“Gli alieni non visitano la Terra a causa del sole”, secondo lo studio

Secondo questo nuovo studio, il Sistema Solare non offre ciò che vogliono le civiltà longeve e in rapida espansione.

alieni sole

Il paradosso di Fermi dice che se ci sono civiltà in rapida espansione nella Via Lattea, una dovrebbe essere arrivata qui nel nostro Sistema Solare. Il fatto che nessuno lo abbia fatto implica che non ne esistano.

Molti pensatori e scienziati hanno affrontato il paradosso di Fermi e hanno cercato di trovare una ragione per cui non vediamo alcuna prova di una civiltà tecnologica in espansione.

Un nuovo articolo scientifico ha una nuova risposta: forse il nostro Sistema Solare non offre ciò che vogliono le civiltà longeve e in rapida espansione: il giusto tipo di stella.

L’equazione di Drake è una stima probabilistica del numero di civiltà nella Via Lattea. Non ci dice quante civiltà ci sono, ma piuttosto riassume i concetti con cui dobbiamo lottare se vogliamo pensare a quante civiltà potrebbero esserci.

Una componente critica dell’equazione di Drake riguarda le stelle. L’equazione considera il tasso di formazione stellare nella galassia, quante di queste stelle ospitano pianeti e quanti di questi pianeti potrebbero supportare la vita.

L’equazione diventa più dettagliata chiedendosi quanti di quei pianeti supportano la vita, quanto di quella vita diventa civiltà tecnologica e quante di queste civiltà rivelano la loro presenza rilasciando segnali nello spazio.

Infine, stima la durata della vita di quelle civiltà.

Un nuovo articolo affronta il paradosso di Fermi concentrandosi sui tipi di stelle

Dice che non tutti i tipi di stelle sono desiderabili per una civiltà tecnologica in espansione e che le stelle di piccola massa, in particolare le stelle K-nane, sono i migliori obiettivi di migrazione per le civiltà longeve.

L’articolo è “Insediamento galattico di stelle di piccola massa come risoluzione del paradosso di Fermi” ed è stato accettato per la pubblicazione dall’Astrophysical Journal .

Gli autori sono Jacob Haqq-Misra e Thomas J. Fauchez. Haqq-Misra è ricercatore senior presso il Blue Marble Institute for Space Sciences di Seattle, Washington.

Fauchez è un ricercatore assistente professore di fisica presso l’American University di Washington, DC.

Secondo questo articolo, un presupposto di base per molte persone che contemplano il paradosso di Fermi è che le stelle sono uniformemente attraenti per una civiltà che viaggia nello spazio e che la civiltà si diffonderebbe ovunque allo stesso modo.

Ma è vero?

Gli autori di questo nuovo articolo non la pensano così: “Suggeriamo, seguendo l’ipotesi di Hansen & Zuckerman (2021), che una civiltà in espansione si stabilirà preferenzialmente in sistemi di nane K o M di piccola massa, evitando stelle di massa maggiore, per massimizzare la loro longevità nella galassia“.

Le nane K e le nane M (nane rosse) sono longeve. Anche per una civiltà straordinariamente avanzata, colonizzare un altro sistema solare richiederebbe molte risorse.

Perché spendere quelle risorse su un sistema stellare che potrebbe non durare a lungo?

Gli autori di questo nuovo articolo hanno calcolato una nuova stima del tempo impiegato da una civiltà galattica per colonizzare la galassia se quella civiltà prende di mira solo nani K e M-nani.

Dicono che una civiltà galattica impiegherebbe due miliardi di anni per raggiungere tutte le stelle di piccola massa.

A cura di Ufoalien.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

265Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Un pensiero su ““Gli alieni non visitano la Terra a causa del sole”, secondo lo studio

I commenti sono chiusi.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina