Una ruota di carro “vecchia 300 milioni di anni” trovata in una miniera?

Nel 2008, i minatori di Donetsk, in Ucraina, hanno trovato uno strano artefatto simile a una ruota di 300 milioni di anni fa.

ruota di carro

Incastonato in una pietra arenaria, i minatori sono rimasti stupiti dalla sua somiglianza con quella di una ruota attuale. Tuttavia, il mistero crescerebbe ancora di più.

Durante la perforazione dello strato di coke del carbone noto come J3 “Sukhodolsky”, a circa 900 metri sotto la superficie, gli operai si sono imbattuti anche in una carreggiata su di loro.

Il vice capo VV Kruzhilin ha scattato foto dell’impronta e l’ha condivisa con il capo della miniera, S. Kasatkin, che era responsabile della diffusione della notizia. La miniera non poteva essere esplorata ulteriormente e l’unica prova rimasta erano le immagini.

Non potendo datare gli strati in cui è stata trovata la carreggiata, è stato osservato che la regione di Rostov, che circonda Donetsk, si trova su una roccia carbonifera vecchia da 300 a 360 milioni di anni.

Una ruota di 300 milioni di anni

Ciò significa che la ruota è rimasta bloccata in quel luogo milioni di anni fa nel passato e si è dissolta nel tempo a causa di un processo noto come diagenesi. Così, i sedimenti si litificano in rocce sedimentarie, come accade con i fossili .

S. Kasatkin ha scritto una lettera, dove racconta la scoperta della strana ruota:

Questa scoperta non è un’azione di pubbliche relazioni. A tempo debito (2008), come team di ingegneri e lavoratori abbiamo chiesto al direttore della miniera di invitare gli scienziati per un esame dettagliato dell’oggetto. Ma il direttore, su indicazione dell’allora proprietario della miniera, vietò tali colloqui e ordinò invece solo di accelerare i lavori di passaggio attraverso questa sezione di lava e di veloce ‘caricamento’ della sezione con attrezzature minerarie.

Per questo motivo, questo manufatto e il più piccolo trovato durante i lavori successivi sono stati trovati in un blocco del tunnel e non possono essere rimossi e studiati. Che bello che ci fossero persone che, nonostante il divieto del direttore, fotografassero questo manufatto.

Ho legami con le persone che per prime hanno scoperto queste impronte e anche con coloro che le hanno fotografate. Abbiamo più di una dozzina di testimoni. Come capisci, l’accesso alla miniera è strettamente limitato (è pericoloso a causa delle improvvise emissioni) e ottenere tale permesso è piuttosto difficile.

La “ruota” era impressa sull’arenaria del soffitto. I ragazzi hanno provato a “tagliare” il reperto con i picconi e a sollevarlo in superficie, ma l’arenaria era così forte (solida) che, per paura di danneggiare un’impronta, l’hanno lasciata al suo posto. Al momento la miniera è chiusa (ufficialmente dal 2009) e l’accesso all”oggetto’ è impossibile: l’attrezzatura è smontata e gli strati dati sono già allagati”.

miniera

Altre testimonianze di antiche “ruote”?

Questa testimonianza scritta, più i testimoni e le immagini, rimangono l’unica prova della strana impronta. Tuttavia, le difficoltà nello studio dell’impronta sono ciò che ha portato a tenerne conto.

Se le prove fotografiche sono legittime, come ha fatto una ruota artificiale a essere incastonata in strati di 300 milioni di anni?

L’esistenza dei veicoli a ruote nell’antichità è venuta alla ribalta più volte e in varie parti del mondo.

Tracce di ruote pietrificate sono state trovate in Francia, Spagna, Italia, Malta, Kazakistan, Ucraina e persino in Nord America.

Uno degli esempi più noti è il “Cart Ruts, i solchi preistorici del suolo roccioso di Malta“, situato vicino alle scogliere di Dingli. I solchi sono diventati famosi negli ultimi anni, attirando l’attenzione di vari teorici e ricercatori.

In Turchia si possono trovare anche altre impronte strane e famose. A Sofca ce ne sono alcuni che coprono un’area fino a 73×16 chilometri. Lo stesso accade in Cappadocia, dove ci sono sacche di impronte.

Nonostante le polemiche sull’età di queste tracce, molti ricercatori, a causa dell’associazione e della vicinanza a strutture megalitiche, soprattutto a Malta, hanno concluso che sono estremamente antiche.

La semplice presenza della ruota fossile in Ucraina suggerisce certamente la possibilità che le antiche civiltà abbiano in qualche modo avuto accesso a una tecnologia oltre la loro conoscenza prestabilita dalla storia.

 

VEDI ANCHE▶ C’è un portale dimensionale sull’Isola di Pasqua

A cura di Ufoalieni.it

5.5K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina