I soldati che hanno affrontato un “umanoide verde” in una base militare

All’alba del 12 novembre 1976, i soldati José María Trejo e Juan Carrizosa erano di guardia alla base aerea di Talavera la Real (Spagna).

umanoide

Entrambi i soldati si trovavano nella zona del carburante della base, ognuno di loro in una garitta, entrambi separati da circa 60 metri.

All’improvviso iniziarono a sentire strani rumori che sembravano interferenze radio, ma questo suono si trasformò in un fischio acuto e penetrante che entrò nelle orecchie, dando la sensazione che la testa stesse per esplodere.

Questo suono misterioso e fastidioso durò per circa cinque minuti, dopo di che Trejo chiese a Carrizosa se lo avesse sentito e Carrizosa rispose affermativamente.

In quel momento, pensarono che potesse essere stata compiuta una violazione del perimetro della base e armati di mitra Z62, iniziarono un’ispezione oculare intorno alle garitte, quasi senza tempo per indagare su nulla, sentirono di nuovo il rumore per altri cinque minuti, era un suono acuto così intenso da far male alle orecchie.

Figura umanoide verde

Nel momento in cui il fragore si fermò, furono in grado di osservare una chiarezza sopra di loro che è durata circa 15 o 20 secondi, era simile alla luce emessa da un bagliore acceso.

José Hidalgo, un collega che era anche lui in servizio quella notte, si presentò con un cane da pastore tedesco ai posti di blocco spaventato dal bagliore che aveva visto.

I militari continuavano a pensare che qualcuno potesse aver avuto accesso alle strutture della base aerea, così avvertirono il caporale di guardia in comando, Pavón, che gli ordinò un’ispezione visiva dell’intero perimetro della base.

I tre soldati accompagnati dal cane, camminarono lungo il muro che separa la base dalla strada, con le armi cariche e pronte, ma erano calmi, poiché il cane non mostrava segni di irrequietezza.

Improvvisamente, mentre camminavano per circa 300 metri sentirono un vortice d’aria e come il ramo di un eucalipto spezzarsi, aggrappandosi saldamente alle loro armi decisero di rilasciare il cane che andava dritto dove si era verificato quel vortice.

Dopo un primo esame, il cane non sembrava trovare nulla di strano, non abbaiava né faceva rumore, ma barcollava indietro verso i soldati, come se avesse le vertigini.

Lo rimandarono diverse altre volte e il suo comportamento non cambiava, non riusciva a trovare nulla nel posto ma tornava sempre con le vertigini.

Improvvisamente ad un certo punto il cane si mise sulla difensiva e cominciò a camminare in cerchio attorno ai soldati, questa è una tecnica di difesa che insegnano loro: quando sentono il pericolo girano intorno alle persone che devono proteggere.

I soldati gridarono più volte, ma nessuno rispose, in un istante il soldato Trejo sentì un brivido in tutto il corpo, ebbe la sensazione che qualcosa o qualcuno fosse dietro di lui.

figura umanoide

Quando si voltarono videro una figura verdastra a circa 15 metri da loro, composta da più punti luce, alta circa 3 metri, con una piccola testa in cui sembrava indossare una specie di elmo, e un corpo massiccio da da cui uscivano lunghe braccia che erano in posizione incrociata, mani e piedi non potevano vederli.

Trejo cercò di sparare, ma sentì una rigidità generale nel suo corpo che gli impedì di farlo e cadde a terra con le vertigini. Hidalgo e Carrizosa spararono un totale compreso tra 40 e 50 colpi al sagoma che improvvisamente scomparve dando un forte bagliore come se fosse un lampo.

In quel preciso momento sentirono di nuovo quel suono così acuto e cigolante che avevano sentito in precedenza, questa volta durò anche tra i 10 e i 15 secondi. Quando il suono cessò, aiutarono Trejo ad alzarsi e andarono a dare l’avvertimento alla base che era stata messa in allerta.

Il giorno successivo 50 soldati setacciarono l’area in cui si era verificato l’evento e non avevano trovato né i bossoli usati né i fori di proiettile nel muro dietro il presunto gigante.

Esperti militari confermarono che le mitragliatrici avevano sparato, ma che fine avevano fatto i proiettili? A cosa stavano sparando?

Pochi giorni dopo, Trejo cadde a terra privo di sensi nella sala da pranzo della base, dopo aver mostrato alcuni segni di cecità, da quel momento il soldato ebbe diversi episodi legati a squilibri che chiamarono nevrosi.

I protagonisti di questa storia non hanno saputo dire cosa hanno visto esattamente, ma quello di cui sono sicuri è che hanno assistito a uno strano essere che non corrispondeva a un umano.

Lo scrittore JJ Benítez è uno dei difensori fermi che ciò che è stato visto alla base aerea di Talavera era quello che potremmo chiamare un membro dell’equipaggio di un’astronave.

Per altri, come l’esperto valenciano Juan Ballester che ha partecipato negli anni ’90 alla declassificazione dei documenti sugli avvistamenti UFO da parte dell’Esercito, ritiene che quanto accaduto potrebbe essere dovuto a un delirio allucinatorio di un soldato che, insieme all’isteria contagiosa, la confusione degenerò nella storia che abbiamo raccontato.

In merito a questo fatto, l’Air Force ha aperto un fascicolo ma è stato rapidamente archiviato, a quanto pare, perché non c’erano abbastanza informazioni in merito.

Solo pochi mesi prima, all’inizio del 1975, un controllore della torre della base aerea rilevava anomalie nello schermo di controllo, i superiori furono informati, ma il fascicolo fu archiviato dal Ministero, senza dolore né gloria, proprio come in questo caso.

VEDI ANCHE►Il “mostro di Loch Ness” ripreso da un drone durante un campeggio

A cura di Ufoalieni.it

3K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina