Un aumento dei livelli di ghiaccio potrebbe aiutare ad invertire il riscaldamento globale?

Gli scienziati che studiano le cause delle ere glaciali affermano che un aumento dei livelli di ghiaccio antartico potrebbe essere sufficiente per innescare una nuova era glaciale che invertirebbe l’attuale riscaldamento del nostro pianeta.

Mentre il cambiamento climatico continua a causare l’aumento delle temperature globali che sono impegnati a sciogliere le calotte polari, gli scienziati stanno studiando per capire cosa abbia causato l’era glaciale.

Tali informazioni potrebbero darci un modo per invertire il cambiamento climatico e riportare le calotte polari alla normalità.

L’innalzamento del livello del mare è un problema crescente che già minaccia di inghiottire le isole sotto il mare. Man mano che più ghiaccio si scioglie nell’Artico e nell’Antartico, il livello del mare continuerà a salire, specialmente quando aggiungi lo scioglimento dei ghiacciai all’equazione.

cambiamento climatico ghiaccio
Mt. Herschel in Antartide. Immagine tramite Wikimedia.

La domanda che molti si pongono è come possiamo invertire questo danno? C’è un modo per fermare l’aumento della temperatura globale e impedire che le calotte polari scompaiano completamente?

Potrebbe essere troppo tardi per salvare molte zone costiere basse e alcune isole, ma potrebbe esserci ancora tempo per salvare il resto.

Sono state offerte molteplici strategie, come piantare miliardi di alberi per risucchiare le emissioni di carbonio che stanno causando l’effetto dei gas serra, che intrappola l’anidride carbonica e altri gas nell’atmosfera, provocando temperature più calde.

Potremmo anche eliminare le emissioni di carbonio in modo che non vengano aggiunte nuove emissioni. La combinazione di queste due strategie offre la soluzione migliore.

Ma un’altra strategia potrebbe essere quella di provocare una nuova era glaciale.

Causare un’era glaciale?

Milioni di anni fa, un cambiamento nel ciclo naturale del nostro pianeta ha provocato una serie di ere glaciali, i cui resti possono essere visti ancora oggi attraverso i ghiacciai e nelle carote di ghiaccio.

Ma una volta iniziata la rivoluzione industriale nel 19° secolo, le temperature globali hanno continuato a salire man mano che vengono prodotte sempre più emissioni di carbonio.

Ora il mondo deve affrontare una crisi che l’umanità non ha mai affrontato prima. Quindi, è possibile causare un’altra era glaciale per invertire la tendenza al riscaldamento?

Una domanda chiave nel campo è ancora ciò che ha causato il ciclo periodico della Terra dentro e fuori le ere glaciali“, ha affermato in un comunicato stampa il professore assistente dell’Università di Chicago Malte Jansen . “Siamo abbastanza fiduciosi che il bilancio del carbonio tra l’atmosfera e l’oceano debba essere cambiato, ma non sappiamo bene come o perché“.

Jansen e la ricercatrice post-dottorato Alice Marzocchi hanno studiato questo bilancio del carbonio e ipotizzano che le calotte glaciali agiscano come un coperchio sulla superficie dell’oceano impedendo che molto carbonio fuoriesca nell’atmosfera.

Questo fragile ciclo di scioglimento e congelamento si è verificato per 2,5 milioni di anni, tenendo a bada i gas serra sotto la superficie dell’oceano per molti millenni, ma tutto sta per cambiare poiché il ghiaccio si scioglie in modo incontrollabile.

ghiaccio
La calotta glaciale in Groenlandia vista dallo spazio. Nel prossimo futuro si scioglierà completamente, cambiando il paesaggio e il nostro clima all’estremo. Immagine tramite Wikimedia.

I due hanno utilizzato simulazioni al computer per rafforzare la loro teoria, tuttavia, come funziona questo sistema naturale non è del tutto chiaro.

La spiegazione più plausibile è che c’è stato qualche cambiamento nel modo in cui il carbonio è stato diviso tra l’atmosfera e l’oceano“, ha detto Jansen. “Non mancano le idee su come ciò avvenga, ma non è del tutto chiaro come si incastrino tutti insieme“.

In primo luogo, l’atmosfera deve raffreddarsi quanto basta perché il ghiaccio inizi ad accumularsi in superficie, contribuendo alla circolazione naturale dell’oceano come la intendiamo oggi.

L’Oceano Australe intorno all’Antartide gioca un ruolo chiave nella circolazione oceanica, poiché è una regione in cui le acque profonde salgono in superficie prima di scomparire di nuovo nell’abisso“, ha detto Jansen. “Di conseguenza, l’aumento del ghiaccio marino antartico ha conseguenze enormi“.

Secondo il loro studio pubblicato da Nature:

Le ricostruzioni paleooceanografiche indicano che la distribuzione delle masse d’acqua oceaniche globali ha subito importanti riarrangiamenti glaciali-interglaciali negli ultimi circa 2,5 milioni di anni.

Dato che l’oceano è il più grande serbatoio di carbonio, tali cambiamenti di circolazione sono stati probabilmente fondamentali nel guidare le variazioni delle concentrazioni atmosferiche di CO2 osservate nelle incisioni delle carote di ghiaccio.

“Tuttavia, ci manca ancora una comprensione meccanicistica del ruolo dell’oceano nella regolazione della CO2 su queste scale temporali.

Qui, mostriamo che le simulazioni numeriche dell’oceano glaciale-ghiaccio marino con un modello di circolazione generale a bacino singolo, forzato esclusivamente dal raffreddamento atmosferico, possono prevedere i modelli di circolazione oceanica associati all’aumento del sequestro del carbonio atmosferico nelle profondità oceaniche.

“In tali condizioni, l’acqua del fondale antartico diventa più isolata dalla superficie del mare a causa di due fattori collegati: ridotto scambio di gas aria-mare sotto il ghiaccio marino intorno all’Antartide e miscelazione più debole con le acque profonde del Nord Atlantico a causa di un’interfaccia meno profonda tra sud e masse d’acqua di origine settentrionale.

Questi cambiamenti fisici da soli sono sufficienti a spiegare l’abbassamento di circa 40 ppm di CO2 atmosferica, circa la metà della variazione glaciale-interglaciale“.

I nostri risultati evidenziano che il raffreddamento atmosferico potrebbe aver direttamente causato la riorganizzazione delle masse d’acqua oceaniche profonde e, quindi, l’abbassamento della CO2 glaciale. Ciò fornisce un passo importante verso un quadro coerente dei climi glaciali.

pianeta
Una vista dell’Antartide e della calotta glaciale che la circonda. Si sta sciogliendo più lentamente della calotta glaciale artica, ma alla fine soccomberà anche all’aumento delle temperature globali. Immagine tramite Wikimedia.

Quello che suggerisce è che si tratta di un ciclo di feedback”, ha detto Marzocchi, ricercatore del National Oceanography Center. “Quando la temperatura scende, meno carbonio viene rilasciato nell’atmosfera, il che innesca un maggiore raffreddamento“.

In effetti, le calotte glaciali sono un fattore incredibilmente importante per mantenere il carbonio immagazzinato in profondità sotto l’oceano.

Quello che mi ha sorpreso è quanto di questo aumento dello stoccaggio possa essere attribuito ai soli cambiamenti fisici, con la copertura di ghiaccio marino antartico che è l’attore chiave”, ha detto Marzocchi.

“L’oceano è il più grande serbatoio di carbonio su scale temporali geologiche. Quindi studiare il ruolo che l’oceano gioca nel ciclo del carbonio ci aiuta a simulare più accuratamente i futuri cambiamenti ambientali“.

alaska
Un ghiacciaio in Alaska che rischia anche di sciogliersi. Immagine tramite Wikimedia.

In effetti, potrebbe anche fornire un modo per fermare il cambiamento climatico e forse anche invertirlo. Ancora una volta, tutto torna alla riduzione della produzione di emissioni di carbonio e all’eliminazione delle emissioni di carbonio che sono già nell’atmosfera.

Ciò consentirebbe un raffreddamento che si tradurrebbe in un accumulo di ghiaccio che potrebbe innescare un’era glaciale minore, riportando così l’orologio indietro sul riscaldamento globale.

Provocare un’era glaciale potrebbe non sembrare una buona idea, ma abbiamo bisogno di temperature più fresche in questo momento prima che le temperature globali attraversino una linea rossa che si tradurrà in peggiori siccità e grave insicurezza idrica. Perché l’acqua ghiacciata è meglio di niente acqua…

A cura Ufoalieni.it

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook

81Shares