Agartha: “Mappe e documenti del Terzo Reich ne proverebbero l’esistenza”

La teoria della Terra Cava esiste da secoli. Tuttavia, alcuni documenti segreti su “Agartha” nel Terzo Reich potrebbero confermare questa storia che danza tra realtà e finzione.

Agartha documento

Ci sono prove che i nazisti esplorarono le regioni polari della Terra in diverse occasioni. Hanno anche installato basi segrete nel Neuschwabenland “Nuova Svevia“. Tuttavia, pochi conoscono i documenti su Agartha che sono stati trovati nel Terzo Reich. Hanno scoperto l’ingresso della Terra Cava ?

Agartha e il Terzo Reich

L’operazione Highjump e i viaggi dell’ammiraglio Byrd menzionano aerei altamente avanzati che volano in Antartide durante la ricerca di basi naziste.

Sebbene questa storia sia stata respinta da molte persone, la scoperta di documenti del Terzo Reich ha rivelato passaggi segreti utilizzati dai sottomarini tedeschi per accedere a misteriose regioni sotterranee. Oltre a una mappa completa di entrambi gli emisferi e dell’enigmatico regno di Agartha.

È stata ritrovata anche una lettera scritta da Karl Unger, che si trovava a bordo del sottomarino tedesco 209, comandato da Heinrich Brodda. In esso, sottolinea che l’equipaggio aveva raggiunto l’interno della Terra e che a un certo punto pensavano di non tornare.

Durante la seconda guerra mondiale, il sottomarino tedesco meglio equipaggiato poteva immergersi solo fino a 260 metri. Con un’autonomia di 620 chilometri in condizioni ottimali.

La distanza più breve dall’oceano aperto al Polo Sud geografico è almeno il doppio della gamma, sotto un chilometro di ghiaccio. Pertanto, le possibilità che un sottomarino tedesco potesse fare quel viaggio erano scarse. Ovviamente c’è la possibilità che i tedeschi avessero sottomarini molto più avanzati.

Inoltre, la profondità dell’Oceano Artico al Polo Nord è circa 4 volte superiore a quella che potrebbe sopportare il miglior sottomarino.

Agartha documento 2

Prove della Terra Cava

Le storie sono supportate da mappe realizzate dal famoso cartografo e artista Heinrich C. Berann, per la National Geographic Society, nel 1966.

Ma ciò che è enigmatico è la presenza di passaggi sottomarini che attraversano l’intero continente. Questi sembrano convergere in un luogo esatto che viene identificato come “l’apertura” verso l’interno della Terra, Agartha.

Va notato che Hitler era ossessionato dal misticismo e dall’inspiegabile. Compresi gli UFO e le leggende di antiche civiltà. Inoltre, molti dei suoi seguaci erano consapevoli e lo sostenevano.

Ma la possibilità che la Terra sia vuota, e che vi si possa accedere attraverso i poli Nord e Sud e che al suo interno sorgano civiltà segrete, è stata possibile solo nell’immaginazione della popolazione.

Pur tenendo conto di tutte le ricerche svolte dal Terzo Reich, non è irragionevole pensare che abbiano trovato qualcosa. Un accesso a un mondo totalmente diverso, nascosto da millenni. L’ingresso di Agartha.

Le prove di questo mondo sotterraneo si trovano solo in documenti e racconti antichi. Al momento, presumibilmente, nulla della sua esistenza è stato assolutamente trovato.

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

1.5K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Agartha: “Mappe e documenti del Terzo Reich ne proverebbero l’esistenza”

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina