Le misteriose figure Dogu Giapponesi raffigurano gli antichi astronauti?

I cosiddetti Dogu sono figure umanoidi relativamente piccole realizzate alla fine del periodo Jōmon (14.000-400 aC) in Giappone. Le curiose figurine hanno una serie di strane caratteristiche che le rendono alcuni dei pezzi più unici di arte antica sulla superficie del pianeta.

Cosa hanno i Dogu che li rende così misteriosi?

Dogu Giapponesi

Beh, se li guardi, sembrano un tipo di umanoide che indossa un completo! Forse una tuta spaziale? Le figurine sono raffigurate con elmetti o occhiali. Sono anche rappresentati con teste “allungate” stranamente sagomate, e alcune hanno occhi a mandorla. Gli occhi sono quasi sempre simboleggiati in modo sproporzionato rispetto al corpo.

La parte più interessante forse è il fatto che le statuine Dogu sono pensate per rappresentare gli “dei”.

statuetta Jomon dogu

La maggior parte delle figure di Dogu hanno il seno, la vita piccola e gli occhi grandi e sono considerati da molti come rappresentazioni di dee. Molti hanno un grande addome associato a una gravidanza, suggerendo che Jōmon li considerava dee madri.

Secondo il Metropolitan Museum of Art, queste figure “suggeriscono un’associazione con la fertilità e i riti sciamanici”.

Fatte di argilla, queste figure assumono molte forme affascinanti.

I Dogu tendono ad avere facce grandi, braccia piccole, mani e un corpo compatto. Alcuni sembrano indossare occhiali o avere facce “a forma di cuore“.

La maggior parte ha segni sui loro volti, torace e spalle. Quasi tutte le figure di Dogu sono state scoperte in tombe o cerchi di pietre, indicando attraverso il luogo in cui sono state scoperte, una sorta di uso religioso o sciamanico.

Gli esperti hanno identificato quattro tipi di figurine Dogu:

Figurina “A forma di cuore (o sopracciglio a forma di mezzaluna) “
Figurina tipo “gufo cornuto”
Figurina “Shakōki-dogū”
Figurina “tipo donna incinta”

statuetta dogu

Un altro fatto interessante è che le statuette di Dogu sono ritenute esclusive del periodo Jōmon e sono scomparse nel successivo periodo storico, il periodo Yayoi.

Per quanto riguarda le ceramiche Jomon, i Dogu hanno diversi stili a seconda dell’area e del tipo di esumazione associata. Secondo il National Museum of Japanese History, i ricercatori hanno recuperato finora circa 15.000 figurine Dogu. La maggior parte dei Dogu sono stati trovati nel Giappone orientale ed è raro trovarne nella parte occidentale del paese.

Nonostante il fatto che le statuette fossero associate agli Dei, lo scopo esatto del Dogu non è ancora chiaro, ma molto probabilmente il Dogu si comportava come l’effigie delle persone che manifestavano una qualche specie di magia o di scopi sciamanici.

Come notato da Timothy Insoll , autore del libro “ The new hakodate jomon culture center, minamikayabe, Japan “, si può pensare che le malattie venivano trasferite nei Dogu, poi distrutte, cosi poi da rimuovere la malattia o da qualsiasi altra disgrazia.

Dei o antichi astronauti?

Bene, qual è la differenza?

I teorici degli antichi astronauti offrono spiegazioni interessanti. Alcuni autori credono che queste statuette rappresentino visitatori ultraterreni, esseri extraterrestri venuti sulla Terra migliaia di anni fa.

Le figurine di Dogu appaiono umanoidi ma sono certamente tutt’altro che umane. Il misterioso “vestito” che alcune di queste figure sembrano indossare, i caschi e ciò che alcuni descrivono come occhiali da vista sono solo alcune delle caratteristiche non familiari con quel periodo nella storia umana.

Ciò solleva alcune domande interessanti: gli antichi artisti vedevano esseri che assomigliavano ai Dogu? O le figure misteriose sono il risultato dell’immaginazione dell’antica umanità?

Data la natura enigmatica e le caratteristiche peculiari delle figurine, i Dogu hanno preso parte a numerose teorie controverse.

Come notato dal famoso ricercatore e autore di best-seller Erich von Däniken, il Dogu (indicato nel testo come la “statua giapponese di Tokomai”) ​​”… ha fissaggi moderni e aperture per gli occhi sui propri elmi”, un’attribuzione fatta nel capitolo finale del suo libro del 1968  Chariots of the Gods? Condividi l’articolo

A cura di Ufoalieni.it

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *