Dr. John Brandenburg: “una razza ostile” ha spazzato Marte in passato

Secondo il dottor John Brandenburg, su Marte c’era una civiltà avanzata quanto gli antichi egizi sulla Terra.

Dr. John Brandenburg

marte

La conclusione a cui è giunto dopo le sue indagini è che è molto probabile che quella civiltà marziana sia stata annientata con bombe nucleari in modo premeditato.

“E le prove di questo genocidio possono essere viste oggi”.

Già nel 2011 lo scienziato aveva ipotizzato che il colore rosso di Marte potesse essere dovuto a un’esplosione termonucleare naturale:

La superficie marziana è ricoperta da un sottile strato di sostanze radioattive, tra cui uranio radioattivo, torio e potassio – e questo modello si irradia da un punto caldo su Marte“, ha detto.

Un’esplosione nucleare avrebbe potuto inviare tutti questi detriti in giro per il pianeta“.

Da allora, Brandenburg ha avanzato la sua teoria al punto da escludere che potesse essere dovuta a un’esplosione naturale.

Invece, propone che sia stato l’atto premeditato di una razza aliena intelligente.

La conclusione del loro ultimo test dice che gli isotopi nucleari nell’atmosfera assomigliano a quelli di una bomba all’idrogeno, “forse lanciata dallo spazio in un attacco nucleare su Marte”.

Ciò sarebbe supportato da dati sull’elevata concentrazione di Xenon-129 nell’atmosfera marziana, uranio e torio dalla superficie, raccolti dalla sonda spaziale Mars Odyssey della NASA .

In precedenza, gli scienziati hanno sottolineato che la presenza di questi elementi non è sorprendente poiché sono elementi naturali che si trovano ovunque.

Tuttavia, il dottor Brandenburg è riluttante a tali argomenti e assicura che sono i resti di almeno due esplosioni nucleari sulla superficie.

Dr. John Brandenburg
Dr. John Brandenburg

La teoria è che un tempo Marte avesse un clima simile alla Terra, con vita vegetale e animale, e una civiltà intelligente avanzata quanto gli antichi egizi sul pianeta vicino.

Luoghi approssimativi di esplosioni nucleari che avrebbero spazzato via la civiltà marziana

Quest’ultimo si basa sull’analisi di due regioni, una è Cydonia Mensae, dove si troverebbero una serie di strutture piramidali insieme alla famosa e tanto sfatata Faccia di Marte.

Secondo il dottor Brandenburg si tratterebbe di una costruzione dell’antica civiltà marziana. L’altra regione sarebbe quella di Galaxias Chaos.

Le ultime immagini di orbiter e robot su Marte mostrano una forte evidenza di oggetti archeologici erosi“, ha detto lo scienziato in una dichiarazione prima della sua presentazione.

Il dottor Brandenburg sostiene che la sua teoria potrebbe spiegare il paradosso di Fermi – la contraddizione tra le stime secondo cui esiste un’alta probabilità di civiltà intelligenti nell’universo e l’assenza di prove per tali civiltà.

Inoltre, lo scienziato ritiene che dobbiamo preparare il prima possibile una missione con equipaggio su Marte per scoprire cosa sia realmente accaduto in passato.

“Siamo già avvisati di questo possibile aspetto del cosmo”.

Non si può negare che, a parte i pregiudizi antropocentrici ortodossi, la teoria di Brandeburgo sembra più che interessante.

Antichi scritti indù ci parlano di battaglie nucleari tra gli “dei” nel remoto passato, e sono state trovate prove anche sul nostro pianeta che suggeriscono la presenza di tali armi in passato (esempio: Mohenjo-Daro).

Naturalmente, può anche essere la “proiezione della paura dell’umanità della propria autodistruzione in un’apocalisse nucleare”.

VEDI ANCHE▶ Telefono di 1.200 anni, incredibile invenzione dell’antica civiltà Chimu

A cura di Ufoalieni.it

Sostienici con una donazione. Il tuo sostegno è prezioso.
1.1K+Shares

Scrivo appassionatamente di civiltà antiche, storia, vita aliena e vari altri argomenti da più di dieci anni.

Non puoi copiare il contenuto di questa pagina