Songbird: film ambientato nel 2024 con quarantene del “Covid-23”

Il film, già bollato come “insensibile e inappropriato”, riflette un mondo minacciato dal Covid-23 dopo la mutazione di un ceppo virale.

Songbird il film

Sembra che l’attuale situazione con la pandemia continui ad essere una fonte di ispirazione, e nel caso in cui non abbiamo abbastanza reclusione reale, Michael Bay arriva con quella immaginaria.

songbird

Dal noto produttore e regista (“Armaggedon”, “Pearl Harbor” e molti altri) esce ora il trailer di “Songbird”, un film in cui ci troviamo di fronte a una distopia più vicina al presente del solito.

Vedremo anche restrizioni, tracker e molte misure di isolamento, ma in una prospettiva molto più cupa.

La colpa: un ceppo mutante dell’attuale coronavirus, COVID-23, che ha portato il mondo ad aggiungersi a una quarantena di quattro anni.

Un film sulle pandemie girato durante una pandemia

Disperazione, minaccia e sopravvivenza estrema. L’attuale situazione COVID è portata all’estremo in questa storia distopica in cui i protagonisti sono sotto la legge marziale.

Come è successo in quest’anno, alcune coppie hanno dovuto passare il confino separatamente e questo è il caso dei personaggi di KJ Apa e Sofia Carson.

La lotta per tornare insieme è complicata vista la situazione posta dal film, anche se il personaggio di KJ Apa è immune e questo è ciò che può aiutarlo a raggiungere il suo partner.

songbird-locandina

Da parte sua, il personaggio di Sofia Carson è costretto a lasciare il suo appartamento quando un vicino viene infettato, ma come vediamo nel trailer, non sarà nemmeno facile e sembra che ci siano minacce oltre COVID-23.

Nel cast del film c’è Demi Moore, oltre a quelli citati e Craig Robinson, Bradley Withford, Peter Stormare, Alexandra Daddario e Paul Walter Hauser.

Il regista è Adam Manson, che ha spiegato che si tratta di una sorta di “Romeo e Giulietta” in cui la causa della separazione è una pandemia.

Aggiunge anche che girare un film su una pandemia durante una pandemia implicava alcune limitazioni, ma che alla fine queste si adattano bene alle riprese.

Certo, rimangono misteriosi prima della data della prima perché ci lasciano semplicemente con un “coming soon”.

Vedremo quando verrà rilasciato (e come), ma quello che chiediamo è che la situazione sollevata non si avveri.

VEDI ANCHE▶La copertina della rivista TIME mostra il “grande riavvio” del pianeta

A cura di Ufoalieni.it

𝐂𝐨𝐫𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, 𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐮𝐧𝐚 𝐦𝐚𝐧𝐨. 𝐌𝐚𝐧𝐝𝐚𝐭𝐞𝐜𝐢 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐩𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐬𝐭𝐞𝐧𝐞𝐫𝐞 𝐥𝐞 𝐬𝐩𝐞𝐬𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐢𝐭𝐨 𝐰𝐞𝐛. 𝐐𝐮𝐚𝐥𝐮𝐧𝐪𝐮𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚. 𝐅𝐚𝐫𝐚̀ 𝐥𝐚 𝐝𝐢𝐟𝐟𝐞𝐫𝐞𝐧𝐳𝐚!

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ufo e Alieni

Pin It on Pinterest

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina