L’ipotesi di Gaia e la risposta della Terra alle aggressioni dell’umanità

Il cambiamento climatico non è più una minaccia, è un dato di fatto. La desertificazione avanza inarrestabilmente, mentre le ultime foreste tropicali umide scompaiono, la biodiversità viene distrutta e aumentano piaghe e pandemie.

Nonostante la sua generosità, la Terra non può supportare il nostro modello predatorio di produzione, distribuzione e consumo. Ma nessuno vuole vederlo. Questa sarà la fine della nostra specie?

Effetto serra, cambiamenti climatici, scioglimento dei ghiacci, innalzamento del livello del mare, aumento dell’intensità dei fenomeni naturali (uragani, incendi, inondazioni), perdita di biodiversità, sovrappopolazione, inquinamento, ecc.

Sembrano essere sempre più presenti nei titoli dei giornali da tutto il mondo. E mentre molti rifiutano ancora di riconoscere l’impatto delle nostre azioni sul pianeta, la verità è che è stato persino adottato un termine scientifico e geologico – non ancora formalizzato – per definire questo tipo di impatto globale delle attività umane sugli ecosistemi. .

Successivamente, passeremo in rassegna un’ipotesi inquietante che afferma che il nostro pianeta potrebbe già reagire, come se fosse un essere vivente, agli abusi dell’umanità, attivando terribili ma efficaci meccanismi di difesa.

La risposta di Gaia

Circa cinquant’anni fa, gli studi condotti dallo scienziato britannico James Lovelock per conto della NASA, al fine di determinare la possibilità di trovare vita sul pianeta Marte, portarono a una teoria scientifica che, curiosamente, la scienza accademica e i “guardiani” del Progresso si sono rifiutati di ascoltare in quel momento.

La cosiddetta Ipotesi di Gaia, già nota alla maggior parte dei nostri lettori, consiste nel verificare che ciò che chiamiamo vita abbia origine dall’essenziale instabilità degli elementi chimici che compongono la materia, che agiscono e si combinano sempre obbedendo a una tendenza generale all’equilibrio, fino a raggiungere lo statalismo che interromperà tutta la sua attività.

La vita esiste finché sussiste questo dinamismo destabilizzante e la potenziale differenza che mantiene attivo il trasferimento delle radiazioni in collisione. Ma tale attività non è anarchica, ma è governata da una sorta di intelligenza planetaria che ne regola l’attività, creando i meccanismi alla base dell’evoluzione vitale.

L’Ipotesi di Gaia ci rivela come la Terra, utilizzando le proprie energie e sfruttando la radiazione che le produce, sia in grado di proteggersi dalle aggressioni che costantemente minacciano il suo processo di generazione della vita, mentre riceve attacchi da altre radiazioni di fronte, sia quelle che agiscono dal Cosmo e quelle messe in attività dall’Umanità stessa: l’energia nucleare, l’energia elettromagnetica e quelle prodotte dalle aggressioni di ogni genere alle quali l’uomo sottopone il pianeta per estrarne le risorse, come il disboscamento delle foreste, il prosciugamento delle falde acquifere per sfruttare le risorse idriche, aumentare l’inquinamento dell’ambiente, ricorso sistematico alla sostituzione dei prodotti di origine naturale con sintesi industriale dei loro componenti, trasformazione degli ecosistemi e, più recentemente, la manipolazione genetica del disegno di base che determina le caratteristiche vitali.

james lovelock ipotesi gaia
James Ephraim Lovelock è uno scienziato indipendente, meteorologo, scrittore, inventore, chimico atmosferico, ambientalista, famoso per l’Ipotesi di Gaia, che immagina la Terra come un sistema autoregolante. Qui fotografato accanto a una statua di Gaia, la dea greca della Terra. Credito: Bruno Comby, ambientalisti per l’energia nucleare, CC BY-SA.

I gruppi di pressione preoccupati per le conseguenze di questi attacchi, in particolare i gruppi ambientalisti, hanno visto in loro una minaccia per la sopravvivenza del pianeta, la cui distruzione apocalittica è stata annunciata e denunciata attraverso la loro attiva opposizione agli attacchi di queste forze che minacciano la sopravvivenza.

Insistono sul deterioramento irreparabile della Terra e sulla minaccia che incombe su di noi se il pianeta diventa, a breve o medio termine, un luogo morto, dove la vita diventa impossibile per le varie specie e, soprattutto, per l’Umanità. Di fronte a questa idea, sale la convinzione, non perché diversa o meno minacciosa, che sostengono i difensori dell’ipotesi di Gaia.

Non è il pianeta che corriamo il rischio di distruggere con le nostre aggressioni a favore di un progresso devastante, ma la stessa sopravvivenza dell’Umanità, a causa del nostro desiderio di abusare delle risorse della Terra.

Sopra: i violenti incendi boschivi che hanno devastato l’Australia tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 hanno inferto un duro colpo all’ecosistema dell’isola. In basso: un’enorme tempesta di neve ha colpito gli Stati Uniti meridionali nel febbraio 2021, trasformando il Texas in bianco e lasciando più di 20 morti e milioni senza energia.

Gaia, dicono, ha più che dimostrato la sua capacità di recupero per affrontare le minacce cosmiche che le vengono dallo spazio. Infatti, ci ha protetti da loro finché noi stessi non abbiamo iniziato a costituire una minaccia ancora maggiore contro gli scudi protettivi creati dal pianeta stesso – come lo strato di ozono – che consentono lo sviluppo di tutto ciò che vive senza esporlo a pericoli cosmici.

È quella capacità difensiva che stiamo indebolendo con il nostro costante comportamento selvaggio nei confronti dell’ambiente. Usando una similitudine perfettamente valida, che può evitare disquisizioni difficili da assimilare: possiamo arrivare a “disturbare” eccessivamente il buon andamento dell’equilibrio vitale della Terra, costringendo l’intelligenza planetaria a cercare un rimedio che la liberi dal suo deterioramento. anche la sua distruzione.

sovrappopolazione
Ogni giorno nascono 236.000 persone. Secondo le previsioni delle Nazioni Unite, la Terra sarà abitata da 10 miliardi di esseri umani da qui al 2050. Questa crescita demografica porta e porterà conseguenze in ambito ambientale e alimentare.

Possiamo essere certi che la Terra è capace di ribellarsi alle sue stesse creature, se sono dannose al mantenimento della vita e anche di sbarazzarsene e sostituirle con altre formule vitali più in linea con il programma evolutivo offerto dal cosmico concerto, di cui gli esseri umani sono solo un insignificante esemplare, non importa quanto vogliamo premiare noi stessi – con l’orgoglio di una civiltà che riteniamo essere troppo sviluppata – l’apice del progresso.

Per la Terra – per Gaia – siamo elementi contingenti, di cui si può fare a meno se minacciano la stabilità dell’esistenza stessa.

Salute umana

Studi condotti con discrezione nei centri di ricerca di tutto il mondo, dimostrano che esiste un’intima relazione tra le radiazioni dalla Terra e le sue conseguenze sulla salute umana e, spesso, anche su stati alterati di coscienza.

Luoghi specificamente favorevoli a fenomeni sismici o enclavi dove le frane hanno originato contatti di segni diversi, generano – nelle zone colpite – differenze di potenza impossibili da rilevare senza strumenti di alta precisione. Questi luoghi sono in grado di influenzare persone con una sensibilità speciale, provocando loro alterazioni fisiologiche e biologiche che vanno da crisi cardiovascolari, embolie e altri disturbi minori, come mal di testa e esaurimenti nervosi, ad autentici stati alterati di coscienza che possono originare esperienze di carattere mistico, visioni e altri fenomeni di tipo paranormale.

Ciò che queste indagini non sono riuscite a stabilire, a causa del poco tempo trascorso da quando hanno cominciato a suscitare interesse, è il possibile aumento dei disturbi che producono. Tuttavia, questo interesse che hanno suscitato suggerisce che c’è stato un notevole aumento di questi problemi negli ultimi anni, facendoci sospettare che siano sorti fattori di trasformazione che li hanno aggravati.

Da lì a suggerire che in queste anomalie il degrado ambientale provocato dall’uomo fa da passaggio intermedio, senza dubbio, tra il crescente deterioramento alimentare a cui siamo sottoposti – cibi spazzatura, uso indiscriminato di conservanti, aumento delle colture transgeniche e altre manipolazioni genetiche – e la comparsa allarmante di nuove malattie e varianti maligne di altre – come ceppi di coronavirus incredibilmente contagiosi, vecchi quanto l’umanità.

Si potrebbe pensare che mamma Gaia abbia cominciato a scrollarsi di dosso la presenza di alcuni bambini che hanno abusato e continuano ad abusare anche delle feci dei favori che ci concede.

Quando il cambiamento climatico ha alterato gli habitat, le specie hanno lasciato alcune aree e si sono trasferite in altre, portando con sé i loro virus. In questo modo, la pandemia di coronavirus potrebbe essere stata causata dal passaggio del virus dai pipistrelli all’uomo.

Se arriveremo a renderci conto, in tempo per correggere gli attacchi tecnologici a cui siamo tutti sottoposti, o se ci estingueremo pacificamente nella teologia di quel “Progresso” che siamo diventati quasi la ragione fondamentale dell’esistenza, è qualcosa che chiarirà il corso di questo ventunesimo secolo, le cui previsioni per la sua fine per ora non sono affatto incoraggianti.

VEDI ANCHE▶ Keanu Reeves: “L’umanità sta per liberarsi dalla Matrix”

A cura di Ufoalieni.it

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.

124Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina