Il ‘Manoscritto 512’ e la misteriosa Città Perduta in Amazzonia

Le città perdute continuano ad essere un argomento delicato per l’archeologia, impedendo che la storia tradizionale venga alterata, cercano di mantenere, per la maggior parte, questi reperti all’oscuro. Tuttavia, la biblioteca brasiliana conserva uno strano documento chiamato “Manoscritto 512”.

Estratto dal manoscritto 512.
Estratto dal manoscritto 512.

Il manoscritto 512 ha suscitato molte polemiche nel corso degli anni. Lì viene narrata una spedizione effettuata nel XVIII secolo, dove fu scoperta un’antica città con caratteristiche di una civiltà mediterranea classica.

La sua veridicità è stata messa in discussione in molte occasioni. Tuttavia, due grandi esploratori si interessarono alla vicenda: Percy Fawcett e Sir Richard Burton.

La nascita della leggenda del Manoscritto 512

Il naturalista Manuel Ferreira Lagos fu la prima persona a imbattersi nel manoscritto. Aveva il nome “Relazione storica di un grande insediamento secolare nascosto senza residenti, scoperto nell’anno 1753“.

È stato consegnato all’Istituto storico e geografico brasiliano. La rivista ufficiale dell’istituto ne ha pubblicato una copia, spiegandone il contesto.

Qui è menzionato come un gruppo di avventurieri conosciuti come “bandeirantes” che partirono per una spedizione alla ricerca delle miniere trovate all’inizio del XVI secolo da Muribeca.

Così era conosciuto il discendente di un naufrago accolto dagli indiani, il cui vero nome era Diogo Álvares Correira. Ha sempre rifiutato di confessare la posizione esatta di questi depositi.

Nonostante il fatto che non ci fossero prove tangibili per corroborare la storia del Manoscritto 512, il Brasile aveva appena ottenuto la sua indipendenza, quindi aveva bisogno di “qualcosa” per farli conoscere al mondo. Per questo motivo, il manoscritto è stato certificato come reale.

La scoperta di città preispaniche perdute ha fatto sì che gli esploratori si concentrassero sugli spessi paesaggi della foresta pluviale amazzonica. Non era irragionevole che ci fossero rovine di una civiltà perduta tra il suo vasto paesaggio.

A ciò si aggiunsero le leggende dei nativi sulle città colossali dove vivevano gli antichi dei.

Loading...
Percy Fawcett
Percy Fawcett portò il manoscritto durante la sua spedizione.

Il manoscritto 512 parla di una sorta di “versione brasiliana” di El Dorado situata nell’entroterra. Qui però, hanno trovato solo pietre preziose e questo ha aumentato ancora di più l’interesse.

Non sono passati anni che una spedizione si è imbattuta in un’antica metropoli ricoperta dalla vegetazione. Il che contraddiceva totalmente la storia.

C’erano grandi edifici, strade asfaltate, archi, rilievi e persino statue. Menzionano persino la presenza di due uomini alti, con la pelle bianca e vestiti con abiti simili all’europeo .

La spedizione moderna

Altri dettagli curiosi completano il manoscritto 512, che arricchisce il testo: monete d’oro, la sagoma di un arciere con una corona e una scritta che sembrava prendere un po’ di ogni scrittura del mondo, con lettere simili al greco e al fenicio.

Molte spedizioni sono partite alla ricerca di confermare la storia senza risultati. Il più importante potrebbe essere quello del canonico Benigno José de Carvalho e Cunha nel 1840 o quello del militare Manoel Rodrigues de Oliveira nel 1848.

Fu solo nel 1865 e con l’arrivo di Richard Burton che la storia avrebbe ripreso valore. Burton era conosciuto in tutto il mondo per la sua spedizione con John Hanning Speke alla ricerca delle sorgenti del Nilo.

La controversia sul fatto che fossero stati trovati o meno e la successiva morte di Speke, portò Burton a intraprendere lavori minori come console britannico. È così che è arrivato in Brasile.

Durante il suo soggiorno ha sentito parlare del Manoscritto 512 e, approfittando del suo lavoro di console, si è recato per vedere se ha scoperto qualcosa.

Schizzo della città di Z
Schizzo della città di Z che Fawcett stava cercando.

Non lo ha fatto in primo luogo, ma sua moglie ha tradotto il manoscritto in inglese. Così, Burton lo incluse nel suo libro “Explorations of the Highlands of Brazil”, cosi’ che ha fatto conoscere la storia in tutto il mondo.

Tuttavia, ciò che ha segnato un prima e un dopo nella storia di questo manoscritto è stato l’arrivo del colonnello britannico Percy Harrison Fawcett, arrivato in Brasile nel 1921 .

Fawcett conosceva la storia del manoscritto e la spedizione che ha messo insieme non sarebbe passata attraverso la stessa regione menzionata. Il suo percorso era attraverso il Mato Grosso e la città che stava cercando si chiamava “Z”.

Anche se ha sempre pensato che ci fosse la possibilità che fossero la stessa cosa.

Alla ricerca di Z

Fawcett non ha mai veramente rivelato la fonte che ha usato per cercare questa misteriosa città, ma tra i suoi documenti ha portato il manoscritto 512 .

In questa spedizione si unirono il figlio di Fawcett, un caro amico di Fawcett e un gruppo di aiutanti e guide locali, ma dopo mesi tutti i contatti con la spedizione furono persi e non si seppe più nulla .

Alcuni anni fa sono stati ritrovati alcuni degli oggetti che portavano con loro. Ciò ha portato alla convinzione che siano stati probabilmente uccisi da popolazioni indigene locali, anche se la realtà è che non ci sono prove di questo o che sia successo davvero a loro.

Esistono molte teorie sul Manoscritto 512 e sulla stessa città di Z. Dall’arrivo dei Fenici, Romani o Greci all’esistenza di una civiltà che continua ad essere nascosta.

VEDI ANCHE▶Una presunta “città sotterranea di giganti” scoperta nel Grand Canyon

A cura di Ufoalieni.it

Loading...
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest