“Gli alieni hanno impedito alla Marina di stabilire basi militari sulla Luna”

Negli anni ’70, la Marina degli Stati Uniti, insieme alla NASA, aveva la missione di collocare 10.000 persone sulla Luna come parte di un programma segreto. Tuttavia, un incontro inaspettato con gli alieni dell’Apollo 11 ha gettato a mare tutti i piani…

William Tompkins
William Tompkins ha affermato che l’Apollo 11 ha incontrato gli alieni.

William Tompkins, un importante progettista spaziale che ha lavorato a fianco di grandi appaltatori della NASA durante la missione Apollo, ha dichiarato che l’Apollo 11 è stato accolto da una flotta di astronavi aliene.

Questo può essere verificato con le registrazioni dello shuttle, dove si vedono Neil Armstrong e Buzz Aldrin avvertire della presenza di questi colossali veicoli.

Apollo 11 e l’incontro con gli alieni

Il resoconto di Tompkins su ciò che è accaduto sulla Luna si trova nella sua autobiografia, “Selected By Extraterrestrials”.

Al momento dello sbarco sulla luna, Tompkins lavorava per la società aerospaziale TRW, incaricata di costruire il satellite Paioneer 1 della NASA.

È stato anche colui che ha costruito una serie di componenti importanti per la navicella spaziale Apollo, motivo per cui il suo personale ha lavorato nel centro operativo della missione.

Tompkins ha lavorato dal 1967 al 1971 per TRW e il suo compito era quello di progettare il Launch Operations Center a Cape Canaveral, in Florida.

La carriera del designer aveva già avuto successo prima del suo arrivo in TRW; ha trascorso 12 anni lavorando presso la Douglas Aviation Company, dove ha trascorso gli ultimi 2 anni lavorando su progetti innovativi per le missioni Apollo, grazie a Kurt H. Debus.

Nel 1962, Debus fu promosso a Primo Direttore del Launch Operations Center della NASA, posizione che mantenne fino al suo pensionamento.

Un anno dopo, nominò Tompklins in una task force per il futuro del Centro operativo di lancio. Entrambi si sono incontrati di nascosto in diverse occasioni per decidere il futuro del programma Apollo.

In particolare, hanno discusso sul vero obiettivo della missione; il Programma spaziale navale ” NOVA “, focalizzato sulla creazione di basi segrete sulla Luna, su Marte e sui sistemi stellari vicini.

Le tappe del programma NOVA

Gli sbarchi della missione Apollo sono stati solo la prima fase di un progetto in 4 fasi.

La seconda fase di NOVA è stata quella di portare 10.000 persone sulla Luna. Il terzo era creare basi su Marte e altri corpi planetari vicini.

Infine, la quarta fase consisteva nel prelevare equipaggi dalla Marina e stabilirli in 12 Sistemi Stellari contigui.

veicoli spaziali alieni
Basi lunari come parte del programma NOVA.

“Come capo della sezione di ingegneria, ho concepito dozzine di missioni e veicoli spaziali progettati per operazioni di esplorazione dei pianeti in orbita intorno alle nostre stelle più vicine. Ho progettato una stazione per costruire su Marte, enormi veicoli NOVA e strutture di lancio equatoriali.

Ho anche progettato più basi militari per 2.000 uomini per la nostra Luna…

Ha progettato i sistemi di controllo e test del lancio per l’Apollo Moon Saturn V, SIV-1B e il riassemblaggio con il veicolo di controllo del comando lunare, una riprogettazione quasi completa delle strutture principali della struttura per l’intero Launch Control Center.”

Nel 1969, lo space designer era al Launch Operations Center di Cape Canaveral. La telecamera dell’Apollo Lander trasmetteva in diretta le riprese di Armstrong e Aldrin e ciò a cui stavano assistendo.

Fu lì che furono visti accolti da una flotta di veicoli spaziali alieni, che erano intorno allo shuttle.

La fine del programma segreto

Questo evento pose fine al Progetto NOVA, ponendo fine anche alla partecipazione di Tompkins al programma Apollo.

Gli alieni hanno messo il loro cartello ‘Stop’ ma ci hanno permesso di fare molti altri atterraggi Apollo per raccogliere alcune rocce e giocare nella sabbia.

L’azione degli alieni ha fermato i nostri piani per costruire la nostra base navale con equipaggio sulla Luna“.

Altri membri della NASA, come Otto Bender, hanno affermato che gli operatori radioamatoriali hanno intercettato i segnali VHF trasmessi dall’Apollo 11 al quartier generale della NASA a Houston. In essi, potevano essere ascoltati mentre avvertivano della presenza di enormi astronavi.

Anche i parenti e gli stretti collaboratori degli astronauti hanno confermato questa storia nel 2012 a Steven Greer.

Lo scrittore ha detto di aver intervistato ciascuna delle persone coinvolte e tutti hanno rilasciato dichiarazioni simili su ciò che gli astronauti hanno raccontato.

È possibile che gli alieni non volessero che la Marina stabilisse basi militari sulla Luna. Con questo rifiuto, il programma NOVA sarebbe radicalmente terminato nel 1969.

VEDI ANCHE▶ Una possibile navicella spaziale localizzata sulla superficie di Marte

A cura di Ufoalieni.it

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.
3.7K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina