Ricostruita la voce di una mummia egizia di 3000 anni

Un team di ricercatori delle università di York e di Londra ha dato vita alla voce di un uomo dell’Antico Egitto, attraverso la ricostruzione della gola di una mummia. Con l’uso di una stampante 3d si è arrivati a definire alla perfezione il timbro di voce di un sacerdote di 55 anni ammalato da tempo.

Hanno attaccato una laringe elettronica e hanno prodotto un suono, come le vocali nelle parole inglesi “bed” e “bad“, non diversamente da un belato di pecora.

La prossima fase del cosiddetto progetto Voices From The Past, diretto dal professor John Schofield di York, è la produzione di parole e frasi complete.

Mummia egizia

mummia
Dopo le scansioni CT alla Infermeria generale di Leeds, la stampa 3D del suo tratto vocale è stata creata dal prof David Howard

La voce appartiene a Nesyamun, un prete portatore di incenso e scriba al tempo di Ramesse XI, dall’antico tempio di Karnak a Tebe, o moderno Luxor.

I resti di Nesyamun si trovano presso il Leeds City Museum dal 1823, erano ben conservati, a seguito del processo di mummificazione con la laringe e la gola intatte.

Il Prof. Joann Fletcher egittologo della BBC TV di Barnsley e il suo partner, chimico archeologico ed esperto di mummificazione, Stephen Buckley, entrambi dell’Università di York, sono una parte fondamentale del team che ha lavorato al progetto per sei anni.

Il prof. Fletcher ha affermato che il desiderio di Nesyamun di parlare dopo la sua morte si sta avverando dopo oltre 3000 anni. Ora che vive a Scarborough, ha spiegato:

Una convinzione egiziana fondamentale era quella di pronunciare il nome dei morti per farli vivere di nuovo e le iscrizioni sulla bara di Nesyamun includono la frequente ripetizione del suo nome e il termine ‘ Nesyamun’.

Quindi, dato il suo desiderio di poter parlare dopo la sua morte, combinato con l’eccellente stato del suo corpo mummificato, il suo posto di rilievo in studi pionieristici sulla mummia e la sua vicinanza a York, Nesyamun era il soggetto ideale.

Le persone che verranno a vederlo saranno in grado di ascoltarlo, non vedendolo più come un ‘oggetto’ museale o curiosità esotica, ma come un individuo umano con il potenziale per eccitare, ispirare ed ottenere rispetto.

Loading...

Abbiamo ancora molta strada da fare, ma questo è un inizio storico.

A seguito delle scansioni CT presso l’Infermeria generale di Leeds, la stampa 3D del suo tratto vocale è stata creata dal prof David Howard, ex capo del dipartimento di elettronica dell’Università di York, ora capo dell’ingegneria elettronica alla Royal Holloway, Università di Londra.

tratto vocale
Il tratto vocale stampato in 3D creato dal prof David Howard

Il processo è già utilizzato dal punto di vista medico per fornire suoni vocali autentici per i pazienti che hanno perso la normale funzione del linguaggio a seguito di un incidente o un intervento chirurgico per il cancro alla laringe.

Nesyamun morì a metà degli anni ’50, intorno al 1100 a.C. La mummia aveva denti molto usurati e sporgenti che avrebbero avuto un impatto anche sul modo in cui parlava e, insolitamente per una mummia egizia, la sua lingua sporge ancora.

Squadra Talking Mummy
Squadra Talking Mummy tra cui la seconda a sinistra Katherine Baxter, il Prof David Howard, John Schofield, il Dr Stephen Buckley, il Prof Joann Fletcher e Gareth Iball

Una delle mummie più straordinarie in Gran Bretagna, il feretro come quello di Nesyamun sono tra le più studiate nel loro genere e portano già a una maggiore comprensione della natura del suo ruolo di sacerdote.

Sopravvisse anche alla Luftwaffe di Hitler che distrusse altre mummie e metà del museo ma lo lasciò praticamente illeso nell’attentato di Leeds del 1941.

A cura di Ufoalieni.it

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!