La NASA distrugge centinaia di nastri Missioni Apollo e due computer

La NASA ha distrutto un set di misteriosi nastri delle missioni Apollo e due computer che sono stati scoperti in un basamento di Pittsburgh dopo che l’agenzia aveva affermato che i materiali video e i computer non hanno valore storico.

La NASA ha ammesso di aver distrutto centinaia dei nastri dell’epoca dell’Apollo e due computer dell’epoca delle missioni, utilizzati da esperti durante la gara spaziale. Sono stati rivelati nuovi documenti.

Materiale Nasa recuperato

I nastri sono stati recuperati e puliti nel 2015 e sono stati contrassegnati, inclusi i dati delle missioni Pioneer 10 e 11 di Giove e Saturno. I computer, tuttavia, avevano segni che indicavano appartenere alla NASA Goddard Space Flight Center e al Jet Propulsion Laboratory.

computer nasa nella cantina

Secondo i rapporti, il materiale è stato buttato poiché non ha valore storico, ed è stato estremamente difficile recuperare dei dati.

Logicamente e come previsto nella società odierna, la distruzione dei nastri ha scatenato numerose teorie della cospirazione facendo pensare che la NASA sta cercando di nascondere qualcosa.

I file storici sono stati conservati in una cantina appartenente ad un ingegnere IBM per più di 50 anni.

L’ingegnere è stato impiegato dalla NASA negli anni ’60 e ’70. Come riportato, i materiali erano in condizioni estremamente difettose, ma mostravano marcature che indicavano di appartenere al centro di volo Space Goddard della NASA e al Laboratorio Jet Propulsion.

I nastri sono stati consegnati a un rivenditore di materiale usato nel 2015, e poco prima di Natale di quell’anno, il rivenditore ha contattato la NASA per restituire i materiali, mettendosi una mano sulla coscienza ha creduto di fare la cosa giusta.

Secondo i resoconti ufficiali, l’erede dell’ingegnere ha detto al rivenditore nel 2015: “Prego dica alla NASA che questi oggetti non sono stati rubati. Appartenevano all’IBM Allegheny Center Pittsburgh, PA 15212.

Durante il periodo di tempo del 1968-1972, l’IBM si stava sbarazzando degli oggetti, così [l’ingegnere, il cui nome è stato redatto] ha chiesto se poteva avere tutto il materiale.

Poiché i computer erano chiaramente contrassegnati da una piastra che leggeva Goddard Space Flight NASA Property, il commerciante ha deciso di contattare la NASA.

etichetta computer nasa

La NASA ha optato per il recupero dei computer in quanto “troppo pesanti per essere spostati manualmente“, è richiesto l’intervento di una gru per trasportarli.

La NASA ha anche scritto: “No. Non abbiamo bisogno di quel materiale. Non hanno alcuna utilità quei computer.

Inoltre, il rapporto rivela come un ufficiale della NASA ordina di distruggere tutti i nastri, in quanto non c’era assolutamente alcun dato prezioso nei computer.

L’ Ars Technica ha pubblicato il rapporto dell’archivista NASA Goddard:

“Ho effettuato una valutazione iniziale del materiale il 10 dicembre 2015. Questa valutazione ha confermato il numero approssimativo di 325 bobine di nastro dati magnetico, ciascuno misura 14 “di diametro con una dimensione magnetica del di nastro di ½” e contenuta da una bobina di metallo.

La valutazione ha anche mostrato che i nastri magnetici erano in cattive condizioni e quasi tutti erano affetti da muffe anche grave, identificato come un rischio per la salute.

La maggior parte dei nastri non sono stati etichettati. Di quelli contrassegnati il contenuto sembrava essere di scienza spaziale connessi con le missioni tra cui Pioneer e le missioni Helios, incluso di date dal 1961-1974.

Una valutazione finale dei nastri del 3 aprile 2016 ha ulteriormente contrassegnato il contenuto dei nastri in quanto segue:

PN8 [Pioneer 8]: 1 bobina

PN9 [Pioneer 9]: 2 bobine

PN10 [Pioneer 10]: 40 bobine

PN11 [Pioneer 11]: 53 bobine

HELl [o] HEL-A [Helios 1]: 10 bobine

HESA [forse un’abbreviazione per Helios A]: 2 bobine

Intelsat IV: 2 bobine

Non indicato o etichettato senza informazioni identificative relative alla missione: circa 215 bobine.

bobine nasa

Sulla base della decisione raggiunta dagli esperti scientifici Goddard e da me stesso, non c’è alcuna prova che suggerisca che questo materiale sia storicamente significativo, e la mancanza di informazioni relative al contratto contestuale sulla creazione o sul contenuto di questo materiale, insieme alle le cattive condizioni e il rischio potenziale per la salute di questo materiale, raccomando l’eliminazione immediata di tutti i nastri magnetici “, ha  scritto l’archivista .

È interessante notare che, come riportato dal The Sun, uno dei due computer misteriosi è stato etichettato con un numero di contratto che non aveva nulla a che fare con il governo statunitense. È come se non è mai esistito.

CONTRATTO N. NAS5-2154. “La NASA OIG non è riuscita a trovare i documenti di tali contratti. Dato che la NASA ha cancellato casualmente i nastri di atterraggio della luna di Apollo 11, forse questo non dovrebbe sorprendere.

Il contratto N. NAS5-2154 semplicemente non sembra esistere, questi particolari file di Giove e Saturno degli anni ’70 possono essere andati distrutti, scrive il The Sun.

L’intera relazione della NASA è qui .

(H / T Ars Technica )

loading...