‘Oumuamua’ potrebbe essere una tecnologia extraterrestre, secondo un nuovo studio

Oumumua, il misterioso primo visitatore interstellare registrato nel nostro sistema solare, potrebbe essere una sonda extraterrestre. Lo suggerisce un nuovo studio.

oumuamua

Scoperto nel 2017, questo corpo stranamente allungato che ha accelerato senza una ragione apparente è stato prima considerato un asteroide, poi una cometa, e c’erano persino teorie secondo cui si trattava di un’astronave arenata.

Nel tempo, l’ipotesi della cometa sembrava spiccare tra le proposte, ma con un problema serio: non c’erano prove che avesse la classica coda che si osserva sempre in questo tipo di corpo, generata dal suo riscaldamento quando ci si avvicina al Sole.

Nel giugno dell’anno scorso, un gruppo di ricerca composto dagli astrofisici Darryl Seligman e Gregory Laughlin ha creduto di aver risolto il problema.

Suggeriscono che lo strano comportamento osservato a Oumumua fosse probabilmente dovuto al fatto che la cometa era costituita principalmente da idrogeno molecolare (H2).

E parte di essa era fuggita invisibilmente dalla superficie, causando l’accelerazione e spiegando la mancanza di una coda cometaria.

Ora, in un nuovo studio pubblicato su The Astrophysical Journal Letters, gli astrofisici Avi Loeb e Thiem Hoang sostengono che l’ipotesi dell’idrogeno molecolare non è possibile nel mondo reale.

Sottolineano che, anche nelle parti più fredde dello spazio, la luce delle stelle riscalderebbe piccoli frammenti di idrogeno solido prima che possano aggregarsi e formare una cometa delle dimensioni di Oumuamua (da 400 a 800 metri).

Ancora più importante, il viaggio dalla nube molecolare gigante più vicina – una regione polverosa e gassosa dove si formerebbero questi “iceberg” di idrogeno – è troppo lungo.

Un iceberg di idrogeno che viaggia per milioni di anni nello spazio interstellare si disintegrerebbe, cotto dalla luce delle stelle.

Seligman ha detto che l’analisi di Loeb e Hoang è corretta e che nessuna cometa dell’idrogeno sopravvivrebbe a un viaggio così lungo.

La nostra ipotesi funziona se Oumuamua ha solo 40 milioni di anni. Su quella scala temporale, il degasaggio avrebbe potuto modellare la cometa in quella forma allungata senza distruggerla completamente“, ha risposto.

Inoltre, indica contemporaneamente diverse origini vicine della cometa, tra cui Carina e Columba, due gruppi di giovani stelle.

Tuttavia, Loeb non è d’accordo: “Accorciare la distanza percorsa dall’iceberg H2 non risolve il problema, perché deve essersi formato insieme al suo sistema planetario di origine, miliardi di anni fa“.

Con il passare di tali eoni, l’iceberg evaporerebbe“.

Avi Loeb, il professore di scienze Frank B. Baird ad Harvard e coautore del recente studio. L’astrofisico ha anche aggiunto che questi iceberg di idrogeno dovrebbero provenire da gigantesche nubi molecolari e non da parti dello spazio come Carina o Columba.

Ribadendo che stando così le cose, il viaggio dalla nube molecolare più vicina non sarebbe sopravvissuto. Ed è che Loeb sembra essere chiaro su cosa fosse Oumuamua.

Il titolo del suo libro uscito a gennaio 2021 dice tutto: Alien: The First Sign of Intelligent Life Beyond Earth.

VEDI ANCHE▶ La “base segreta dell’apocalisse”: un bunker per salvare pochi?

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Interstellar visitor ‘Oumuamua could still be alien technology, new study hints
https://www.livescience.com/

290Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina