Il coronavirus cinese previsto nel romanzo americano del 1981

The Eyes of Darkness presenta un laboratorio militare cinese a Wuhan che crea un virus come arma biologica; i civili presto si ammalano dopo averlo contratto per errore.

In effetti, l’unico laboratorio in Cina in grado di gestire i virus più letali è a Wuhan e ha contribuito a sequenziare il nuovo coronavirus che il mondo sta attualmente combattendo.

The Eyes of Darkness, un thriller del 1981 dell’autore di suspense bestseller Dean Koontz, racconta di un laboratorio militare cinese che crea un virus come parte del suo programma di armi biologiche. Il laboratorio si trova a Wuhan, che dà il nome al virus, Wuhan-400. Una fredda coincidenza letteraria o un caso di scrittore come profeta inconsapevole?

Coronavirus previsto nel 1981

Dean Koontz
Koontz ha scritto più di 80 romanzi e 74 opere di narrativa breve. Foto: Douglas Sonders

Nel capitolo 39 del suo libro, Koontz scrive di un virus sviluppato nei laboratori militari vicino alla città di Wuhan dal Partito Comunista Cinese (PCC) come arma biologica, ha riferito Liberty Times.

In The Eyes of Darkness, una madre in lutto, Christina Evans, inizia a scoprire se suo figlio Danny è morto in campeggio o se, come suggeriscono messaggi sospetti, è ancora vivo. Alla fine lo rintraccia in una struttura militare dove è detenuto dopo essere stato accidentalmente contaminato da microrganismi creati dall’uomo creati nel centro di ricerca di Wuhan.

Se questo ti ha fatto rabbrividire, leggi questo passaggio del libro: “Fu in quel periodo che uno scienziato cinese di nome Li Chen si trasferì negli Stati Uniti mentre trasportava un disco floppy contenenti dati più importanti della Cina di una pericolosa nuova arma biologica dell’ultimo decennio. Lo chiamano Wuhan-400 perché è stato sviluppato nel loro laboratorio RDNA appena fuori dalla città di Wuhan.

In un’altra strana coincidenza, il Wuhan Institute of Virology, che ospita l’unico laboratorio di biosicurezza di livello quattro della Cina, la classificazione di livello più alto dei laboratori che studiano i virus più letali, è a soli 32 km dall’epicentro del attuale focolaio di coronavirus.

L’apertura del laboratorio di massima sicurezza è stata descritta in una storia del 2017 sulla rivista Nature, che ha messo in guardia dai rischi per la sicurezza in una cultura in cui la gerarchia batte una cultura aperta.

Secondo i teorici della cospirazione, il coronavirus coinvolto nell’attuale epidemia sembra essere stato creato dall’uomo e probabilmente fuggito dal laboratorio di virologia di Wuhan e poi diffuso, ma sono teorie ampiamente sfatate. In effetti il ​​laboratorio fu uno dei primi a sequenziare il coronavirus.

Nel thriller di Koontz, il virus è considerato “l’arma perfetta” perché colpisce solo gli umani e, poiché non può sopravvivere al di fuori del corpo umano per più di un minuto, non richiede costose decontaminazioni una volta che una popolazione viene spazzata via, permettendo ai vincitori di rivendicare un territorio conquistato.

Loading...

Non è esagerato chiamare Koontz uno scrittore prolifico. Il suo primo libro, Star Quest, è stato pubblicato nel 1968 e ha sfornato fantasie di suspense a un ritmo fenomenale da quando ha oltre 80 romanzi e 74 opere di narrativa breve.

Il 74enne, cattolico devoto, vive in California con sua moglie. Ma quali sono le probabilità che lui preveda così da vicino il futuro?

Albert Wan, che gestisce il negozio Bleak House Books di San Po Kong, afferma che Wuhan è stata storicamente sede di numerose strutture di ricerca scientifica, comprese quelle che si occupano di microbiologia e virologia. “Scrittori intelligenti come Koontz avrebbero saputo tutto questo e avrebbero usato queste informazioni fattuali per creare una storia che sia sia convincente che inquietante. Da qui il Wuhan-400“, afferma Wan.

Lo scrittore britannico Paul French, specializzato in libri sulla Cina, afferma che molti degli elementi attorno ai virus in Cina risalgono alla seconda guerra mondiale, che potrebbe essere stato un fattore nel pensiero di Koontz.

I giapponesi hanno fatto sicuramente ricerche sulle armi chimiche in Cina, che associamo principalmente all’Unità 731 ad Harbin e nella Cina settentrionale. Ma hanno anche immagazzinato armi chimiche a Wuhan – ammesso dal Giappone “, afferma il francese.

Le somiglianze tra il virus inventato e il virus Wuhan hanno fatto fatica gli utenti di Twitter a comprendere l’improbabile coincidenza. Una grande differenza: Wuhan-400 ha un tasso di mortalità del 100%, mentre il virus Wuhan no.

Alcune persone erano scettiche sulla previsione di Koontz 39 anni fa, tuttavia, sottolineando che le precedenti edizioni del libro si riferivano al virus come Gorki-400, una produzione dell’Unione Sovietica.

The Eyes of Darkness libro coronavirus
Il Wuhan-400 di Dean Koontz sembra avere somiglianze con il virus Wuhan. (Foto di Twitter)

In risposta, diversi utenti online hanno pubblicato immagini delle nuove edizioni del libro per spiegare che il nome del virus è stato effettivamente modificato, probabilmente a causa della fine della guerra fredda nel 1991, ha riferito SET News.

Koontz The Eyes of Darkness
“The Eyes of Darkness”, edizione 1996. (Foto di Twitter)
The Eyes of Darkness libro 2
Le versioni precedenti del libro si riferiscono alla malattia come “Gorki-400”. (Foto di Twitter)

Ma il fascino di come questo libro sia riuscito a descrivere decenni prima gli effetti di una pandemia partita di Wuhan è sicuramente sorprendente. Ed è possibile anche che molte ipotesi più o meno stravaganti nascano anche da questo libro.

A cura di Ufoalieni.it 

loading...
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!