Dai un’occhiata ai diari perduti di Nikola Tesla

Nikola Tesla è lo scienziato pazzo DEFINITIVO, un genio forse nato nel secolo sbagliato, una mente brillante incomparabile con il resto. Il suo lavoro, le sue idee e le sue invenzioni sono uno dei motivi principali della tecnologia odierna, se Tesla non fosse esistito, saremmo ancora alla ricerca di soluzioni  a cui Tesla ha risposto durante la sua vita.

Tesla potrebbe essere meno conosciuto di Einstein o Edison, ma il suo lavoro e la sua eredità meritano molto di più. Le invenzioni di Tesla andarono ben oltre l’elettricità.

Con l’aria del suo banchiere finanziario JP Morgan, nel 1899 Tesla creò un laboratorio sperimentale a Colorado Springs, contenente apparecchiature di trasmissione radio ad alta tensione. Il laboratorio aveva una torre di 200 piedi per la trasmissione e la ricezione delle onde radio e le migliori apparecchiature di ricezione disponibili all’epoca.

Uno dei momenti più importanti si è verificato una notte in cui era solo in laboratorio. Egli nota misteriose azioni elettriche che pensava dovessero essere segnali intelligenti poiché i cambiamenti avvenivano periodicamente e con un suggerimento così chiaro di numero e ordine che non potevano essere ricondotti a nessuna causa allora a lui nota.

Parlando con i pianeti nel Collier’s Weekly (marzo 1901) Tesla affermò quanto segue:

Mentre perfezionavo le mie macchine per la produzione di intense azioni elettriche, perfezionavo anche i mezzi per osservare gli sforzi deboli. Uno dei risultati più interessanti e anche di grande importanza pratica fu lo sviluppo di certi accorgimenti per indicare a una distanza di molte centinaia di miglia una tempesta in avvicinamento, la sua direzione, velocità e distanza percorsa.

È stato nel portare avanti questo lavoro che per la prima volta ho scoperto quegli effetti misteriosi che hanno suscitato un interesse così insolito. Avevo perfezionato l’apparecchio a tal punto che dal mio laboratorio nelle montagne del Colorado potevo sentire il polso del globo, per così dire, notando ogni cambiamento elettrico che si verificava entro un raggio di millecento miglia.

Non potrò mai dimenticare le prime sensazioni che ho provato quando mi è venuto in mente di aver osservato qualcosa che poteva avere conseguenze incalcolabili per l’umanità. Mi sentivo come se fossi presente alla nascita di una nuova conoscenza o alla rivelazione di una grande verità.

Le mie prime osservazioni mi terrorizzarono positivamente perché in esse era presente qualcosa di misterioso, per non dire soprannaturale, ed ero solo di notte nel mio laboratorio; ma a quel tempo, l’idea che questi disturbi fossero segnali controllati in modo intelligente non mi si era ancora presentata.”

I cambiamenti che ho notato avvenivano periodicamente e con un suggerimento così chiaro di numero e ordine che non erano riconducibili a nessuna causa a me nota. Conoscevo, naturalmente, i disturbi elettrici prodotti dal sole, dall’aurora boreale e dalle correnti terrestri, ed ero il più sicuro possibile che queste variazioni non fossero dovute a nessuna di queste cause.

La natura dei miei esperimenti precludeva la possibilità che i cambiamenti fossero prodotti da perturbazioni atmosferiche, come è stato temerariamente affermato da alcuni. Qualche tempo dopo mi balenò in mente il pensiero che i disturbi che avevo osservato potessero essere dovuti a un controllo intelligente.

Anche se all’epoca non riuscivo a decifrare il loro significato, era impossibile per me pensare che fossero stati del tutto accidentali. Cresce costantemente in me la sensazione di essere stato il primo a sentire il saluto di un pianeta all’altro. C’era uno scopo dietro questi segnali elettrici.

lettera di nikola tesla
Una lettera scritta da Nikola Tesla

L’incidente dei segnali misteriosi è stato solo il primo di molti in cui Tesla ha intercettato quelli che riteneva fossero segnali intelligenti dallo spazio. Durante quel periodo, gli scienziati credevano fermamente che Marte sarebbe stato probabilmente un rifugio per la vita intelligente nel nostro sistema solare a parte la Terra, e Nikola Tesla credeva che questi segnali potessero provenire dal pianeta rosso.

L’idea della vita extraterrestre altrove nell’universo ha certamente lasciato un segno importante nel lavoro di Tesla. Verso la fine della sua vita, il grande Nikola Tesla sviluppò numerose invenzioni che, secondo lui, potevano inviare potenti quantità di energia ad altri pianeti del sistema solare.

Nel 1937, durante il suo compleanno, Tesla annunciò quanto segue:

Ho dedicato gran parte del mio tempo nel corso degli anni al perfezionamento di un nuovo apparato piccolo e compatto mediante il quale l’energia in quantità considerevoli può ora essere proiettata attraverso lo spazio interstellare a qualsiasi distanza senza la minima dispersione“.

Sebbene Tesla non abbia mai rivelato i dettagli tecnici del potente trasmettitore, nel 1937 annunciò una nuova formula che mostrava che:

L’energia cinetica e potenziale di un corpo è il risultato del moto ed è determinata dal prodotto della sua massa per il quadrato della sua velocità. Riducendo la massa, l’energia si riduce della stessa proporzione. Se si riduce a zero, anche l’energia è nulla per qualsiasi velocità finita.

(New York Sun – 12 luglio 1937, pag. 6.)

Tesla voleva saperne di più sui misteriosi segnali che aveva raccolto nel suo laboratorio a Colorado Springs. Tesla riteneva che i suoi metodi di ricezione e trasmissione  non utilizzassero onde hertziane, o quelle che oggi chiamiamo onde elettromagnetiche trasversali (radio), ma un altro tipo di trasmissione del segnale che conosceva prima di chiunque altro.

Li ha descritti come trasmissioni di onde longitudinali più veloci della luceFTL ). Tesla potrebbe aver ricevuto sullo spettro ELF ( frequenze estremamente basse ). Lo spettro ELF è al di sotto dei 10 KHz. il confine delle frequenze regolamentate a livello internazionale.

Di solito è considerato lo spettro di 3Hz. a 30Hz.

  • VLF-3 a 30 KHz.
  • ULF-300 a 3000Hz.
  • ELF-3 a 300Hz.

L’interesse di Tesla per la vita extraterrestre era grande e nel 1920 era fiducioso di poter finalmente dare un senso ai segnali che stava intercettando dallo spazio, ma subito dopo Tesla espresse grande preoccupazione per gli esseri alieni provenienti da altre parti dell’universo e piani sgradevoli per il nostro pianeta.

Tesla ha dichiarato:

I segnali sono troppo forti per aver percorso le grandi distanze da Marte alla Terra“, ha scritto Tesla. “Quindi sono costretto ad ammettere a me stesso che le fonti devono provenire da qualche parte nello spazio vicino o addirittura dalla luna. Sono certo, però, che le creature che comunicano tra loro ogni notte non vengono da Marte, o forse da qualsiasi altro pianeta del nostro sistema solare.

Tesla, tuttavia, non fu l’unico ad affermare di aver ricevuto segnali da esseri intelligenti provenienti da altre parti del cosmoGuglielmo Marconi ha anche affermato di aver sentito da un trasmettitore radio alieno.

Tuttavia, Marconi è stato altrettanto rapidamente licenziato dai suoi colleghi che credevano fermamente che avesse ricevuto interferenze da un’altra stazione radio sulla Terra e non dagli alieni come sosteneva.

Nel frattempo, Tesla aveva perfezionato la sua attrezzatura a tal punto da essere in grado di identificare le “trasmissioni vocali”. Tesla credeva che queste trasmissioni provenissero in realtà da altri esseri su altri mondi. Nel 1937, diede al pubblico alcuni suggerimenti su queste trasmissioni interplanetarie quando Tesla annunciò quanto segue:

Ho dedicato gran parte del mio tempo durante l’anno passato al perfezionamento di un nuovo apparato piccolo e compatto mediante il quale l’energia in quantità considerevoli può ora essere proiettata attraverso lo spazio interstellare a qualsiasi distanza senza la minima dispersione.

(New York Times, domenica 11 luglio 1937).

La maggior parte delle persone non lo sa, ma si ritiene che l’interesse di Tesla per gli alieni fosse così grande che sviluppò persino un dispositivo speciale che gli avrebbe permesso di comunicare con gli alieni provenienti da altre parti del cosmo.

Il misterioso dispositivo è stato chiamato “Teslascope”: raccoglie  i segnali dei raggi cosmici  e alla fine i segnali vengono ridotti all’audio. Parla da un lato e il segnale esce dall’altro come un emettitore di raggi cosmici.

La verità è che sappiamo solo così tanto sui progetti e le invenzioni di Tesla. È impossibile sapere quanto del lavoro di Tesla rimanga nascosto nelle basi top secret appartenenti ai militari. Ciò che possiamo dedurre da ciò è che il lavoro e le teorie di Tesla sugli esseri di un altro pianeta sono stati presi molto sul serio da molti funzionari governativi di alto rango.


Per una raccolta elaborata su Tesla consigliamo di leggere quanto segue:

  1. Capitolo – The Secret Life of Nikola Tesla
  2. Capitolo – Alien Signals in the Night
  3. Capitolo – Communicating With Other Planets
  4. Capitolo – Extraordinary Experiences
  5. Capitolo – Tesla and Electronic Voice Phenomena
  6. Capitolo – UFOs and Antigravity Propulsion
  7. Capitolo – Free Energy – Fact or Fiction?
  8. Capitolo – The Truth About Alternative 3
  9. Capitolo – HAARP – Chemtrails – Alternative 4

A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

220Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su “Dai un’occhiata ai diari perduti di Nikola Tesla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina