Piano Kalergi e interessi nascosti dietro l'immigrazione di massa - Ufo e Alieni

Piano Kalergi e interessi nascosti dietro l’immigrazione di massa

Il Piano Kalergi: La questione dell’immigrazione di massa sta attualmente dividendo il pubblico europeo. Mentre quelli di sinistra sono a favore della politica delle frontiere aperte e dell’immigrazione di massa dal terzo mondo, il numero di quegli europei che credono che l’esperimento multiculturale sia fallito è in aumento. 

Credono che abbiamo bisogno di forti controlli alle frontiere, così da bloccare le ondate di immigrati che arrivano in Europa. In ogni caso sta diventando chiaro che le élite di Bruxelles hanno alcuni interessi personali nascosti dietro il loro sostegno all’immigrazione di massa.

Le nuove leggi e dichiarazioni ambigue che consentiranno migrazioni ancora più stabili non sono certamente solo il risultato di un umanitarismo incerto di quelle élite.

Ma le principali domande che sorgono tra gli europei sono: quali sono quegli interessi nascosti? Perché molti leader europei sono pronti a rischiare la loro reputazione e persino i loro voti, a causa del loro supporto quasi fanatico per l’immigrazione di massa dal Medio Oriente e dall’Africa al nostro vecchio continente?

Se vogliamo conoscere le risposte a queste domande, dobbiamo ricercare il cosiddetto “Piano Kalergi“, che può aiutarci a comprendere i veri obiettivi dietro gli avvenimenti oggi in Europa e dietro questo supporto apparentemente irrazionale per l’immigrazione di massa. L’uomo dietro questo piano inquietante era Richard von Coudenhove Kalergi, uno dei principali architetti e ideologi dell’Unione europea, ma nonostante il suo ruolo importante nella creazione dell’UE, oggi rimane sconosciuto al grande pubblico in Europa.

kalergi europa

Kalergi: Padre ideologico dell’Unione europea

Richard von Coudenhove-Kalergi, che è stato uno dei primi sostenitori delle integrazioni europee e il fondatore dell’Unione Paneuropea, è considerato il padre ideologico dell’Unione Europea. 

Fu su suo suggerimento che la nona sinfonia di Beethoven della sua famosa composizione Ode to Joy divenne l’inno dell’Europa, e lavorò anche a stretto contatto con il team che progettò la bandiera dell’Unione Europea. 

Ma la sua influenza non si è fermata con gli inni o le bandiere. Ha funzionato molto più in profondità, fino alle basi stesse dell’UE. È stato lui a mettere le basi del progetto dell’UE attraverso le sue opere, sostenendo l’unificazione degli stati europei in un’unica entità paneuropea.

Kalergi che, come vedremo, annunciò l’arrivo del nuovo uomo di razza mista, egli stesso era di razza mista. Era metà austriaco e metà giapponese, nato a Tokyo nel 1894, dove suo padre, un diplomatico e un membro della nobiltà, era l’ambasciatore dell’Impero austro-ungarico. 

Trascorse gran parte della sua giovinezza nella tenuta di famiglia in Cecoslovacchia, fino al 1908 quando andò a studiare a Vienna, dove continuò a vivere e lavorare dopo gli studi. Nel 1921 entrò a far parte della Masonic Grand Lodge Humanitas e fondò il suo movimento nell’Unione paneuropea un anno dopo.

Questo movimento rappresentava principalmente integrazioni europee, che avrebbero portato alla creazione degli Stati Uniti d’Europa con un mercato comune, una valuta comune e una libera circolazione della popolazione.

Le colonie che alcuni paesi europei detenevano in quel momento sarebbero state incorporate anche in questo nuovo super-stato europeo, che di fatto avrebbe consentito migrazioni di massa di africani in Europa. Kalergi affermò che una pace duratura poteva essere raggiunta solo con l’abolizione degli stati nazionali che erano secondo lui, a causa delle loro eterne rivalità, la ragione principale delle guerre in Europa.

Visita il nostro store?

Queste furono le idee e i principi principali che Kalergi spiegò nel suo Manifesto paneuropeo, pubblicato nel 1923.

Supporto dei banchieri internazionali

Le proposte, le opinioni e le idee di Kalergi hanno attirato molta attenzione e sostegno da parte di molti importanti politici di quell’epoca, tra cui Ignaz Seipel, che è stato due volte cancelliere federale austriaco, il ministro degli affari esteri austriaco Karl Renner, il primo presidente della Cecoslovacchia Tomaš Masaryk, il primo ministro degli affari esteri cecoslovacco e il suo secondo presidente, Edvard Beneš, presidente francese e vincitore del premio Nobel Aristide Briand, politico francese, che in seguito è stato tre volte presidente della Francia, Leon Blum, e il politico e avvocato austriaco Konrad Adenauer , che in seguito divenne cancelliere della Germania occidentale.

Ma non sono stati solo i politici a sostenere le idee e le opinioni di Richard von Coudenhove-Kalergi. Ha anche ottenuto molto supporto da parte di banchieri influenti. 

Dopo aver pubblicato la sua opera più importante dal titolo Practical Idealism nel 1925, in cui descrisse in dettaglio la sua visione della futura Europa, il suo movimento paneuropeo ricevette una generosa donazione di 60.000 marchi tedeschi da un banchiere internazionale Max Warburg.

Kalergi entrò in contatto con Max Warburg attraverso il barone Louis Rothschild, un membro di spicco della famosa famiglia bancaria Rothschild, che oggi è conosciuta come una delle famiglie più ricche del mondo.

I Rothschild erano ovviamente anche grandi sostenitori di Kalergi e dei suoi piani per la creazione di Pan Europe, il super stato che avrebbe unito tutte le nazioni europee in un’unica entità.

Con l’aiuto dei Rothschild e Max Warburg, Kalergi conobbe molti influenti banchieri di Wall Street come Paul Warburg, il fratello di Max Warburg, Jacob Schilf e Bernard Baruch.

Paul Warburg e Jacob Schilf sono anche conosciuti come le persone che hanno contribuito a costituire l’American Federal Reserve Bank. Ma ciò che è ancora più interessante è il fatto che il summenzionato Jacob Schilf, un noto capitalista, ha finanziato la rivoluzione russa e i bolscevichi, ed è stato lui a dare a Trotsky i mezzi finanziari per il suo ritorno in Russia.

Molte persone hanno visto gli sforzi di Kalergi per l’integrazione europea e l’Europa unita una causa nobile. Credevano che il suo obiettivo principale fosse di elevare il tenore di vita e di raggiungere una pace eterna, perché egli stesso usava questo tipo di retorica, quando predicava sui suoi ideali; sosteneva di lottare per la prosperità dell’intera umanità. 

Ma nascosto sotto questa nobile retorica umanistica, non c’erano interessi personali così nobili dei suoi principali sostenitori finanziari. La crisi a cui stiamo assistendo oggi in Europa sono in effetti le conseguenze dirette dei loro obiettivi e della loro lotta, che viene ancora presentata come una sorta di sforzo umanistico.

»L’uomo del futuro sarà di razza mista«

L’obiettivo principale dei piani di Kalergi non era solo l’abolizione degli stati nazionali. Andò molto oltre, poiché voleva anche cancellare le nazioni europee, che sarebbero state sostituite con il nuovo tipo di persone, che si sarebbero adattate meglio alla sua visione di un futuro super stato europeo. Ha descritto questo nuovo tipo di uomo nel suo libro sopra citato, Practical Idealism:

»L’uomo del futuro sarà di razza mista. Le razze e le classi di oggi scompariranno gradualmente a causa dell’eliminazione di spazio, tempo e pregiudizi. La razza eurasiatica-negroide del futuro, simile nell’aspetto agli antichi egizi, sostituirà l’attuale diversità dei popoli e la diversità degli individui. «

boldrini kalergi

Ed è stata proprio questa visione del futuro cittadino europeo che ha deliziato l’élite internazionale di banchieri, massoni e altri uomini d’affari influenti, che ha iniziato a finanziare l’Unione paneuropea, dopo la pubblicazione dell’idealismo pratico. 

Fu questa stessa élite che aiutò Kalergi a immigrare negli Stati Uniti allo scoppio della seconda guerra mondiale, dove continuò il suo lavoro e la sua lotta per le integrazioni europee. Mentre negli Stati Uniti, ha anche ottenuto molto supporto da importanti quotidiani, come il New York Times, che pubblicava regolarmente i suoi articoli.

Le idee di Kalergi ottennero persino il sostegno del presidente degli Stati Uniti Harry Truman dopo la guerra, quando si imbatté in un articolo scritto da Kalergi su alcuni giornali. 

Per quanto riguarda lo stesso Kalergi, si trasferì in Francia dopo la guerra, dove ha continuato con i suoi sforzi verso l’istituzione del super stato europeo. 

È stato un pioniere delle integrazioni europee e ha anche gettato le basi per un nuovo ordine mondiale in cui le diverse nazioni scompariranno attraverso la mescolanza di popoli diversi e sarà gradualmente sostituita da una popolazione monotona, o in parole diverse, da una branco umano controllato dalle élite internazionali.

Pioniere del multiculturalismo

Le idee e le opinioni di Kalergi rappresentano il piano per la sostituzione demografica dei nativi europei attraverso il mescolamento delle razze e la prevista migrazione di massa

Ricorda che Kalergi includeva anche le colonie africane nella sua nuova Pan Europa, il che significherebbe che la popolazione del continente nero poteva spostarsi liberamente in Europa. 

Le conseguenze di ciò sarebbero ovviamente una nuova popolazione di ibridi, senza un’identità chiaramente definita, o un senso di appartenenza e lealtà a una particolare cultura o nazione. 

E questo è esattamente il tipo di popolazione che si adatterebbe alle élite internazionali, perché sono ben consapevoli che è più facile controllare le masse di individui. 

Queste élite bramano il potere totale su di noi e sanno che non potrebbero mai raggiungere il dominio completo sulle nazioni un tempo omogenee d’Europa, che rimarrebbe sempre fedele alla propria tradizione, cultura e religione. 

Quindi l’unico modo per loro di raggiungere il dominio totale è mescolare popoli e razze diverse in un solo gregge umano, che è esattamente ciò che Kalergi sosteneva nei suoi piani. 

Questi piani vengono messi in atto da alcune élite di Bruxelles esattamente per le ragioni sopra esposte. Il loro obiettivo principale è la creazione di un nuovo totalitarismo di correttezza politica sotto la maschera dei diritti umani. 

Questa è la vera ragione del loro costante sostegno all’immigrazione di massa, ai documenti e alle risoluzioni sul tipo di dichiarazione di Marrakesh che stanno spingendo, e per la loro lode per il presunto multiculturalismo presumibilmente così ricco che promuovono attraverso i media tradizionali ogni giorno.

Quindi si scopre che Kalergi non era solo un pioniere delle integrazioni europee, ma era anche un pioniere del multiculturalismo e un architetto di un nuovo ordine mondiale. Fonte: http://demokracija.eu

A cura di Ufoalieni.it

 

loading...

ufoalieni

Fondatore del sito Ufoalieni.it e della pagina facebook: Ufo e Alieni nuove rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.