Batman non è l’unico pipistrello esistente o almeno non è il primo. Da prima dell’eroe di DC Comics, casa editrice di fumetti statunitense, c’era Camazotz, una misteriosa divinità pre-ispanica che simboleggiava la notte, la morte e sacrificio.

Camazotz

Camazotz

Camazotz (che significa “pipistrello della morte” nella lingua Maya del Kʼiche del Guatemala) ha avuto origine nella mitologia mesoamericana come una pericolosa creatura pipistrello che abita in una caverna. Un seguito di culto per la creatura iniziò tra gli indiani zapoteca di Oaxaca, in Messico e la figura fu successivamente adottata nel pantheon della tribù Maya Quiche e le leggende del dio pipistrello furono successivamente registrate nella letteratura Maya.

I pipistrelli sono considerati creature minacciose in molte culture. Sono notturni e quindi associati alla notte, che è spesso associata alla morte. Molte specie comuni hanno anche un aspetto relativamente bizzarro, il che le rende ancora più scoraggianti per gli umani. Non aiuta sapere che esista una specie che succhia il sangue (il pipistrello vampiro, Desmodus Rotundus ).

Nello stesso libro di Popol Vuh ci viene detto che Ixbalanqué e Hunahpú, gli dei gemelli, figli di Hun-Hunahpu, dio della fertilità e del gioco della palla, e della bellissima Ixquic, figlia di Kuchumak′ik, una dei Signori di Xibalba.

Un giorno, Hun-Hunahpu e suo fratello Vucub-Hunahpú iniziarono a giocare a palla; mentre facevano molto rumore, gli dei di Xibalbá si arrabbiarono e Hun Camé e Vucub Camé, i principali signori degli Inferi, li sfidarono a suonare nelle loro case. Del gioco sacro i vincitori furono gli dei di Xibalbá.

Ixbalanqué e Hunahpú si vendicarono e andarono negli Inferi equipaggiati solo con pistole ad aria compressa. Dopo aver superato con successo molte prove grazie al consiglio e all’aiuto di Camazotz, trascorrono la notte nella Casa dei Pipistrelli, «dove i pipistrelli urlavano, urlavano e svolazzavano », abitata da Zotzilaha Chimalman, il dio pipistrello.

Ixbalanqué e Hunahpú

Questo luogo agghiacciante era una terribile caverna che si trovava nell’attuale Alta Verapaz, vicino a Cobán, nella Repubblica del Guatemala. In questa grotta Hunahpú perde la vita quando viene decapitato da uno dei pipistrelli cigolanti comandati da Zotzilaha.

La sua testa fu usata come una palla nell’ultima partita. Tuttavia, Ixbalanqué con l’aiuto di un animale recupera la testa e la rimette sul suo gemello.

Loading...

E sebbene le menzioni di Camazotz nei tempi antichi siano scarse, nella modernità gode di una certa popolarità. La sua apparizione più recente è nel film nuovo film di Hellboy del 2019, diretto da Neil Marshall. Ed è anche uno dei mostri che Hellboy deve affrontare. Questo succede nel fumetto di Hellboy in Messico dell’anno 2010.

Hellboy 2019

Abbiamo anche il gioco di carte da collezione chiamato Myths and Legends in cui questo dio appare come una carta di tipo “Bestia”. La sua arte mostra un pipistrello umanoide con una faccia infernale ed è stato illustrato da Marcos Villaroel.

La descrizione della carta è la seguente: «Il pipistrello della morte scivola nella notte profonda, silenzioso e preciso, è una lancia lanciata contro la vita stessa».

Quindi abbiamo la sua rappresentazione nel videogioco Smite, un MOBA che si concentra sugli dei come personaggi da scegliere. E solo Camazotz fa la sua apparizione come personaggio da scegliere. In questo gioco è conosciuto come “The Deadly God of Bats“.

Ultimo, ma non meno importante, abbiamo un busto realizzato da Christian Pacheco, come quella che vediamo nell’immagine di copertina di questo articolo. Una creazione realizzata per l’esposizione del 75° anniversario di Batman. Questo busto fu uno dei tanti mostrati, ma fu l’unico basato su Camazotz. Cosa ne pensi? Lasciaci il tuo commento qui sotto.

A cura di Ufoalieni.it


Resources

Batman Existed in Mesoamerican Mythology and His Name Was Camazotz
https://bit.ly/3cD4wPu

Camazotz (/kämäsots/) (chiamato anche Cama-Zotz, Sotz, Zotz)
https://it.wikipedia.org/wiki/Camazotz

loading...
Loading...

By

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *