Le impronte umane che risalgono ad almeno 21 mila anni fa | Ufo e Alieni
Dom. Apr 14th, 2024

Due anni fa, un team di scienziati pubblicò una scoperta che sconvolse il mondo dell’archeologia: le impronte umane trovate nel Parco nazionale White Sands del New Mexico risalivano a un periodo compreso tra i 23.000 e i 21.000 anni fa.

Questo avvenne durante il culmine dell’ultima era glaciale, almeno 5.000 anni prima di quanto la maggior parte degli archeologi riteneva che gli esseri umani avessero raggiunto le Americhe. Il documento ricevette elogi, ma anche suscitò scetticismo, in particolare riguardo al suo metodo di datazione al radiocarbonio.

La scoperta potrebbe riaprire il dibattito su come e quando sono arrivati ​​gli esseri umani. Ma alcuni ricercatori rimangono scettici

Impronte umane fossili
© AFP – Impronte fossili

Ora, il team di White Sands sostiene che il nuovo lavoro, basato su due ulteriori tecniche di datazione, confermi l’antichità delle impronte.

Se ciò fosse corretto, “si aprirebbe la strada a una reinterpretazione delle conoscenze attuali” riguardo a come gli archeologi comprendono il processo di popolamento delle Americhe, sostiene Loren Davis, un archeologo dell’Oregon State University.

Gli archeologi dovrebbero riconsiderare le possibili rotte che le persone potrebbero aver percorso nel continente e dove cercare le tracce dei primi abitanti. Tuttavia, Davis e altri scettici richiedono ulteriori prove per questa straordinaria affermazione.

All’epoca in cui furono lasciate queste impronte, esisteva un lago nella zona che oggi è il deserto di White Sands. Le persone e gli animali che camminavano lungo la riva lasciarono migliaia di tracce nel fango, e nel corso del tempo queste impronte furono sepolte, ma non completamente cancellate.

Nel primo articolo del team, i ricercatori hanno datato al radiocarbonio i semi di una pianta acquatica erbosa chiamata Ruppia cirrhosa, che erano incorporati negli strati di terra tra le impronte. Tuttavia, poiché R. cirrhosa cresceva nel lago, essa avrebbe assorbito carbonio-14 dall’acqua, il quale potrebbe aver contenuto carbonio disciolto proveniente dai sedimenti circostanti, che erano migliaia di anni più vecchi della pianta stessa, spiega Davis.

Questo potrebbe aver distorto la datazione iniziale al radiocarbonio, facendo sembrare i semi e le impronte più antichi di quanto in realtà fossero.

Il dibattito si è sviluppato intorno alle date, in parte perché le implicazioni sono di grande portata. Le prime date ampiamente accettate della presenza umana nelle Americhe risalgono a circa 16.000 anni fa.

Negli ultimi anni, gli archeologi alla ricerca dei primi abitanti si sono concentrati sulla costa del Pacifico, poiché le rotte terrestri attraverso il Canada furono bloccate dai ghiacciai durante l’ultima era glaciale.

Tuttavia, se le persone fossero arrivate nel New Mexico 21.000 anni fa, potrebbero aver intrapreso il viaggio prima che si formassero quelle calotte glaciali.

Sapevamo che sarebbe stato controverso“, afferma la coautrice Kathleen Springer, geologa dello United States Geological Survey (USGS). Dopo il primo articolo, “sapevamo che dovevamo fare di più“.

Quindi il team di White Sands è tornato sul sito per raccogliere nuovi tipi di campioni. Hanno estratto il polline dagli stessi strati di sedimenti presi di mira nel primo documento, che si trovano sotto, tra e sopra varie serie di impronte.

Hanno anche raccolto granelli di quarzo da uno strato di argilla appena sopra le tracce più antiche. In laboratori diversi da quelli utilizzati nel primo articolo, i ricercatori hanno isolato e datato al radiocarbonio il polline dei pini, piante terrestri che non presentano alcun rischio di assorbire il carbonio vecchio.

Hanno inoltre effettuato la datazione con luminescenza otticamente stimolata (OSL) sui granelli di quarzo, un metodo che misura l’ultima esposizione del granello alla luce solare. Il polline ha restituito date comprese tra 23.000 e 21.000 anni fa, mentre l’OSL ha mostrato che i granelli di quarzo furono sepolti tra 21.400 e 18.000 anni fa, come riportato dal team su Science.

Le età ottenute con entrambi i metodi “sono statisticamente indistinguibili dalle nostre età dei semi originali”, afferma il coautore Jeffrey Pigati, geologo dell’USGS.

Le nuove date si armonizzano perfettamente con la cronologia precedente“, afferma Thomas Higham, esperto di datazione al radiocarbonio dell’Università di Vienna, che non è stato coinvolto nel lavoro. “Questa è una conferma cruciale e convincente delle età più antiche”, aggiunge. “Ovviamente, qui si è affrontato un materiale complicato“, commenta Helen Roberts, geografa ed esperta di appuntamenti OSL presso l’Università di Aberystwyth. “È davvero sorprendente come queste epoche si ricollegano nonostante queste sfide.

Tuttavia, Davis esprime ancora delle preoccupazioni. Afferma che il sedimento che copre le impronte potrebbe essere stato trasportato da un ruscello o portato dal vento, e questo strato sepolto potrebbe essere stato eroso da rocce molto più antiche.

Nota inoltre che l’argilla che ha prodotto i campioni OSL è probabilmente il residuo dell’antico fondale del lago. Quando il lago si è prosciugato, l’argilla più antica potrebbe essersi erosa ed essere stata ridepositata sopra il fango più giovane della riva del lago che ha catturato le impronte, portando a uno strato fuori ordine.

I coautori insistono sul fatto che non ci sono prove di tale erosione. Tuttavia, Davis vorrebbe vedere più date OSL da campioni prelevati direttamente dai sedimenti che contengono le impronte.

I ricercatori da entrambe le parti del dibattito concordano sul fatto che gli archeologi dovrebbero iniziare a cercare altri siti di tale antichità. I sedimenti formatisi durante l’ultima era glaciale sono stati in gran parte ignorati dagli archeologi del Nord America, poiché si riteneva che fossero antecedenti all’arrivo degli uomini.

“I vecchi paradigmi impiegano molto tempo a cambiare“, afferma Springer. Trovare più siti contribuirebbe a far progredire il dibattito.

Per Kim Charlie, membro iscritto al Pueblo di Acoma, il dibattito sull’età delle impronte non cambia il legame che sente con le persone che le hanno lasciate. “Queste tracce risalgono a noi, agli indigeni del Nord America“, afferma. Charlie fa parte del comitato di conservazione storica tribale del Pueblo di Acoma e lei stessa ha scoperto alcune delle impronte a White Sands.

Vorrebbe che gli scienziati si concentrassero meno sulle date e più sulle attività che le impronte registrano con dettagli spesso sorprendenti, come la caccia, i viaggi e il gioco. Tra le tracce che ha trovato ci sono quelle di due adulti e di un bambino, i cui piedi ha potuto vedere scivolare nel fango. “Questi erano membri di una famiglia“, dice Charlie.

Le loro impronte sono “come una fotografia“, dice. “È qualcosa che ci hanno lasciato, un segno che dice: ‘Noi eravamo qui’.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook


Riferimenti: 

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina