Gli archeologi trovano una “maschera aliena” di 6.000 anni in Bulgaria

Una strana figura preistorica con caratteristiche “aliene” è stata scoperta durante gli scavi archeologici presso l’insediamento di Solnitsata, nel nord-est della Bulgaria.

Maschera aliena di 6.000

Secondo il sito web “Archeology in Bulgaria”, la maschera è stata trovata da un team archeologico guidato dal professor Vasily Nikolov, che ha paragonato questo oggetto a “un alieno in una tuta spaziale“.

In effetti, visivamente, questa strana maschera preistorica sembra un “alieno” raffigurato nei film di fantascienza.

L’insediamento di Solnitsata, chiamato anche “The Salt Pit”, è conosciuto come la città più antica d’Europa.

Secondo gli archeologi, la figura risale al tardo Neolitico, cioè è stata creata intorno al 4000 a.C.

Gli esperti lo hanno già definito uno dei ritrovamenti più impressionanti effettuati durante gli ultimi scavi nell’insediamento.

Tuttavia, questa maschera difficilmente avrebbe ricevuto così tanta attenzione se non fosse stato per il suo aspetto intrigante.

Come si può vedere nelle immagini, la figura ha una forma triangolare pressoché regolare.

La sua parte anteriore sporge in avanti in rilievo e la parte posteriore è, per così dire, premuta verso l’interno.

Entrambi gli angoli della parte superiore di questa maschera preistorica hanno brevi proiezioni. Secondo gli esperti, queste possono essere “orecchie stilizzate”.

Piccoli fori sono stati trovati anche nelle “orecchie”.

maschera aliena

Un’ipotesi è che sia stato infilato un filo attraverso di loro per mettere la maschera sul viso.

Tuttavia, si presume anche che non fosse una maschera, ma piuttosto una figura o un amuleto indossato sul petto e associato al culto del sole.

Gli archeologi notano che i tratti del viso raffigurati sul manufatto erano chiaramente scolpiti e alcune aree erano lucidate.

Il viso ha le sopracciglia, un naso affusolato e occhi ellittici“, hanno descritto gli archeologi.

Il manufatto è molto probabilmente uno status symbol appeso al petto di una persona degna di esso.

Il vecchio maestro si è chiaramente concentrato sugli occhi, dando loro una forma insolita e grandi dimensioni. E le strisce verticali lucide sotto.

Anche in questo caso siamo di fronte a una di quelle scoperte che potrebbero svelare la verità sulla nostra esistenza nell’universo, ma purtroppo ci ritroviamo con le classiche spiegazioni.

Semplicemente, queste sono rappresentazioni della credenza di quegli antichi popoli nella magia o nella spiritualità.

Sembra che ognuno di noi dovrà trarre le proprie conclusioni. Potrebbe essere questa una nuova prova per gli antichi astronauti?

 

VEDI ANCHE▶Una ruota di carro “vecchia 300 milioni di anni” trovata in una miniera?

A cura di Ufoalieni.it

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.

763Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina