Il Pentagono afferma di aver trovato “veicoli non prodotti su questa terra”

Per decenni, la divulgazione è stata uno degli argomenti, se non l’argomento più discusso nella comunità UFO e aliena.

Ora, sta accadendo proprio davanti ai nostri occhi e la maggior parte di noi sembra essere ignara della grandezza di ciò che sta realmente accadendo.

A marzo, l’astrofisico Eric. W.Davis ha tenuto un incontro riservato al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti su una scoperta che, se divulgata praticamente in qualsiasi altro momento, sarebbe stata in prima fila, al centro del ciclo di notizie di tutti i principali giornali, trasmissioni televisive e radiofoniche in tutto il paese, se non nel mondo.

Invece, è stato per lo più messo da parte come un ripensamento in un momento di isteria da coronavirus.

L’incontro si è concentrato su ciò che Davis ha definito “veicoli fuori dal mondo non prodotti su questa Terra”.

In altre parole Davis, che ha trascorso anni a lavorare come consulente per il programma UFO del Pentagono e ora lavora come appaltatore della difesa, ha ufficialmente rovesciato le carte: le astronavi, alias UFO, sono reali, ed è qualcosa di cui molto probabilmente abbiamo saputo per un molto tempo.

Programma UFO “Non è più necessario nascondersi nell’ombra”

Pentagono ufo

La citazione bomba di Davis è arrivata nell’ultimo rapporto sugli UFO del New York Times, che ha posseduto il ritmo negli ultimi anni secondo un rapporto di NYMag.com.

Nel dicembre 2017, un documento ha riportato l’esistenza dell’Advanced Aerospace Threat Identification Program, uno sforzo del Pentagono per indagare sugli UFO che sarebbe stato terminato nel 2012.

Salutato come un “punto di svolta storico nei nostri atteggiamenti nei confronti degli UFO”, implicava lo stesso messaggio del più recente; vale a dire che gli UFO sono effettivamente reali e non provengono da questa Terra come hanno affermato molti scettici.

Secondo un nuovo rapporto del Times, mentre il programma è stato rinominato e spostato in una parte diversa del Pentagono, lo sforzo rimane attivo.

Si sta ora muovendo verso una nuova era di “trasparenza”, secondo Luis Elizondo, l’ex direttore del suo programma predecessore.

“Non deve più nascondersi nell’ombra”, ha detto.

Conosciuta come Task Force Unidentified Aerial Phenomenon, è ora obbligata a rendere pubblici ulteriori rapporti.

La Task Force presenterà mai prove fisiche?

Mentre l’annuncio viene ancora digerito dalla maggior parte delle persone, è ora il momento di allacciarsi la cintura per il secondo round: ulteriori annunci e rapporti dovrebbero essere rilasciati nelle prossime settimane, mesi e anni, man mano che sempre più risultati saranno resi pubblici.

La grande domanda è se verranno presentate o meno prove fisiche, sotto forma di un vero velivolo, o forse anche artefatti o strumenti di altri mondi, astronavi e persino gli stessi esseri alieni.

Elizondo che ha assunto la guida del programma UFO del Dipartimento della Difesa nel 2010, è “tra un piccolo gruppo di ex funzionari governativi e scienziati con autorizzazioni di sicurezza che, senza presentare prove fisiche, si dicono convinti che oggetti di origine indeterminata siano caduti sulla terra con i materiali recuperati per lo studio.”

Il programma è stato avviato circa una decina di anni fa e stanziato a 22 milioni di dollari secondo il Times. È passato da AATIP, per Advanced Aviation Threat Identification Program, ed è stato anche indicato come Advanced Aerospace Threat Identification Program.

Il suo scopo originale era quello di indagare sulle minacce di armi straniere volanti, entrambe utilizzate e sviluppate ora o che potrebbero essere sviluppate entro i prossimi 40 anni. All’interno di questo processo, c’è una netta possibilità che possa essere incappato nella più significativa scoperta relativa agli UFO nella storia americana moderna.

Anche l’ex leader della maggioranza al Senato Harry Reid ha commentato, dicendo che “credeva che si fossero verificati incidenti di oggetti di origine sconosciuta” e che qualsiasi materiale che fosse stato recuperato avrebbe dovuto essere studiato.

Davis, che in precedenza ha creato un rapporto in cui esorta il governo federale a ricercare i viaggi nel tempo attraverso i wormhole, ha affermato di aver studiato intensamente i documenti.

È giunto a una conclusione che fa riflettere, secondo il rapporto del NYMag“Non potremmo costruire da soli (le presunte astronavi aliene ultraterrene)“.

VEDI ANCHE▶  Tribes of Europe: Il mondo dopo il “Great Reset”?

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

error: Content is protected !!