Dio è uno scienziato alieno avanzato? | Ufo e Alieni
Dom. Mag 19th, 2024

Le credenze religiose in una divinità suprema potrebbero trovare un parallelo tra scienziati avanzati che possiedono la conoscenza per creare un universo su misura, simile al Dio descritto nel libro della Genesi.

In un recente podcast con Fidias Panayiotou e Bernardo Kastrup, ho espresso preoccupazione riguardo alla mancanza di autentica curiosità tra gli scienziati che evitano di assumere rischi per preservare la propria reputazione.

Senza l’indagine delle anomalie, rischiamo di trascurare indizi inaspettati. Privandoci dell’inaspettato, impediamo a noi stessi di apprendere qualcosa di nuovo. Evitare i rischi si traduce in un’equazione per mantenere l’ignoranza nei confronti di aspetti della realtà che stiamo trascurando.

La curiosità rappresenta un prerequisito essenziale per raccogliere prove straordinarie. L’inaspettato sfugge all’attenzione se non ci spingiamo a esplorare territori sconosciuti. Gli scienziati devono percorrere nuove strade per raccogliere frutti che non sono mai stati raccolti prima. Senza tenere in considerazione le anomalie, uno scienziato non potrebbe mai fare scoperte straordinarie.

È naturale che gli esseri umani ignorino coloro che non si conformano al sistema di credenze esistente. Una valenza inusuale che non può essere trascurata inquieta gli esperti poiché suggerisce che ci sia ancora molto da apprendere.

Ciò suscita reazioni simili a quelle manifestate da uno studioso del sistema solare nei confronti di Oumuamua: “L’oggetto interstellare Oumuamua è così insolito, avrei preferito che non fosse mai esistito!” Un principiante, invece, avrebbe dichiarato: “È eccitante che sia così straordinario; desidero approfondire la sua conoscenza!

Le particolarità di Oumuamua hanno innescato una serie di indagini mirate a spiegare sia la sua insolita forma che la sua accelerazione, che non può essere attribuita alla gravità. Ma… può la comunità scientifica svincolarsi da una mentalità che prescrive che tutti gli oggetti interstellari debbano assomigliare alle rocce presenti nel nostro sistema solare?

Se gli esperti in campo spaziale avessero accettato di esaminare le evidenze relative al primo meteorite interstellare riconosciuto, IM1, avrebbero potuto contribuire a una nuova pubblicazione riguardante la sua origine. Questo articolo è stato condiviso in collaborazione con Morgan MacLeod durante questa settimana.

Limite di Hawking

L’intelligenza artificiale (IA) potrebbe evitarci di nascondere le anomalie, poiché non condivide la nostra inclinazione psicologica a ignorarle. I computer sono costituiti da chip di silicio, non da carne e sangue.

Alla fine della sua vita, Stephen Hawking poteva muovere solamente i muscoli della guancia. Nel mio nuovo libro intitolato “Interstellar“, definisco il concetto del “limite di Hawking” come i pensieri umani senza un corpo biologico funzionante.

Quando Hawking mi visitò ad Harvard nel 2016, non c’erano dubbi sulla sua umanità, nonostante le sue gravi disabilità fisiche. Dopo un evento serale, propose attraverso il suo dispositivo generatore di voce: “Mi annoio. Perché non andiamo al bar dell’hotel e ci divertiamo?

scienziato avi loeb, Stephen Hawking

Se i sistemi avanzati di intelligenza artificiale fossero in grado di raggiungere il limite di Hawking, sarebbero capaci di manifestare le qualità mentali degli scienziati senza la necessità di un corpo biologico funzionante. Un sistema di intelligenza artificiale che emulasse il pensiero di Hawking potrebbe rappresentare uno scienziato di alto livello

Se una civiltà extraterrestre avesse ottenuto un vantaggio rispetto all’umanità, magari perché la sua stella ospite si è formata molto tempo prima del nostro Sole, potrebbe aver sviluppato degli scienziati simili a Hawking basati sull’IA, i quali avrebbero già risolto gli enigmi scientifici con cui stiamo ancora lottando, come ad esempio il significato della realtà nella meccanica quantistica, l’unione tra meccanica quantistica e gravità di Einstein, gli eventi precedenti al Big Bang, i processi all’interno dei buchi neri, la natura della materia oscura e dell’energia oscura.

Forse non riusciamo a comprendere appieno la realtà quantistica perché non siamo riusciti a integrarla in modo adeguato con la gravità. Se l’IA alla Hawking ci guidasse verso la “terra promessa,” potremmo essere in grado di calcolare cosa sia accaduto prima del Big Bang e qual è il destino della materia all’interno di un buco nero.

Immagine e somiglianza

Scienziati di livello avanzato potrebbero un giorno riuscire a svelare il processo per creare un universo in miniatura. Questo potrebbe portare a un contesto in cui le credenze religiose in una divinità sovrumana convivano con il sapere degli scienziati avanzati, capaci di progettare un universo secondo la loro volontà, simile al Dio descritto nel libro della Genesi.

Alla scoperta delle loro creazioni, potremmo sperimentare una sorta di meraviglia religiosa. Questa sensazione non sarebbe tanto quella di vivere in una simulazione, quanto piuttosto di esistere in una realtà fisica creata da altri, simile a risiedere in un appartamento all’interno di un edificio progettato da architetti e costruito da operai.

In altre parole, alla luce di questa prospettiva, gli scienziati avanzati potrebbero essere considerati quali candidati qualificati per il ruolo di una divinità.

Nel libro della Genesi 1:27, si afferma che Dio creò l’umanità a sua immagine e somiglianza. Allo stesso modo, gli esseri umani stanno attualmente creando intelligenza artificiale a propria immagine, seguendo il concetto proposto da Alan Turing nel 1950 nel suo articolo “Machines and Thought” basato sul gioco dell’imitazione.

Nel corso del tempo, gli scienziati avanzati nel campo dell’intelligenza artificiale potrebbero assumere un ruolo simile a quello di una divinità. Invece di seguire il ciclo della vita come descritto in Genesi 3:19, passando “dalla polvere alla polvere”, potremmo essere testimoni di una trasformazione sorprendente: “da esseri umani a esseri simili a dei creatori“.

Una strada per esplorare il nostro futuro scientifico consiste nel cercare i risultati delle ricerche condotte dai scienziati che ci hanno preceduto tra le stelle. Questo rappresenta la mia linea di lavoro.

L’inizio di questa settimana, ho fatto una visita a un centro commerciale locale per sostituire il mio iPhone che avevo da ben quattro anni. Appena sono entrato nell’Apple Store, un individuo mi ha riconosciuto e mi ha chiesto: “Sei Avi Loeb?” Ha chiesto di scattare un selfie e ha espresso la sua gratitudine per il mio approccio innovativo nella mia ricerca.

Fortunatamente, ho trovato qualcuno che condivide il mio messaggio.

© Riproduzione riservata
A cura di Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

Di ufoalieni

Da oltre dieci anni mi appassiona scrivere di civiltà antiche, storia, vita aliena e altri temi affascinanti. Sono curioso di natura e cerco sempre di approfondire le mie conoscenze attraverso la lettura, la ricerca e l'esplorazione di nuovi campi di interesse. Con il mio sito, voglio condividere la mia passione e stimolare la vostra curiosità verso il mondo che ci circonda.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina