attirato l’attenzione di appassionati di ufologia e misteri spaziali.

Quest’articolo esplora le origini di questa teoria, analizzando le prove e le testimonianze che la circondano, nonché la confessione dell’artista che ha ammesso di aver creato la storia immaginaria dell’Apollo 20. Scopriamo insieme i dettagli di questa intrigante vicenda e valutiamo se le affermazioni presentate siano credibili o semplicemente frutto dell’immaginazione di un artista.

Il programma Apollo 20

Il programma Apollo si concluse ufficialmente nel 1972 con la missione Apollo 17 come ultima missione diretta verso la Luna e il ritorno sulla Terra.

Tuttavia, la NASA aveva pianificato altre tre missioni: Apollo 18, Apollo 19 e Apollo 20. Secondo alcune teorie del complotto, le missioni Apollo avrebbero scoperto antiche strutture artificiali sulla Luna e la NASA avrebbe voluto esplorare la zona senza che la popolazione ne fosse a conoscenza.

L’Apollo 20 è considerato uno degli insabbiamenti più controversi della storia. Nel 2007, molti video furono caricati su YouTube e l’utente che li ha forniti affermò che erano riprese fatte dall’Apollo 20.

I video, sgranati, sembrano essere impressi su pellicola da 16 mm e mostrano l’interno del modulo di comando dell’Apollo 20, oltre a ciò che sembra essere una intricata struttura di una città lunare desertica.

Struttura fotografata dall'Apollo 20 sulla luna
Struttura fotografata dall’Apollo 20 sulla luna

Struttura fotografata dall’Apollo 20 sulla luna

William Rutledge, il primo astronauta qualificato, afferma che la missione è avvenuta nel 1976 come un’audace collaborazione tra i sovietici e gli americani. È stato selezionato per far parte della squadra perché ateo, una rarità tra gli astronauti del 1970.

Ma perché la NASA avrebbe scelto qualcuno che non crede in Dio per questa missione? Forse per evitare che un credente perdesse la sua fede?

Rutledge ha affermato che la missione Apollo 14 ha sorvolato la regione polare meridionale della Luna, avvistando numerose navi spaziali e città abbandonate, tra cui strutture a forma di torre. L’Apollo 20 ha invece atterrato vicino al Cratere Delporte e la sua missione era quella di esplorare una nave madre a forma di sigaro, abbandonata 1,5 milioni di anni fa.

Una volta all’interno, gli astronauti hanno trovato due corpi alieni. Il maschio era morto ma ben conservato, quindi hanno recuperato la femmina soprannominata Mona Lisa. Aveva un corpo umanoide, sei dita e i suoi lineamenti erano simili a quelli umani, sebbene non avesse narici.

Corpo umanoide di donna ritrovato chiamata Mona Lisa
Corpo umanoide di donna ritrovato chiamata Mona Lisa

Corpo umanoide di donna ritrovato chiamata Mona Lisa

Rutledge l’ha descritta come se fosse in uno stato di sospensione vitale, né morta né viva. Era attaccata alla plancia di controllo della nave spaziale con una serie di tubi che entravano nel suo corpo ed era ricoperta da una sostanza simile alla cera. Fu portata sulla Terra e lui sospettò che fosse stata rianimata e tenuta in segreto da qualche parte fino ad oggi.

Anche il maschio fu portato sulla terra e gli fu fatta un’autopsia.

Gli astronauti recuperarono quanta più tecnologia possibile e iniziarono il loro viaggio di ritorno. William Rutledge, che adesso ha 78 anni e vive in Rwanda, afferma di non sentirsi più minacciato dalla segretezza a cui aveva giurato fedeltà ai tempi della missione, e sostiene che non sia compito della NASA o di chiunque altro nascondere cose di tale portata al mondo.

Qui c’è un video della Monnalisa.

Alcuni sostengono che si tratti di una bufala perfetta, con una testimonianza che dichiara di averla progettata. In questo caso, una pagina di WikiBooks indica che la presunta missione segreta è in realtà una messinscena creata da un artista video francese di nome Thierry Speth, il quale avrebbe ammesso di aver diffuso i filmati il 9 luglio 2007.

Confessione

Thierry Speth, un artista francese, ha dichiarato di essere l’autore della storia immaginaria dell’Apollo 20 il 9 luglio 2007. Nonostante la probabilità che la sua affermazione sia vera, molte persone hanno inizialmente dubitato di essa e ancora oggi molte persone non conoscono Thierry Speth.

La storia immaginaria dell’Apollo 20 ha trovato nuova linfa vitale su TikTok, dove molti utenti pubblicano, condividono e remixano clip video. Alcuni di questi video sono diventati virali e, dai commenti lasciati dagli utenti di TikTok, sembra che molti credano che la storia sia reale. Però, è importante sottolineare che la storia immaginaria dell’Apollo 20 è solo frutto della fantasia di Thierry Speth.

Ci sono molte fonti affidabili che hanno smentito i video originali, ma purtroppo molti dei primi video e siti web di fact-checking sono stati rimossi. Ad esempio, il Centro Ufologico Nazionale CUN Italiano – Sezione Triveneto ha archiviato un esempio in cui viene dimostrata la falsificazione di un video dell’Apollo 20. Si noti che l’articolo di debunking è suddiviso in tre parti, tra cui la prima e l’ultima parte sono presentate sotto forma di documenti PDF.

Tutti gli approfondimenti tecnici condotti hanno portato alle stesse conclusioni: i video non sono autentici e non sono stati girati nello spazio o sulla Luna. In realtà, sono stati creati attraverso l’utilizzo di computer grafica, effetti speciali e modellini.

Inoltre, ci sono stati anche esami non tecnici riguardanti i membri dell’equipaggio presumibilmente coinvolti e dettagli come il distintivo della missione. I risultati sono stati inequivocabili: la storia rappresentata nei video è completamente inventata.

Collegamento italiano

L’ufologo italiano Luca Scantamburlo ha affermato di aver intervistato l’astronauta William Rutledge tramite Yahoo Messenger nel maggio 2007. Tuttavia, non è chiaro se l’intervista sia stata reale o se qualcuno abbia impersonato Rutledge, che potrebbe non esistere affatto.

Scantamburlo ha inoltre scritto un libro intitolato “Apollo 20. The Disclosure” nel 2010. Non è stato possibile verificare se il libro contenga informazioni provenienti da fonti attendibili al momento della sua pubblicazione.

L’artista

Il prosieguo di questo articolo si focalizza sull’artista che ha creato la storia dell’Apollo 20: Thierry Speth. L’intervista, un libro e molte risorse online portano a una deduzione: Speth è l’autore dei video originali.

Colloquio con Thierry Speth, 2017

Curiosamente, sono trascorsi 10 anni prima che qualcuno intraprendesse un colloquio con Thierry Speth. Questa intervista di un’ora, condotta da Chad Baxter, include dettagli fondamentali riguardo alla vicenda dell’Apollo 20, la creazione degli effetti visivi e degli accessori, tra cui la maschera di “Monna Lisa“, presunta umanoide extraterrestre.

Il libro e il gruppo Facebook di Thierry Speth

Thierry Speth ha scritto un’opera intitolata “Apollo 20, the Unknown Mission: Memories of the Commander of the mission, William Rutledge (Apollo 19, 20 and 21)“, pubblicata nel 2017. Ad esempio, si può trovare su Amazon. Il testo si basa sulla narrazione originaria del 2007 ed è classificato come fantascientifico.

Speth ha inoltre ideato una pagina Facebook dedicata all’opera. I messaggi dell’autore sulla pagina indicano che sono stati effettivamente loro a produrre i video originali nel 2007. Speth ha anche creato nuovi filmati per il volume e condiviso immagini e video inediti.

screnn opere thierry speth facebook

Speth appare come un appassionato estimatore della fantascienza e delle missioni Apollo. Stando all’archivio della sua pagina principale, avevano costruito un simulatore spaziale a grandezza naturale tra il 2004 e il 2005. Questo progetto comprendeva pannelli di misura reale per la cabina di pilotaggio e software per la simulazione. È probabile che alcune parti di questo simulatore siano state impiegate nei video sull’Apollo 20.

Il nome di Speth è emerso rapidamente quando hanno ammesso di essere l’artista dietro la vicenda dell’Apollo 20. Le verifiche dei fatti sono state inequivocabili: la storia non è reale. I filmati non sono autentici.

Tuttavia, la narrazione originale ha continuato a diffondersi e lo fa tuttora. Se si ascolta l’intervista di Speth, si esaminano i loro post su Facebook e si danno uno sguardo ad alcuni dei vecchi smascheramenti, dovrebbe risultare evidente che l’affermazione di Speth del 2007 è veritiera: sono stati loro a produrre i video dell’Apollo 20.

I filmati non sono reali, il che indica chiaramente che qualcuno li ha prodotti. Ciò ha richiesto un notevole impegno utilizzando repliche delle missioni Apollo, vestiti, software e montaggio video fai-da-te, ecc. Speth è l’unica persona conosciuta che aveva i mezzi, le ragioni e i materiali per creare i video originali dell’Apollo 20.

In conclusione, l’affascinante storia dell’Apollo 20 ha suscitato dibattiti e controversie tra gli appassionati di misteri spaziali e ufologia. Sebbene l’artista Thierry Speth abbia confessato di essere l’autore della storia immaginaria e dei video associati, alcuni continuano a credere che vi sia un fondo di verità nelle affermazioni presentate.

È difficile stabilire con certezza se si tratti di una bufala perfetta o se, in realtà, ci sia un tentativo di depistare il pubblico riguardo a presunte scoperte e missioni segrete.

In ultima analisi, spetta a ogni lettore valutare attentamente le prove e le testimonianze disponibili, e trarre le proprie conclusioni sulla veridicità della teoria del complotto dell’Apollo 20.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina